Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Tre personaggi etici del cinema di Alberto Sordi: Il vigile, Una vita difficile, Il commissario

Questo lavoro è stato realizzato allo scopo di approfondire una parte importante del percorso artistico di Alberto Sordi, all’interno del cinema italiano.
Alberto Sordi è morto il 24 Febbraio 2003 a Roma, la città in cui era nato il 15 Giugno 1920. La scomparsa di un attore che è divenuto negli anni il simbolo del cinema e del costume in Italia, ha inevitabilmente avviato un dibattito che ha coinvolto registi, critici, pubblico, e coinvolto anche parte della politica. Molti si sono interrogati circa il ruolo e la figura di Alberto Sordi come attore e come personaggio. Sordi è stato o no un grande attore? Qualcuno lo ha definito superficialmente nient’altro che una “maschera” romana, qualcun altro invece, un grande caratterista. Ma, come ha fatto notare Dustin Hoffman nel ricordarlo, Alberto Sordi è tuttora materia di approfondimento didattico all’Actor Studio’s negli Stati Uniti.
E’ stata la figura cosidetta di “Italiano Medio” portata sugli schermi da Sordi, che ha suscitato interpretazioni polemiche e avventate da parte di molti addetti ai lavori, spesso non comprendendo a fondo il significato morale e lo scopo sociale di quei personaggi.
Quando il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, nel ricordare Sordi, lanciò la proposta di proiettare i suoi film nelle scuole italiane, quasi tutti si sono opposti con la motivazione che proiettare i film di Sordi in un’Istituzione come la Scuola è sembrato anti-educativo, pedagogicamente sbagliato e deviante. Si fa sempre coincidere Alberto Sordi con i suoi personaggi più negativi e immorali. Ma Sordi è stato anche il volto di personaggi educativi, integerrimi e sconfitti, protagonisti di film da ritenere fondamentali la carriera dell’attore romano. Lo scopo di questo lavoro è di far luce su tale aspetto delle interpretazioni di Alberto Sordi. Un aspetto troppo spesso dimenticato e poco approfondito.
Il percorso intrapreso allo scopo, è quello prima di tutto della ricerca d’archivio. Si è cercato di confrontare i commenti e le recensioni dell’epoca (quasi sempre severe) dei tre film presi come esempio. Essi sono “Il vigile” (1960), di Luigi Zampa, “Una vita difficile” (1961), di Dino Risi, e “Il commissario” (1962), di Luigi Comencini. In queste tre opere, girate in pieno “Boom” economico, Sordi interpreta protagonisti diversi tra loro, ma molto simili nella sorte avversa che li rende degli sconfitti. Saranno riportati i dialoghi-chiave dei film, per poter meglio comprendere caratteristiche e vicende dei personaggi, nel contesto in cui agiscono. Verrà infine approfondita la direzione verso cui Sordi, il regista e lo sceneggiatore concepirono questi e altri personaggi di film importanti.
Per molti anni ci si è soffermati quasi esclusivamente sull’attore-Sordi, ne è stato celebrato il grande talento e l’unicità della sua recitazione comica e drammatica. Con questa tesi si cercherà tuttavia di rendere giustizia anche al Sordi-personaggio “educativo”, troppo a lungo, invece, giudicato superficialmente solo come una maschera dei vizi e meschinità dell’italiano medio.



Mostra/Nascondi contenuto.
4 INTRODUZIONE Questo lavoro è stato realizzato allo scopo di approfondire una parte importante del percorso artistico di Alberto Sordi, all’interno del cinema italiano. Alberto Sordi è morto il 24 Febbraio 2003 a Roma, la città in cui era nato il 15 Giugno 1920. La scomparsa di un attore che è divenuto negli anni il simbolo del cinema e del costume in Italia, ha inevitabilmente avviato un dibattito che ha coinvolto registi, critici, pubblico, e coinvolto anche parte della politica. Molti si sono interrogati circa il ruolo e la figura di Alberto Sordi come attore e come personaggio. Sordi è stato o no un grande attore? Qualcuno lo ha definito superficialmente nient’altro che una “maschera” romana, qualcun altro invece, un grande caratterista. Ma, come ha fatto notare Dustin Hoffman nel ricordarlo, Alberto Sordi è tuttora materia di approfondimento didattico all’Actor Studio’s negli Stati Uniti. E’ stata la figura cosidetta di “Italiano Medio” portata sugli schermi da Sordi, che ha suscitato interpretazioni polemiche e avventate da parte di molti addetti ai lavori, spesso non comprendendo a fondo il significato morale e lo scopo sociale di quei personaggi. Quando il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, nel ricordare Sordi, lanciò la proposta di proiettare i suoi film nelle scuole italiane, quasi tutti si sono opposti con la motivazione che proiettare i film di Sordi in un’Istituzione come la Scuola è sembrato anti-educativo, pedagogicamente sbagliato e deviante. Si fa sempre coincidere Alberto Sordi con i suoi personaggi più negativi e immorali. Ma Sordi è stato anche il volto di personaggi educativi, integerrimi e sconfitti, protagonisti di film da ritenere fondamentali la carriera dell’attore romano. Lo scopo di questo lavoro è di far luce su tale aspetto delle interpretazioni di Alberto Sordi. Un aspetto troppo spesso dimenticato e poco approfondito. Il percorso intrapreso allo scopo, è quello prima di tutto della ricerca d’archivio. Si è cercato di confrontare i commenti e le recensioni dell’epoca (quasi sempre severe)

Laurea liv.I

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Salvatore Molignano Contatta »

Composta da 123 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4041 click dal 15/03/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.