Skip to content

Il design nell'azienda, l'azienda nel design. Il caso Kartell.

Informazioni tesi

  Autore: Giulia Calabrò
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Trieste
  Facoltà: Scienze della Formazione
  Corso: Scienze della comunicazione
  Relatore: Gabriele Prof. Qualizza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 134

Nel mercato del futuro il rapporto tra individuo e design assumerà sempre più un ruolo strategico, così come sempre più importante si rivelerà la capacità delle aziende di veicolare il proprio impegno nel concepire e creare prodotti carichi di significato, di valori, che sappiano far provare emozioni e generare riflessioni. Oggi gli oggetti, se vogliono instaurare una relazione con l’individuo, devono diventare degli interlocutori con i quali è possibile avviare dei processi di identificazione e di relazione. E gli oggetti di design riescono a comunicare tutta la loro carica progettuale, il loro essere espressione di un’attività volta allo studio delle funzioni senza trascurare l’aspetto estetico, aggiungendo “pathos, emozione, polisensualismo al mondo delle merci” . Un’opera di design deve saper commuovere, comunicare sentimenti, evocare memorie, sorprendere, trasgredire. Deve farci sentire vivi. In un’epoca come la nostra, caratterizzata dal sovraffollamento dei mercati e da una competizione che assume dimensioni globali, attuare una differenziazione dei prodotti si rivela un compito necessario e improrogabile. I vecchi strumenti utilizzati fino ad ora si rivelano inefficaci, inadeguati alla complessità dei mercati e soprattutto alle nuove sfaccettature assunte dagli individui, i quali vogliono ritrovare nel mondo delle merci, ma anche nella pubblicità, nell’allestimento dei punti vendita, nei servizi, delle valenze percettive, sensoriali e artistiche. La “persona” vuole essere stimolata alla riflessione, al gioco, alla sperimentazione. Anzi vuole di più: vuole essere stupita, sorpresa di trovare sul mercato quel qualcosa che soddisfa una sua esigenza che da tempo albergava insoddisfatta dentro di lui e alla quale non sapeva dare una risposta precisa.
Ecco quindi entrare in gioco il marketing “creativo”, alleato fondamentale e interlocutore privilegiato del designer all’interno dell’azienda. Attraverso un approccio di marketing finalizzato all’esplorazione di nuovi territori, di nuovi concept, il design si propone di approfondire la conoscenza delle diverse categorie del consumatore al fine di attuare una progettazione (design) di prodotti adatti alla soddisfazione dei desideri latenti.
Il design è innanzitutto attività progettuale, basata sullo studio delle funzioni, dalle quali possono nascere delle forme innovative, dei segni mai visti. Tramite l’approfondimento delle funzioni nascono dei linguaggi formali diversi, evoluti, il che sottolinea come il design sia molto più di una semplice operazione di styling.
Il design, oltre ad essere azione progettuale, costituisce, nelle aziende caratterizzate da una produzione fortemente design oriented, anche una “filosofia” che permea l’intera struttura aziendale. Il designer sta ampliando sempre più il suo campo d’azione, occupandosi anche della presentazione del prodotto, della sua comunicazione, delle strategie distributive, degli allestimenti dei punti vendita. In questo modo la proposta che si propone agli individui è studiata in modo globale, in modo da “[…] progettare, concertare e dirigere […] tutti gli aspetti immateriali, di relazione, di servizio, di distribuzione, di immagine, di comunicazione con il mercato” . La sfida quindi che nei prossimi anni l’azienda di prodotti di design dovrà sostenere sarà quella di orientarsi verso un più “avvolgente” e completo “design della domanda”.
Kartell, azienda di Noviglio leader mondiale nella produzione di complementi d’arredo in plastica, è un esempio di come il design, se correttamente coordinato e declinato all’interno della struttura aziendale, possa costituire un vantaggio competitivo, un’arma per attrarre i nuovi consumatori alla ricerca di beni con i quali dialogare con un “linguaggio” alternativo rispetto a quello della concorrenza. Le nuove tecnologie di produzione, lo studio delle materie prime unite ad una comunicazione a 360 gradi, coerente con il prodotto, con la pubblicità, con i punti vendita e soprattutto con la mission dell’azienda, fanno di Kartell una realtà produttiva che ha saputo sfruttare i suoi punti di forza per collocarsi in modo inequivocabile nel settore dell’arredamento di design.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I Introduzione Negli ultimi decenni la struttura sociale dei Paesi sviluppati ha subito un’importante trasformazione, passando da una società contrassegnata dalla centralità della dimensione produttiva a una società nella quale il ruolo di maggior rilievo è stato assunto dai consumi. Si è voluto pertanto iniziare questo elaborato, che propone di illustrare il crescente ruolo del design come valore aggiunto nei prodotti e come emergente funzione aziendale nelle realtà produttive fortemente design oriented, proponendo una rassegna dei contributi sociologici sul tema dei consumi. Il capitolo 1 illustra le posizioni di Grant McCracken, Neil McKendrick e Colin Campbell riguardo i fenomeni che hanno portato alla nascita della società dei consumi. In seguito sono oggetto di riflessione le considerazioni di natura sociologica di Thorstein Veblen, Jean Baudrillard, Pierre Bourdieu e quelle di natura antropologica di Mary Douglas e Baron Isherwood. Di particolare rilievo appare il concetto di “patina” introdotto da McCracken. Nel XVI secolo, prima delle trasformazioni che ebbero come centro propulsore la corte di Elisabetta I, è convinzione diffusa ritenere gli oggetti domestici tramandati di generazione in generazione garanzia di onorabilità e di prestigio sociale per la famiglia che li possiede. I segni del tempo determinano su mobili, argenteria, quadri e suppellettili una superficie spenta, la patina appunto, che non può essere né imitata né riprodotta da coloro i quali ambiscono ad avanzare nella struttura sociale. È quindi un deterrente contro gli arrampicatori sociali. Col tempo e attraverso le nuove abitudini di consumo la patina viene soppiantata dal fenomeno della moda. Il nuovo scalza via il vecchio, la ricchezza e il prestigio sono ricondotti al possesso di oggetti nuovi, che non presentano la caratteristica della patina proprio perché il loro valore risiede nel fatto di non doverla manifestare, in quanto simboli delle ultime tendenze. Significa che questi oggetti possono essere acquistati potenzialmente da chiunque disponga del denaro sufficiente, quindi non solo da persone di nobili origini.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi