Skip to content

Spazio e tempo nel teatro in prosa di Gabriele D'Annunzio. Il melograno infernale.

Informazioni tesi

  Autore: Silvia Benedetti
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1997-98
  Università: Università degli Studi di Parma
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Luigi Allegri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 160

Due strutture hanno determinato le linee guida sulle quali è stata orientata e costruita la tesi: una struttura portante che ha avuto come nuclei originari la concezione dello spazio e del tempo nel teatro dannunziano, sostenuta al di sotto da un’altra struttura, latente, che ha completato la prima mettendola in relazione con il senso che D’Annunzio ha della terra e della natura.
Il tempo entra come soggetto indiretto, ma principale, del teatro dannunziano, per essere sconfitto nel suo potere sulla volontà umana; nelle tragedie di D’Annunzio, spesso, il passato secolare riemerge nel presente non come ricordo, ma con una forza tale da influenzare e dirigere gli eventi. E’ il caso della Città morta dove però, ottimisticamente, l’uomo ottiene la vittoria finale sul tempo alterandone quell’eredità o maledizione che nessuno nei secoli era riuscito a scavalcare. Oppure il tempo è sconfitto, o meglio ignorato, attraverso il rifiuto della storia, intesa sia come susseguirsi di avvenimenti politici (La Gloria) sia come storia personale superata nell’oblio dato dalla follia, nel Sogno d’un mattino di Primavera.
Questo attacco verso lo strapotere della categoria temporale ha una notevole importanza culturale, poichè non è un caso limitato al teatro dannunziano. Negli anni a cavallo tra XIX e XX secolo e nei primi decenni del ‘900, si assiste in tutti i campi culturali ad una erosione del concetto di assoluto temporale (Nietzsche in campo filosofico, Ibsen, Maeterlinck, Wagner e successivamente Beckett in quello teatrale, Proust in letteratura, solo per citarne alcuni) che culminerà nella scoperta, scientifica questa volta, che classificherà il tempo come una forza esclusivamente relativa: sono questi i risultati a cui approdò la teoria della relatività di Einstein.
Lo spazio interviene nella analisi, prima portando il suo contributo alla tematica tempo (lo spazio assorbe gli eventi accaduti sul suo suolo, per riemetterli in un successivo momento) poi aprendo due nuove possibilità di analisi nel teatro dannunziano.
La prima possibilità entra nello specifico teatrale, considerando lo spazio che si materializza sulla scena; molta importanza è stata data alle potenzialità espressive del colore, a cui è stato dedicato un intero capitolo nel quale, ad una analisi degli effetti e delle impressioni contenuti in potenza nei colori che emergono dalle opere dannunziane, si associano riferimenti all’importanza che l’uso coloristico aveva in tutto il teatro europeo di quegli anni (Appia, Ricciardi, Fortuny…).
L’altra possibilità data dall’analisi dello spazio, introduce alla struttura latente a cui si accennava all’inizio e che serpeggia lungo tutto lo scritto, a volte emergendo in maniera decisa, altre rimanendo sotterranea. E’ quella struttura che giustifica il sottotitolo di Melograno infernale e che instaura un legame tra il tipo di spazio naturale, che determina l’ambientazione, ed i personaggi che sono ad esso fortissimamente legati. I personaggi protagonisti e spesso anche vittoriosi rivelano un profondo legame con l’elemento terra o con la natura, là dove è meno dominata dalla forza logica, geometrizzante dell’uomo. I giardini, le abitazioni sono il luogo della vita contingente, dove le persone conducono un’esistenza normale, ma i deserti sitibondi, la selva fittissima, la pianura libera e fitta di vegetazione sregolata, sono interdette ai personaggi legati al tempo storico, contrariamente sono i luoghi dove gli eroi e le eroine dannunziane prendono la loro forza a contatto con la forza più istintiva ed irrazionale della natura.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I SPAZIO E TEMPO NEL TEATRO IN PROSA DI GABRIELE D’ANNUNZIO. IL MELOGRANO INFERNALE. INTRODUZIONE Due strutture hanno determinato le linee guida sulle quali è stata orientata e costruita la tesi: una struttura portante che ha avuto come nuclei originari la concezione dello spazio e del tempo nel teatro dannunziano, sostenuta al di sotto da un’altra struttura, latente, che ha completato la prima mettendola in relazione con il senso che D’Annunzio ha della terra e della natura. Il tempo entra come soggetto indiretto, ma principale, del teatro dannunziano, per essere sconfitto nel suo potere sulla volontà umana; nelle tragedie di D’Annunzio, spesso, il passato secolare riemerge nel presente non come ricordo, ma con una forza tale da influenzare e dirigere gli eventi. E’ il caso della Città morta dove però, ottimisticamente, l’uomo ottiene la vittoria finale sul tempo alterandone quell’eredità o maledizione che nessuno nei secoli era riuscito a scavalcare. Oppure il tempo è sconfitto, o meglio ignorato, attraverso il rifiuto della storia, intesa sia come susseguirsi di avvenimenti politici (La Gloria) sia come storia personale superata nell’oblio dato dalla follia, nel Sogno d’un mattino di Primavera. Questo attacco verso lo strapotere della categoria temporale ha una notevole importanza culturale, poiché non è un caso limitato al teatro dannunziano. Negli anni a cavallo tra XIX e XX secolo e nei primi decenni del ‘900, si assiste in tutti i campi culturali ad una erosione del concetto di assoluto temporale (Nietzsche in campo

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi