Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Controlling Costs quale indispensabile strumento di efficienza gestionale dell'impresa moderna

Per arrivare ad un razionale e congruo processo decisionale le imprese moderne necessitano di uno strumento che sia in grado di fornire loro informazioni complete sugli oneri delle utilità che concorrono all’allestimento del loro prodotto e questo strumento è dato dalla contabilità industriale o analitica.E’ chiaro che sia la contabilità generale che quella analitica partono da rilevazioni e fatti avvenuti nel passato ma la differenza fondamentale si sostanzia nel fato che mentre la prima è volta esclusivamente alla comprensione dei fatti accaduti nel periodo esaminato, la seconda, invece, deve essere predisposta per ottenere proiezioni sui risultati futuri, cioè deve essere di base e supporto per decisioni di tipo strategico. La sua applicazione va oltre, quindi, la semplice misurazione dei costi ma utilizza quest’ultima come strumento per la gestione delle risorse con l’obiettivo di massimizzare il rapporto tra le risorse utilizzate e i risultati ottenuti.Con questo lavoro si è cercato, appunto, di focalizzare l’attenzione su queste esigenze che hanno assunto il ruolo di imprescindibili necessità per un imprenditore moderno che voglia davvero attuare una corretta e proficua gestione aziendale. Nel quadro degli approcci flessibili della contabilità analitica ricade l’oggetto della tesi, cioè il Target Costing.Il T. C., denominato anche cost planning o cost project, mentre in Giappone, dove ha avuto origine, prende il nome di genkakikaku o mokhyou, può essere, sinteticamente, definito come uno strumento di pianificazione, gestione e riduzione dei costi di un nuovo prodotto. Il T.C. permette una gestione parallela e contemporanea delle varie fasi di sviluppo e lancio del nuovo prodotto partendo dalla determinazione di un target cost (costo obiettivo) al quale realizzarlo per garantire all’impresa una redditività adeguata. La tesi attraverso l’approfondimento dello svolgimento del processo di applicazione della metodologia e dei suoi strumenti di supporto nonché dall’analisi dei due cases study pone, in particolare, in risalto i tre elementi che sanciscono una rottura rispetto alle impostazioni tradizionali. Primo elemento è la modalità di determinazione del prezzo del nuovo prodotto. Nel T.C. il prezzo non è più una variabile indipendente ma un valore risultante da due elementi: il prezzo di mercato previsto e il margine di profitto stimato in sede di pianificazione. Importante non è solo sottolineare l’inversione dell’equazione ma il completo ribaltamento della mentalità manageriale, base di partenza diviene quindi la convinzione secondo cui l’azienda deve operare adeguandosi rapidamente ed economicamente alle richieste del mercato per cui anche il costo deve adeguarsi al prezzo che il mercato è disposto a pagare per beneficiare del valore insito nel prodotto.Progettare prodotti significa, quindi, operare in modo da ridurre in partenza i costi operativi, migliorando la qualità ed avendo sempre presente gli obiettivi di soddisfazione del mercato, questo significa andare oltre semplici decisioni di budget., significa prendere decisioni strategiche. Cambia, pertanto, il ruolo svolto dall’analisi dei costi, nelle moderne imprese occidentali, sulla scia delle esperienze giapponesi, viene utilizzata non tanto e non solo per fornire numeri precisi quanto piuttosto per motivare gli operatori aziendali e spingerli ad agire in modo conforme alle strategie perseguite. Ultimo elemento e variabile chiave nel determinare il successo nell’applicazione del T.C. è la dimensione organizzativa. Il T.C. può essere a ragione considerato non solo una tecnica di calcolo e gestione dei costi ma un vero e proprio stile di comportamento che pregna l’intera organizzazione orientandola verso azioni di miglioramento continuo per la riduzione dei costi. Si richiede cioè che nel processo venga coinvolto l’intero personale che deve conoscere approfonditamente le dinamiche di svolgimento del processo steso ed essere convinto della sua validità. L’applicazione della metodologia del Target Costing come “nuovo stile di comportamento” che individua nella “dimensione organizzativa” un fattore chiave incontra inevitabili difficoltà nelle imprese occidentali e in particolare in quelle italiane. Per introdurre con successo nuovi strumenti occorre una mentalità nuova e un ambiente umano recettivo.Una soluzione ottimale può consistere nel passaggio graduale verso il cambiamento fatto di tappe intermedie, partendo dal top e dal middle management scendendo progressivamente verso la base della struttura organizzativa. Riuscire ad applicare moderne tecniche per la gestione dei costi è ormai da considerare indispensabile le aziende devono innanzitutto conoscere approfonditamente le loro dinamiche interne, riuscendo ad organizzare, programmare e controllare razionalmente l’attività aziendale.

Mostra/Nascondi contenuto.
CAPITOLO PRIMO L’evoluzione dei sistemi di governo Dalla Contabilità Analitica al Cost Management. 1. Il Cost Accounting e i fattori che ne hanno determinato la crisi. I profondi cambiamenti della società avvenuti nell’ultimo ventennio hanno portato ad una revisione critica del ruolo svolto dalla contabilità analitica, dagli strumenti, dalle tecniche e dalle metodologie che ricadono nel suo ambito. Lo sviluppo dell’Accounting si fa risalire al periodo a cavallo tra gli anni cinquanta e i primi anni sessanta, quando l’espansione dei mercati favoriva la rapida crescita delle aziende e i fattori critici erano pochi e di grande peso.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Manuela Monaco Contatta »

Composta da 226 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4259 click dal 03/02/2005.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.