Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le istituzioni politiche ed amministrative nel Regno delle Due Sicilie dal 1815 al 1860

La storia delle istituzioni politiche ed amministrative nel Regno delle Due Sicilie dal 1815 al 1860 ripercorre l'origine e lo sviluppo delle istituzioni nelle Sicilie durante l'epoca borbonica.
Trattasi di un'analisi puntuale delle singole istituzioni e da un punto di vista strettamente storico e da un punto di vista giuridico con l'indicazione, talvolta, anche delle figure preminenti del periodo in questione.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Prefazione La mia intenzione, con questo lavoro che tanto mi ha impegnato, è di esporre le linee caratterizzanti il diritto pubblico del Regno delle Due Sicilie, dal 1815 al 1861, precisamente dal 20 maggio 1815 – data dell’atto sovrano di Messina col quale Ferdinando IV riassume la sovranità sul continente – al 14 febbraio 1861 – data in cui Francesco II lascia definitivamente il territorio del Regno. In particolare, il mio sforzo è consistito nell’analizzare i legami esistenti tra l’ordinamento del Regno e quelli delle epoche ad esso precedenti e successive; più volte ho cercato di soffermarmi su norme ed istituzioni anteriori al 1815 – particolarmente dei governi innovatori di Giuseppe Bonaparte e di Gioacchino Murat – o posteriori al 1861, confluite quindi nell’ordinamento unitario italiano. Da qui il costante riferimento a leggi, decreti, reali rescritti ed altri atti di governo dell’epoca, contenuti nei tanti testi giuridici e storici consultati con l’accortezza di collegare la storia giuridica con quella politica del reame, che meglio ci aiuta a capire ed interpretare anche quella dei giorni nostri. La storia recente dei popoli del meridione d’Italia, infatti, è anche conseguenza e frutto della presenza borbonica nelle Due Sicilie, in particolare di quella caratteristica mentalità conservatrice di cui era fortemente permeato il tessuto istituzionale del Regno. Eppoi, il forte desiderio di libertà e di attaccamento ai valori nazionali, manifestato in occasione dell’incontrastato sbarco in Sicilia degli americani, svolta europea nella II Guerra Mondiale, il grande rispetto per le Istituzioni, inteso ancora oggi quasi come forma di soggezione e non come pubblico servizio reso ai cittadini, sono elementi che ci consentono di percepire ancora meglio quale legame esista tuttora fra il presente ed il passato duosiciliano.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Paolo Spagnuolo Contatta »

Composta da 215 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 9801 click dal 14/03/2005.

 

Consultata integralmente 21 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.