Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La poesia dello spazio. Il teatro radiofonico in Italia (1924-1974)

Nei cinquant'anni che trascorsero dal ventennio fascista alla metà degli anni Settanta, parallelamente ad un fondamentale ruolo pedagogico il medium radiofonico fu protagonista di una intensa ricerca artistica precipua ai propri mezzi. Artaud, Brecht, Beckett, Squarzina, De Filippo, Carmelo Bene, sono solo alcuni tra coloro che nell'arco del Novecento dettero il proprio contributo a un'arte che raggiunse vette drammaturgiche inaspettate. Questo lavoro si propone di seguire e analizzare socio-storicamente lo sviluppo di questa bellissima e ormai decaduta forma artistica: il teatro radiofonico.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Parlare di teatro radiofonico significa trattare un argomento molto articolato, costellato da una moltitudine di teorie dei più famosi studiosi, artisti e intellettuali del Novecento europeo e americano; significa parlare di un genere artistico che mette in crisi la stessa etimologia del termine “spettacolo” (dal latino spectare, guardare con attenzione), di una forma d’arte che per molto, troppo tempo, in Italia è stata considerata di ‘serie b’, mentre in altri paesi, Francia, Germania e Inghilterra in testa, raggiungeva straordinari risultati e ampia considerazione. Ma significa, soprattutto, dibattere sull’intangibile, sull’etereo, sull’immateriale. Ed è proprio questo il fascino di questa arte, un’arte uditiva, fatta esclusivamente di parole, suoni e rumori, elementi primordiali della comunicazione che lavorano all’interno della psiche umana, arrivando a stimolare il lato più istintivo e arcaico della nostra percezione. Grazie a questo complesso di fattori si viene a creare, così, tutto un mondo, una dimensione sonora totalmente completa e autosufficiente da non necessitare di altro che dei propri elementi costitutivi. Poche forme d’arte possono parlare più direttamente del radioteatro all’intelletto e all’immaginazione dei raffinati; poche trovar meglio, con la semplicità dei motivi, la strada al sentimento delle moltitudini […]. C’è una sublime semplicità che tutti possono intendere. Vi sono dimesse parole che aprono anche al più sapiente i loro sconfinati orizzonti di luce 1 . ‘Teatro invisibile’, ‘teatro per ciechi’, ‘teatro per surauditivi’, fin dall’inizio si è sentita l’esigenza di etichettare il teatro radiofonico secondo schemi e princìpi propri di un inadeguato e restrittivo sistema “familiare” di catalogazione, cercando, invano, di ricondurre questo nuovo e sfuggente genere artistico a rassicuranti orizzonti conosciuti; ci si rese presto conto, 1 Enrico Rocca, Panorama dell’arte radiofonica, Milano, Bompiani, 1938, pp. 275-276.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Cristiano Minelli Contatta »

Composta da 178 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3957 click dal 22/02/2005.

 

Consultata integralmente 11 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.