Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Ernst Bernhard (1896-1965): un ''maestro scomodo''della psicologia del profondo

Con questo lavoro mi sono proposto di indagare la figura di Ernst Bernhard, l'iniziatore del metodo junghiano in Italia, personaggio eclettico che ha segnato indiscutibilmente la cultura italiana del Dopoguerra,rimanendone però sullo sfondo. Formando i primi junghiani italiani, facendo nascere la storica Collana "Psiche e Coscienza" dell'Astrolabio, condividendo interessi e clinica con Manganelli, Fellini, Olivetti, Bazlen, Weiss, Jung, Ernst Bernhard ha inciso nell'ombra un segno importantissimo nel panorama culturale italiano. La tesi si avvale di interviste e colloqui svolti con allievi e pazienti di Bernhard (tra i quali Paolo Aite, Marcello Pignatelli, Mario Trevi, Silvia Rosselli, Gianfranco Draghi, Bianca Garufi..) e tenta di ricostruire un ritratto composito e variegato del medico e psicoterapeuta berlinese.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Questo mio lavoro nasce da un crocevia di interessi diversi e da incontri fortunati. Esso ha avuto una gestazione piuttosto lunga. Dopo aver dialogato ed essermi confrontato più volte con il prof. Sadi Marhaba, giungemmo insieme a focalizzare alcuni argomenti che suscitavano la nostra attenzione: il fenomeno religioso, la storia della psicologia, la psicologia “pre-scientifica”. La scelta iniziale per lo svolgimento della tesi ricadde sulla spiritualità ebraica, un argomento vastissimo e molto interessante. Ma mentre mi accingevo alle prime ricerche bibliografiche, sentii di non voler rinunciare del tutto ad una tesi di storia della psicologia ed in particolare alla storia della psicologia analitica. L’ideale sarebbe stato unire le discipline che mi affascinavano. Un po’ troppo pretenzioso, pensai. Ma la soluzione non tardò ad arrivare. Me la offrì, in un batter di ciglia, il dottor Pasquale Pezzani, consigliandomi di leggere la Mitobiografia di Ernst Bernhard, di cui sino ad allora non avevo mai sentito parlare. Una volta avuto fra le mani questo testo, capii che avrebbe potuto soddisfare gran parte delle mie aspirazioni. Il prof. Marhaba si disse fiducioso ed entusiasta. Le ricerche non sono state sempre facili; la carenza di bibliografia mi pose subito di fronte alla necessità di dover contattare allievi, pazienti e conoscenti di Ernst Bernhard per tentare di ampliare il ritratto che di lui andavo facendomi. Non ho svolto di conseguenza una tesi bibliografica, ma ho ricercato fonti e contatti per dare luce ad una figura che aveva avuto un peso non indifferente nella cultura italiana dal Dopoguerra ai primi anni Sessanta, ma che appariva sconosciuta e dimenticata.

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Mario Ganz Contatta »

Composta da 113 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 3827 click dal 01/04/2005.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.