Skip to content

Culture, tourism and Fascism in Venice 1919-1945

Informazioni tesi

  Autore: Stefania Longo
  Tipo: Tesi di Dottorato
Dottorato in PhD iin Storia
Anno: 2005
Docente/Relatore: Jonathan Morris
Correlatore: AxelKornerCarlLevy
Istituito da: University College London
Dipartimento: Dipartimento Storia
  Lingua: Inglese
  Num. pagine: 274

The thesis aims to determine whether the project of 'nationalization of the masses' promoted in Venice by fascism through culture was successful, or whether local authorities were interested in using exhibitions, concerts, festivals and theatrical pieces to the revive local cultural tourism after an industrial project in the thirties moved all economic activity to local Mestre and Marghera, and the only alternative for the center was to invest on tourism development.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 1. Introduction Nearly six decades after the end of the Second World War and the final collapse of the Fascist regime, the nature of Italian Fascism and its relationship with the cultural sphere still remains elusive. An enormous and seemingly ever-growing literature has focused on the Fascist political system, the necessary preconditions for the emergence of Fascist parties, the methods by which the Fascists succeeded in seizing power, the defining features of Fascist ideology, the nature of Fascist rule after the regime had been established, and the atrocities committed against internal dissidents and external opposition. It was long held that Italian Fascism had neither an original ideology nor a specific historical place and that it lacked a genuine culture of its own. This view was first expressed by the liberal thinker Benedetto Croce who saw Fascism as a ‘parenthesis’ in history, a period which did not properly reflect developments in Italian society and politics before 1919, and which left few traces on the subsequent phase of Italian democratic progress after 1943. 1 Our image of Fascism has been heavily influenced not only by the repressive systems imposed upon several European countries but also by ‘the inability of much of the earlier post-war Marxist historiography to recognize in [Fascism] anything but false consciousness, economic stagnation and social regression’. 2 This post-war Marxist interpretation, ‘intricately bound up in the partisan experience, saw Fascism’s relationship to culture as it did its relationship to society – namely, as the superstructure built upon the base of a reactionary capitalist dictatorship. Here Fascist cultural policy directly replicated larger processes of domination and control; its official culture obfuscated reality and confused audiences with distorted perceptions’. 3 Culture under Fascism was therefore considered merely as an arm of propaganda for the ‘purpose of indoctrination and suppression’. 4 1 See for instance, Benedetto Croce, Scritti e Discorsi Politici (1943-1947), vol. I, Bari, Laterza, 1969, pp. 7-16. 2 David Forgacs (ed.), ‘Introduction: why rethink Italian Fascism’, in Rethinking Italian Fascism: Capitalism, Populism and Culture, London, Lawrence and Wishart, 1986, p. 4. 3 Marla Stone, The Patron State. Culture and Politics in Fascist Italy, Princeton, Princeton University Press, 1998, p. 11. 4 Ibid.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

porto marghera
venice biennale
venice film festival
fascist ideology
cultural institutions
nationalization of the masses
cultural tourism

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi