Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Architettura DiffServ per comunicazione anycast con QoS

Negli ultimi decenni si sono verificati cambiamenti radicali nei modi e nei mezzi della comunicazione, la distanza fisica è divenuta un elemento meno vincolante: sono gli strumenti e le conoscenze tecnologiche che determinano la possibilità di apprendere e comunicare. Questa rapida evoluzione verso una società dell’informazione globale richiede un sempre maggiore incremento sia della capacità trasmissiva sia della possibilità di supportare applicazioni e servizi sempre più complessi.
È Internet, la rete delle reti, l’ambito dove si assiste maggiormente ad una diversificazione delle richieste di nuovi servizi da parte degli utenti: telefonia su IP, videoconferenza, giochi interattivi, insegnamento a distanza.

Internet però, nata e strutturata per fornire solo un servizio di tipo Best effort, è una rete in cui ogni pacchetto è un’entità autonoma e non vi è alcuna distinzione nella gestione di pacchetti di flussi diversi; di conseguenza le risorse della rete non possono essere ripartite con accuratezza, ma sono utilizzate in modo incontrollato dai diversi flussi, e le prestazioni, tutt'altro che stabili, tendono a variare con il livello di congestione.
Risulta quindi stringente la necessità di un cambiamento delle tecnologie che porti ad avere una rete capace di gestire applicazioni sempre più complesse ed esigenti in termini di garanzie sugli aspetti qualitativi del servizio ( QoS ) quali l’affidabilità, la disponibilità di soglie minime relative alla banda, al ritardo o alla percentuale di pacchetti persi.

Nella tesi che segue andremo ad affrontare il problema della comunicazione anycast: sarà definito il concetto di anycasting ed esposte le motivazioni dell’uso di questo nuovo paradigma di comunicazione, sarà esposta come possibile architettura per garantire la QoS l’architettura DiffServ, saranno affrontati i principali problemi che emergono durante la selezione del server e analizzate le prestazioni in termini di allocazione e overhead per le diverse opzioni implementabili

Mostra/Nascondi contenuto.
4 Fig 1 : rete Internet Introduzione Negli ultimi decenni si sono verificati cambiamenti radicali nei modi e nei mezzi della comunicazione, la distanza fisica è divenuta un elemento meno vincolante: sono gli strumenti e le conoscenze tecnologiche che determinano la possibilità di apprendere e comunicare. Questa rapida evoluzione verso una società dell’informazione globale richiede un sempre maggiore incremento sia della capacità trasmissiva sia della possibilità di supportare applicazioni e servizi sempre più complessi. È Internet, la rete delle reti, l’ambito dove si assiste maggiormente ad una diversificazione delle richieste di nuovi servizi da parte degli utenti: telefonia su IP, videoconferenza, giochi interattivi, insegnamento a distanza (figura 1) .

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Michele Falbo Contatta »

Composta da 58 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1471 click dal 17/03/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.