Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'aeroporto come luogo del consumo: il caso Fiumicino.

Negli ultimi anni l’ambiente aeroportuale, da puro luogo di transito, si è evoluto verso forme socialmente, culturalmente e commercialmente ricche. L’aeroporto ha così una nuova funzione: quella di luogo del consumo. L’aerostazione moderna viene oggi progettata per creare un ambiente stimolante per i passeggeri che si lasciano tentare da numerose vetrine, offerte, eventi e abbagliare da enormi immagini pubblicitarie.
Luogo ormai pervaso dalla cultura del consumo, l’aerostazione ha assunto grande importanza negli ultimi anni, tanto da essere oramai considerato uno spazio a se stante, che rivaleggia con il centro delle città, dalle quali ha ereditato una moltitudine di attività e modi di vivere la socialità. Il terminal funge altresì da soglia verso un’esperienza nuova e diversa: ha il potere di immergerci in uno spettacolo composto dall’architettura scenografica dei luoghi e dall’esposizione delle lussuose merci, che allettano i nostri sensi. E’ la porta d’ingresso per il “diverso” e il “nuovo”. E’ un ambiente che ci fa viaggiare ancor prima di prendere l’aereo, che ci permette di allontanarci dalla routine quotidiana e vivere un’inedita consapevolezza, sorprendente e spettacolare. L’aeroporto è una realtà spaziale che sempre più assume una centralità sociale e comunicativa, tanto che anche il grande Spielberg ne ha tratto ispirazione per il film "The Terminal" - ispirato all'avventura reale di un esiliato iraniano rimasto per anni chiuso dentro all'aeroporto Charles de Gaulle di Parigi in aeroporto per una sua forma nevrotica – dove il protagonista Viktor (Tom Hanks) si ritrova bloccato al JFK di New York in attesa dell'autorizzazione per entrare negli States che non arriva mai. Significativa è una scena del film: il disorientato e confuso protagonista domanda al poliziotto che lo accompagna nell’area passeggeri (dove passerà molti mesi) che cosa potrà fare lì in quel momento. “L’unica cosa che può fare in un aeroporto. Shopping” si sente rispondere scetticamente.

Il mio percorso inizia da un’analisi, secondo la prospettiva sociologica, degli aspetti e delle funzioni dei luoghi del consumo (capitolo 1). Segue uno studio sull’evoluzione dell’aeroporto di Fiumicino da luogo di transito impersonale ed anonimo ad ambiente fatto di emozioni e, soprattutto, di consumo (capitolo 2), per poi terminare con un’indagine sull’attualità sociologica del Leonardo da Vinci (capitolo 3).

Mostra/Nascondi contenuto.
3 INTRODUZIONE L’aeroporto è una realtà che mi ha sempre affascinato molto. Anche prima che iniziassi a lavorarci, l’aerostazione è un luogo che ha sempre destato in me una grande attrazione e forti emozioni. Mi è sempre piaciuto osservare il via vai nei corridoi, le espressioni e i gesti dei viaggiatori, immaginare le loro sensazioni. Dalle semplici operazioni per imbarcarsi sul volo, alle commozioni dei saluti prima del controllo bagagli o alla sala arrivi, la vita aeroportuale mi incanta continuamente. Amo soffermarmi su quella miriade di suoni, colori e immagini tambureggianti, che contribuiscono a creare un’atmosfera viva e luminosa in quest’ambiente. Così, la mia prova finale nasce da un forte interesse per la vita aeroportuale e altresì per la sociologia dei consumi: un’occasione per abbinare il mio attuale lavoro a quella parte dei miei studi che amo particolarmente. Ho studiato l’attualità del principale aeroporto in Italia, il Leonardo da Vinci di Fiumicino, che mi affascina particolarmente per la sua architettura luminosa e innovativa, i numerosi negozi, i giganteschi manifesti pubblicitari che sicuramente contribuiscono ad enfatizzare ulteriormente la sua immagine di grande spazio “dove consumare”. Il mio percorso inizia da un’analisi, secondo la prospettiva sociologica, degli aspetti e delle funzioni dei luoghi del consumo (capitolo 1). Segue uno studio sull’evoluzione dell’aeroporto di Fiumicino da luogo di transito impersonale ed anonimo ad ambiente fatto di emozioni e, soprattutto, di consumo (capitolo 2), per poi terminare con un’indagine sull’attualità sociologica del Leonardo da Vinci (capitolo 3). Ho osservato e descritto lo spazio dell’aeroporto romano cercando di effettuare un’analisi che fosse la più oggettiva possibile, insieme al sostegno di utilissimi e aggiornati dati di ricerca, gentilmente concessi da Aeroporti di Roma, i quali hanno sicuramente contribuito significativamente al mio lavoro.

Laurea liv.I

Facoltà: Relazioni Pubbliche e Pubblicità

Autore: Marta Sclafani Contatta »

Composta da 104 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5112 click dal 22/03/2005.

 

Consultata integralmente 20 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.