Skip to content

Il c.d. Approccio transnazionale al controllo delle attività delle imprese multinazionali: il fenomeno dei codici di condotta privati

Informazioni tesi

  Autore: Gianluca Serra
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2002-03
  Università: Università degli Studi di Napoli "L'Orientale"
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Internazionali e Diplomatiche
  Relatore: Di Lieto Anna
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 231

L’annosa questione del controllo delle attività delle imprese multinazionali (IMN) costituisce una tessera centrale nel mosaico degli elementi che concorrono ad affrescare il tema della crisi della sovranità statale. Quest’ultima, lungi dal configurarsi come un processo lineare, si presenta all’internazionalista come un fenomeno complesso, carico di contraddizioni interne. Infatti, se, da un lato, la crescente sensibilità dimostrata dalla comunità internazionale per la tutela dei diritti umani sembra sgretolare, a vantaggio dell’individuo, il monolite bodeniano della sovranità statale (basti pensare alla prassi dell’intervento -autorizzato o meno dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite- di stati terzi in guerre civili accompagnate da gravi e sistematiche violazioni dei diritti umani), dall’altro, le IMN, muovendosi secondo logiche che trascendono la geografia dei confini politici e giuridici dei singoli stati, espongono diritti e politiche -che proprio nella sovranità hanno storicamente trovato il loro campo di definizione ed attuazione- al verosimile rischio di una diluizione, o peggio dissoluzione, nell’anomia dell’oceano globale.
Dotate di una struttura proprietaria e di controllo altamente mobile e flessibile, le IMN sono capaci di interferire con le politiche socio-economiche perseguite dai governi e di eludere le legislazioni nazionali. Ad esempio, le IMN tendono ad operare tattiche di transfer pricing ai danni degli erari nazionali, ad allocare segmenti del processo produttivo ad alta intensità di lavoro e/o cui si associa un elevato rischio ecologico in Paesi nei quali non esistono (ovvero esistono e non sono applicate) legislazioni a tutela del lavoratore e/o dell’ambiente…
Un sistema che da “internazionale” (cioè fondato su rapporti tra stati-sovrani, capaci di controllare le dinamiche delle rispettive comunità territoriali) diviene progressivamente “globale” (cioè fondato su reti di attori transnazionali che by-passano e depotenziano le sovranità) non può che vedere la dimensione giuridico-politica comprimersi in favore di una incalzante dimensione economica, le cui impersonali leggi di domanda ed offerta paiono ergersi ad unici criteri regolatori. Quale destino, in un tale scenario, per la tutela di posizioni giuridiche positive individuali e collettive? Quale destino per la praticabilità di azioni pubbliche volte al perseguimento di obiettivi di interesse generale?
Dal sinolo attività delle imprese multinazionali-crisi della sovranità statale prende le mosse la presente tesi, il cui fine ultimo è quello di mettere in luce i rischi e le potenzialità connessi ad un approccio alla questione del controllo delle IMN teoricamente incentrato sul paradigma dell’auto-regolamentazione e praticamente mediato dai codici di condotta privati (c.d. approccio transnazionale). Questo costituisce una “terza via”, complementare e non alternativa, ai già sperimentati approcci statale ed interstatuale, i quali hanno in comune il fatto di fondarsi su un concetto di normatività, per così dire, “tradizionale”, cioè legato al monopolio statale di produzione delle regole, e conseguentemente di eteronomia del diritto per i soggetti non statali. L’approccio transnazionale colloca, invero, la questione del controllo delle IMN oltre le due classiche estrinsecazioni (interna ed internazionale) dell’attività di normazione svolta dallo stato, aprendo la strada ad una visione pluralistica del diritto internazionale, cioè all’eventualità che lo stesso possa essere creato non solo da quei tradizionali “law-makers” che sono gli stati (operanti ora uti singuli ora nell’ambito di organizzazioni internazionali) ma anche da soggetti non statali, quali appunto le IMN, che ne sono i destinatari.
L’impianto complessivo del nostro contributo si articola in due principali momenti. Nella parte I, dopo aver tracciato i profili definitori di IMN rilevanti ai fini della successiva analisi (capitolo primo), ci si confronta con aspetti storici e giuridici (sia materiali che effettuali) del movimento dei codici di condotta privati delle IMN (capitolo secondo); quindi, si guarda alla posizione assunta rispetto al movimento in parola da alcuni salienti soggetti della società economica internazionale (capitolo terzo). Nella parte II, si tenta, infine, di rivisitare, dalla prospettiva transnazionale (leggi: dal punto di vista dei codici di condotta privati), il rapporto tra diritto internazionale dell’economia e la tutela dei diritti dei lavoratori (capitolo quarto).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
VI Introduzione “Per globalizzazione s’intende il processo in seguito al quale gli stati nazionali e le loro sovranità vengono condizionati e connessi trasversalmente da attori transnazionali, dalle loro chances di potere, dai loro orientamenti, identità e reti.” Beck 1 1. Attività delle imprese multinazionali e crisi della sovranità statale. L’epigrafica definizione di “globalizzazione” elaborata dal sociologo tedesco è posta ad incipit in ragione della sua capacità di fungere da “cavallo di Troia”: essa, lungi dall’aprire percorsi logici tortuosi e dallo sbocco incerto, immette il discorso -per continuare la metafora omerica- proprio all’interno delle mura del tema in esame. La crisi dello stato nazionale, interpretata alla luce dello stringente nesso esistente tra attività delle imprese multinazionali (IMN), sineddoche della globalizzazione, e sovranità statale, costituisce, infatti, il prius concettuale della presente trattazione. Le IMN sono -così come affermato in un parere reso nel 1972 dal Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite 2 - delle “sociétés dont le siège social est dans un pays déterminé et qui exercent leur activités dans un ou plusieurs autres pays, par l’intérmédiare de succursales ou de filiales qu’elles coordonnent 3 ”. Per quanto costituite secondo le regole di diritto dei vari paesi ospite (host countries), succursali e filiali sono, sia pure a titolo diverso, partecipi di quello che, in prima approssimazione, può dirsi “un 1 Ulrich Beck, Che cos’è la globalizzazione, Roma, 1999, p. 23. 2 Il tentativo definitorio del Consiglio economico e sociale ONU ci pare, in questa sede, sufficiente, in quanto funzionale a finalità meramente introduttive. Per una sistematica ed esaustiva definizione di “IMN” si fa rinvio al capitolo primo, par. 2. 3 “Società la cui sede sociale è in un determinato paese e che esercitano le loro attività in uno o più altri paesi, attraverso succursali o filiali che esse coordinano” (traduz. nostra).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi