Skip to content

L'aeroporto come luogo del consumo: il caso Fiumicino.

Informazioni tesi

  Autore: Marta Sclafani
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2003-04
  Università: Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM)
  Facoltà: Relazioni Pubbliche e Pubblicità
  Corso: Relazioni pubbliche e pubblicità
  Relatore: Vanni Codeluppi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 104

Negli ultimi anni l’ambiente aeroportuale, da puro luogo di transito, si è evoluto verso forme socialmente, culturalmente e commercialmente ricche. L’aeroporto ha così una nuova funzione: quella di luogo del consumo. L’aerostazione moderna viene oggi progettata per creare un ambiente stimolante per i passeggeri che si lasciano tentare da numerose vetrine, offerte, eventi e abbagliare da enormi immagini pubblicitarie.
Luogo ormai pervaso dalla cultura del consumo, l’aerostazione ha assunto grande importanza negli ultimi anni, tanto da essere oramai considerato uno spazio a se stante, che rivaleggia con il centro delle città, dalle quali ha ereditato una moltitudine di attività e modi di vivere la socialità. Il terminal funge altresì da soglia verso un’esperienza nuova e diversa: ha il potere di immergerci in uno spettacolo composto dall’architettura scenografica dei luoghi e dall’esposizione delle lussuose merci, che allettano i nostri sensi. E’ la porta d’ingresso per il “diverso” e il “nuovo”. E’ un ambiente che ci fa viaggiare ancor prima di prendere l’aereo, che ci permette di allontanarci dalla routine quotidiana e vivere un’inedita consapevolezza, sorprendente e spettacolare. L’aeroporto è una realtà spaziale che sempre più assume una centralità sociale e comunicativa, tanto che anche il grande Spielberg ne ha tratto ispirazione per il film "The Terminal" - ispirato all'avventura reale di un esiliato iraniano rimasto per anni chiuso dentro all'aeroporto Charles de Gaulle di Parigi in aeroporto per una sua forma nevrotica – dove il protagonista Viktor (Tom Hanks) si ritrova bloccato al JFK di New York in attesa dell'autorizzazione per entrare negli States che non arriva mai. Significativa è una scena del film: il disorientato e confuso protagonista domanda al poliziotto che lo accompagna nell’area passeggeri (dove passerà molti mesi) che cosa potrà fare lì in quel momento. “L’unica cosa che può fare in un aeroporto. Shopping” si sente rispondere scetticamente.

Il mio percorso inizia da un’analisi, secondo la prospettiva sociologica, degli aspetti e delle funzioni dei luoghi del consumo (capitolo 1). Segue uno studio sull’evoluzione dell’aeroporto di Fiumicino da luogo di transito impersonale ed anonimo ad ambiente fatto di emozioni e, soprattutto, di consumo (capitolo 2), per poi terminare con un’indagine sull’attualità sociologica del Leonardo da Vinci (capitolo 3).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE L’aeroporto è una realtà che mi ha sempre affascinato molto. Anche prima che iniziassi a lavorarci, l’aerostazione è un luogo che ha sempre destato in me una grande attrazione e forti emozioni. Mi è sempre piaciuto osservare il via vai nei corridoi, le espressioni e i gesti dei viaggiatori, immaginare le loro sensazioni. Dalle semplici operazioni per imbarcarsi sul volo, alle commozioni dei saluti prima del controllo bagagli o alla sala arrivi, la vita aeroportuale mi incanta continuamente. Amo soffermarmi su quella miriade di suoni, colori e immagini tambureggianti, che contribuiscono a creare un’atmosfera viva e luminosa in quest’ambiente. Così, la mia prova finale nasce da un forte interesse per la vita aeroportuale e altresì per la sociologia dei consumi: un’occasione per abbinare il mio attuale lavoro a quella parte dei miei studi che amo particolarmente. Ho studiato l’attualità del principale aeroporto in Italia, il Leonardo da Vinci di Fiumicino, che mi affascina particolarmente per la sua architettura luminosa e innovativa, i numerosi negozi, i giganteschi manifesti pubblicitari che sicuramente contribuiscono ad enfatizzare ulteriormente la sua immagine di grande spazio “dove consumare”. Il mio percorso inizia da un’analisi, secondo la prospettiva sociologica, degli aspetti e delle funzioni dei luoghi del consumo (capitolo 1). Segue uno studio sull’evoluzione dell’aeroporto di Fiumicino da luogo di transito impersonale ed anonimo ad ambiente fatto di emozioni e, soprattutto, di consumo (capitolo 2), per poi terminare con un’indagine sull’attualità sociologica del Leonardo da Vinci (capitolo 3). Ho osservato e descritto lo spazio dell’aeroporto romano cercando di effettuare un’analisi che fosse la più oggettiva possibile, insieme al sostegno di utilissimi e aggiornati dati di ricerca, gentilmente concessi da Aeroporti di Roma, i quali hanno sicuramente contribuito significativamente al mio lavoro.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi