Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Vita, morte e ''miracoli'' dell'Economia e del (sotto) Sviluppo in Campania-1860/2004

Il presente lavoro è un saggio di approfondimento tematico per la Pubblica Amministrazione:
nel maggio 2004, infatti, l'Ufficio Analisi e Ricerca della D.R.E. Campania pubblicava la tesi "L'economia e lo Sviluppo in Campania nel 2003", la scrivente, dalla D.R.E. Lombardia, ne appronfondiva storicamente i contenuti con la tesi in questione che dedicava alla D.R.E. della Campania, sviluppando i temi concreti della fin troppo falsificata Questione Meridionale e del contro-Risorgimento, invocando l'onestà intellettuale, in qualità di ricercatrice storica, giornalista e scrittrice meridionalista e fornendo fonti relative. Alla tesi è abbinato anche un documentario tematico molto "forte" realizzato dal regista Mauro Caiano; l'opera così completa, è innovativa dal punto di vista della comunicazione e diffusione presso terzi, pur trattando tematiche antiche, allo stato presente ancora irrisolte.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Premessa A cura di Bianca Maria Paladino e dell'Ufficio Analisi e Ricerca, la Direzione Regionale delle Entrate della Campania pubblicava nel maggio 2004 la "guida economica" L'ECONOMIA E LO SVILUPPO IN CAMPANIA NEL 2003, ad uso di tutti gli uffici locali della regione, quale studio propedeutico alla consapevolezza delle realtà economiche territoriali nelle diverse province, utile per la realizzazione delle attività di controllo degli uffici medesimi. Monitorare la Campania nella sua realtà socio-economica eleggendola regione "campione" di tutto il Sud - dichiara la Paladino - è dovuto al fatto che "... l'intero Mezzogiorno e la Campania in particolare restano luoghi privilegiati d'osservazione dell'economia, tanto più in tempi come questi di rapida trasformazione non solo dei mercati ma anche delle modalità attraverso cui la produzione economica viene attuata (il cambiamento delle regole di accesso al mondo del lavoro, la diffusione della tecnolo-gia, l'adozione sempre più crescente di forme negoziali assunte da sistemi giuridici diversi dal nostro, l'accresciuta presenza dei capitali finanziari nelle società di capitali e la tendenza alle concentrazioni delle aziende, l'allargamento degli spazi economici di mercato oltre i confini degli Stati, ovvero la glo-balizzazione). E, se è vero che i riflessi dell'economia si riversano sempre sulla realtà sociale, gli effetti che questi producono in contesti territoriali nei quali convivono da sempre economie e sub-economie, divengono particolarmente interessanti e talvolta persino imprevedibili "perciò" l'attività di controllo che l'Agenzia delle Entrate svolge sul territorio è proprio per questo complessa e delicata, poiché in certi casi interviene direttamente a regolare un contesto economico che presenta delle anomalie fiscali (attività amministrativa), in certi altri ha necessità di ricorrere all'ausilio di organi di polizia giudiziaria per un più incisivo intervento diretto a rilevare violazioni penali collegate a sistemi di economia sommersa (attività di controllo di ordine pubblico) ". Morale? Ciò che si vuole perseguire attraverso la lettura del dossier in questione è "…sollecitare gli uffici ad una sorta di allargamento dello sguardo, per così dire dalle finanze all'economia, nella coerenza del rinnovato ambito di competenza del Ministero per il quale l'Agenzia svolge i suoi compiti". Riconosco alla collega Paladino - aldilà dei sufficienti dati statistici completi che l'è stato possibile recuperare - credo, non senza qualche difficoltà (soprattutto, immaginandone il periglioso lavoro di ricerca) - uno specifico merito che sta tutto nel coraggioso tentativo di " umanizzazione" e di rilettura in chiave non cattedratica dell'asettica materia finanziaria e dei fenomeni economici, perché siano comprensibili a chiunque, senza inutili sortite nella sociologia che è, invece, spicciola scienza dell'ovvio se si limita a mera disquisizione semifilosofica e fantastica quando relativa ad un soggetto a-storico. Dopo aver inquadrato in quest'ottica felice l'innovativo lavoro della collega napoletana mi è parso quasi d'essere stata " invitata a nozze", essendo da decenni - per pura passione culturale - un'apprezzata ricercatrice storico-meridionalista e, con un briciolo d'autostima conquistata duramente sul campo (convinta che non sia scambiata dai lettori per "presunzione"…ch'è invece notoriamente figlia dell'ignoranza!) desidero aprire un dialogo sul controverso tema economico trattato con rara sensibilità dalla D.R.E. della Campania, raccogliendone il testimone, nel

Tesi di Specializzazione/Perfezionamento

Autore: Marina Salvadore Contatta »

Composta da 135 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1521 click dal 28/04/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.