Skip to content

Strategie di internazionalizzazione e la competitività dell'est europa nel settore abbigliamento

Informazioni tesi

  Autore: Francesco Gibbi
  Tipo: Tesi di Master
Master in MASTER CEMS MIM – Community of European Management School, Master in International Management
Anno: 2003
Docente/Relatore: Aleksander Sulejewicz
Istituito da: Università Bocconi & Warsaw School of Economics
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 145

Per globalizzazione s’intende l’integrazione, in un sistema produttivo coordinato e interdipendente, di diverse attività economiche logisticamente disperse su scala internazionale e opportunamente localizzate a seconda della singola convenienza economica (vantaggio comparato sul fattore intensamente utilizzato, curve di esperienza e sinergie di distretto e specializzazione). Una strategia globale, quindi, comporta l’adozione di una prospettiva più ampia dei confini nazionali (geograficamente) e aziendali (integrazione/esternalizzazione) nel decidere con che modalità operativa (FDI, market, make together) e con che raggio d’azione (distretto, nazione, mondo) eseguire le diverse attività della catena del valore relativamente ad uno specifico prodotto. Il settore dell’abbigliamento manifesta una tendenza verso la globalizzazione avvalorata da un progressivo omogeneizzarsi dei gusti dei consumatori, dalle contaminazioni stilistiche, dalla concentrazione parziale della produzione e da un approccio sempre più globale delle imprese, caratterizzato da un processo di integrazione a valle, associato ad una crescente coordinazione centrale e standardizzazione del marketing mix per uno sviluppo quanto più omogeneo dell’immagine del Brand su tutti i mercati. L'internazionalizzazione, intesa come spread geografico ottimale delle attività della catena del valore in funzione della massimizzazione del vantaggio competitivo, è oggi una necessità per tutte le imprese, e sotto questa spinta, la dimensione locale del distretto industriale sta ridefinendo le proprie coordinate evolutive e le proprie valenze strategiche. Si assiste ad un’evoluzione strutturale e organizzativa della forma classica di distretto (massima integrazione della catena del valore/filiera produttiva) in quella moderna del “distretto allargato” in cui aumenta la dimensione delle imprese e si registra un forte impulso all’internazionalizzazione, intesa come delocalizzazione delle attività ad alta intensità di lavoro in Paesi che presentano un inferiore costo della manodopera, mantenendo, però, saldamente internalizzate le attività ad alto valore aggiunto su cui si fonda il vantaggio competitivo in differenziazione (R&D, marketing, quality controll). La competitività nel lungo periodo è, dunque, legata ad una forma di distretto bipolare che, fondandosi sulla cooperazione tra nucleo italiano e la periferia produttiva nei PVS, permette il perseguimento congiunto di un contenimento dei costi di produzione e della differenziazione del prodotto a retail, e quindi di un prodotto finale competitivamente superiore a quello del distretto classico. Il fenomeno a cui si sta assistendo oggi è una progressiva razionalizzazione del Made in Italy a tutti i livelli della filiera produttiva, dove per razionalizzazione s’intende un efficiente uso del Made in Italy solo quando questo si dimostri davvero competitivo. La decisione di delocalizzare o meno la produzione avviene in base ad un’analisi di trade off tra costi / ricavi opportunità che tiene conto dei seguente fattori: risparmi di costo in produzione, costo opportunità in immagine, sensibilità al prezzo del target di mercato, la complessità di confezionamento dell’articolo in questione, i volumi produttivi, la qualità e la produttività raggiungibili esternamente (nei paesi in cui si delocalizza la produzione), l’efficienza del sourcing materiali (proximity e qualità), i costi e tempistiche di consegna, ecc. Oltre a questo va tenuto conto del fatto che una scelta di delocalizzazione produttiva necessita lo spostamento del fulcro delle strategie di marketing dal Made in Italy al brand e di investimenti in una struttura di coordinamento e di quality control necessari per fornire al consumatore le garanzie qualitative che sono da sempre associate al prodotto tessile – abbigliamento italiano. Su queste basi, la futura competitività del fashion business italiano sarà legata ad una strategia di differenziazione in immagine facente leva anche sulla provenienza del capo, ma soprattutto sullo stile e sulla creatività del marchio e accompagnata da un uso razionale del Made in Italy, inevitabilmente sempre più confinato verso il segmento alta moda (lusso e designer), dove la qualità superiore ben si allinea con i fattori critici di successo e le aspettative del consumatore. Per il resto del settore, la spinta all’internazionalizzazione, intesa come delocalizzazione della produzione in paesi a basso costo della manodopera e dotati di ampie potenzialità produttive, è in continua crescita di pari passo con le abilità produttive e le tecnologie dei contractor asiatici e la tendenza alla rilocalizzazione degli impianti in Europa dell’Est.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO 1 LA GLOBALIZZAZIONE DEI SETTORI E DELLE IMPRESE: ELEMENTI TEORICI E STRATEGICI 1.1. Introduzione In questo capitolo si è cercato di elaborare una definizione quanto più esaustiva del termine “Globalizzazione” considerandone le diverse implicazioni sull’impresa e sull’ambiente. Partendo dalle teorie sviluppatesi negli ultimi anni in tema di globalizzazione, sono state considerate le implicazioni di tale processo sia dal lato economico – ambientale che industriale (globalizzazione dei settori) fino a giungere alle importanti influenze che manifesta sulle scelte strategico – competitive delle imprese operanti in ambito internazionale. Si vedrà, infine, come la globalizzazione dell’economia mondiale abbia dilatato i confini spaziali nella ricerca delle fonti di un vantaggio competitivo per un’impresa, spostando il fulcro del vantaggio competitivo dal contesto del paese di origine ad un contesto internazionale nel quale l’azienda potrà sfruttare, sia nuove fonti di vantaggio ambientali prima irraggiungibili che svilupparne internamente di altre grazie agli stimoli e all'esperienze maturate in un tale sistema competitivo allargato.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi