Skip to content

Ursula Hegi: Tearing the German Silence in American English

Informazioni tesi

  Autore: Elisa Trentini
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Trento
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lingue e Letterature Moderne
  Relatore: Giovanna Covi
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 48

This thesis comes from the desire to explore the paradoxical phenomenon of silence about Nazism and the Holocaust from the point of view remained unexplored for a long time, that of the many Germans who have immigrated to America after the war. The mastery Ursula Hegi, a contemporary writer, will assume a great importance, because she gave us not only a unique portrait of more than thirty years of German history, captured through the eyes of the dwarf Trudi and the microcosm of a small Rhineland village, but she gave also voice to the excruciating guilt and shame that still afflict thousands of German immigrants against Nazi crimes.
In this discussion will be considered novels Floating from My Mother's Palm (1990), Stones from the River (1994) and The Vision of Emma Blau (2000), with particular emphasis on the essay Tearing the Silence: On Being German in America (1997), which collects a series of interviews conducted by Hegi with a group of German immigrants who, overwhelmed by feelings of guilt and the silence experienced in childhood, often found themselves unable to deal with the "dark legacy" left by the their parents. Hegi tried to break through this veil of secrecy and guilt that oppresses her generation to accept herself and the past of her native Germany. Born in 1946 in a small town near Dusseldorf, Ursula Hegi moved in the United States at eighteen, where she currently teaches creative writing at Eastern Washington University. She published six novels, an essay, two collections of novels and a children's book. Feltrinelli in Italy in 2000 published "The Vision of Emma Blau" and in 1998 "Like stones in the river" which was a huge success, winning the Grinzane Cavour-2000 prize for fiction.
The thesis begins with a brief look into the causes and consequences of the long silence that surrounded the Holocaust after 1945, dissolved only in the late sixties and seventies. it will explore the social and psychological implications of the Holocaust in contemporary American life, including the proliferation of museums dedicated exclusively to the memory and the global distribution of many successful films that, according to the scholar Alvin Rosenfeld, resulted in a mere "Americanization" of the phenomenon itself.
The second section opens with a chapter that tries to retrace the personal and literary works undertaken by Ursula Hegi in her long and arduous journey toward a complete acceptance of her being a German in America, in which her life is not within the American culture, but in between two different cultures, yet so important for the definition of her own identity. Starting from Hegi's fiction, this silence in schools, families, churches, is presented as a mirror of society's general amnesia, while the indoctrination and the consequent inhibition of thinking and reasoning are explained as the main reasons that drove millions of Germans to submit blindly to a totalitarian regime. This theory will be discussed within a broader academic discussion, including psychoanalysts Wilhelm Reich, Erich Fromm and the philosopher Theodor W. Adorno.
The thesis ends with an analysis of three female characters - Helene in The Vision of Emma Blau, Hanna in Floating in My Mother's Palm and Trudi in Stones from the River - Hegi created them to demonstrate that the veil of silence of the German people can be ripped and to completely accept oneself's identity. With the courage of being different, "Others", they learn to never give up and oppose the strength of their intelligence to the oppression and indifference. From their point of view, they observe other people and discover the inner deformity. Above all stands out the character of Trudi, the dwarf of Burgdorf, who, despite her appearance, becomes a sort of confidant, a collector of stories and secrets, a kind of guardian of collective memories told in pages of books banned by the Nazis but waiting for better times. In the end, she becomes aware of being intellectually different from this hard and brutal universe that surrounds her. At the end of the fantasy Trudi becomes a princess that, as in a dream, breaks the spell of indifference and silence accepting the enigma of her body and herself as a German.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
URSULA HEGI: TEARING THE GERMAN SILENCE IN AMERICAN ENGLISH 4 1. THE SHOAH THROUGH AMERICAN EYES 1.1. THE LONG SHADOW OF SILENCE A little more than a half-century has passed since the collapse of Hitler's Third Reich, and mankind is still struggling to come to grips with its legacy of horror and bestiality. In the aftermath of World War II the so-called “civilized” world was shocked to see photographs of unimaginable horror; victims stacked in piles of hundreds and thousands, “living skeleton” 1 describing unspeakable brutality and atrocities. The scenes of mass murder that were exposed in the spring of 1945 with the opening of the Nazi extermination camps are images that will never be erased from human consciousness. But it is not enough that the crimes against humanity that were committed at Auschwitz, Treblinka, Bergen-Belsen, Buchenwald and Dachau should never be forgotten. It is no less vital that the significance and meaning of those crimes be understood. Over the past two decades, interest and growing awareness in the Shoah 2 in the world has blossomed. Similarly, a significant number of works have been published, examining the legacy of National Socialism from the perspective of a new generation that has begun to question its parents’ involvement with the Nazism and the Shoah by ushering in a multitude of questions on guilt and silence. Who was innocent; who guilty? How far will we allow ourselves to go before we speak up? 3 1 Hegi, U., Tearing the Silence: Being German in America, New York: Simon & Schuster, 1997: 267. 2 See note [1] at the end of the introduction for the discussion about the use of the term Shoah rather than Holocaust. 3 From here on, I am referring to the following historical sources about the Third Reich and the Shoah, Corni, G., Storia della Germania. Da Bismarck alla riunificazione. Milano: Saggiatore, 1995: 223-316. Grobman, G. M. (1990). The Holocaust - A guide for Teachers. Retrieved October 15, 2004, from http://www.remember.org/guide/. Mazower, M., Le ombre dell’Europa. Democrazie e totalitarismi nel XX secolo. Milano: Garzanti, 2000: 145-247. Polari, A. & M. Giappichelli. (eds). Storia e analisi storica. 3B. Giunti Scuola: Prato, 1998: 266-403. The Southern Institute for Education and Resort (2004). The Holocaust. Retrieved October 15, 2004, from http://www.southerninstitute.info/.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

shoah
tedeschi
silence
literature
german
guilt
jews
holocaust

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi