Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Programmazione di azionamenti industriali per la gerarchizzazione in albero elettrico

Questo lavoro di tesi è finalizzato alla gerarchizzazione in albero elettrico di azionamenti elettrici mediante convertitori industriali, in particolare si è voluto impostare un ciclo di lavoro mediante programmazione di un microprocessore opzionale inserito nell’inverter master.
Qui di seguito sono stati sintetizzati i contenuti dei singoli capitoli per introdurre il lettore all’argomento trattato.
Nel capitolo I verranno innanzitutto richiamati i componenti fondamentali di un azionamento elettrico, si proseguirà con un’analisi più approfondita degli azionamenti a moto continuo in corrente alternata, per poi concludere con una panoramica sui tipi di modulazione adottati per il controllo di inverter a tensione impressa.
Nel capitolo II verranno illustrate alcune comuni applicazioni di azionamenti industriali, per poi entrare nello specifico dell’azionamento industriale utilizzato, l’Unidrive® della Control Techniques, di cui verranno evidenziate caratteristiche costruttive, potenzialità e possibilità di espansioni con l’uso di moduli opzionali.
Nel capitolo III verranno illustrati i comandi e le routine più comuni per la programmazione del modulo opzionale UD70 mediante il software DPL Toolkit , si proseguirà con un flow chart del programma realizzato con richiami al codice utilizzato nell’implementazione del ciclo di lavoro.
Il capitolo IV sarà dedicato alla descrizione delle proprietà dell’albero elettrico andando poi ad evidenziare vantaggi e svantaggi rispetto all’albero meccanico. Si darà poi una breve descrizione del modulo opzionale UD51, per quindi passare alle modalità di connessione in albero elettrico tra i due motori utilizzati, illustrando tutte le possibili soluzioni, specificando vantaggi e svantaggi di ogni configurazione.
Nel capitolo V verranno illustrate le acquisizioni ottenute tramite oscilloscopio analogico. Si darà particolare attenzione alle forme d’onda che rappresentano la velocità, nelle due realizzazioni di albero elettrico fatte in laboratorio. Si analizzeranno anche le correnti di fase dei motori, monitorate per controllare il corretto funzionamento dei motori.
Infine in Appendice verrà fornita della documentazione tecnica ed illustrazioni utili ad una migliore comprensione delle applicazioni realizzate.

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Introduzione L’uomo per sua natura ha sempre cercato di costruire strumenti e quindi macchine che lo aiutassero nei lavori ed ove possibile sostituissero. L’utilità delle macchine ne ha determinato un bisogno irrinunciabile e la loro diffusione è sempre più ampia in numerosi settori della società, dall’industria ai servizi, dall’agricoltura alle applicazioni domestiche. Ciascuna parte della macchina in movimento era collegata al motore per mezzo di dispositivi meccanici quali alberi di trasmissione, riduttori, pulegge ed innesti. Le limitazioni che questi meccanismi meccanici comportavano, venivano però ben presto evidenziate dalla continua richiesta di macchine flessibili, in grado di ottenere in tempi più brevi un prodotto di maggior qualità. Cambiare tipo di produzione significava perdere troppo tempo nella modifica delle parti meccaniche. I ritmi produttivi venivano limitati dalla velocità operativa dei dispositivi quali innesto/freni e le diverse parti della macchina, collegate secondo criteri poco flessibili, non erano in grado di rispondere ai requisiti di flessibilità imposti dal mercato. Occorreva allora trovare una soluzione per collegare direttamente e rendere indipendente ciascuna parte della macchina. Il collegamento doveva avvenire elettronicamente anziché meccanicamente. Con l’avvento dell’elettronica di potenza a basso costo ciò è divenuto realizzabile e la tendenza attuale è orientata al revamping delle aziende poiché per essere competitivi sul mercato attuale non è più possibile puntare solo sulla quantità, ma c’è bisogno di flessibilità, di

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Alessandro Di Nitto Contatta »

Composta da 102 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2437 click dal 31/01/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.