Skip to content

I germi della realtà: il cinema di Lars von Trier

Informazioni tesi

  Autore: Francesca Coticoni
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi Roma Tre
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Discipline dell'Arte, della Musica e dello Spettacolo
  Relatore: Veronica Pravadelli
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 141

Il cinema, nel corso della sua storia, si è sviluppato tramite la genialità, la tecnica e la poesia di molti registi. Solo alcuni di questi, tuttavia hanno contribuito a determinare l’evoluzione delle pratiche espressive del mezzo cinematografico. Mi riferisco a quei personaggi che dopo Lumière e Méliès, hanno formato la storia del cinema: con Griffith il cinema ha cominciato ad essere non più un qualcosa che stupiva la gente, che la intratteneva, ma un vero e proprio linguaggio artistico, prima con Sennett, poi con Chaplin e Keaton è sbocciato il cinema comico e grottesco, con Flaherty è nato il documentario, con Vertov ed Ejzenštejn il cinema è diventato rivoluzionario ed anche il montaggio ha assunto una sua artisticità, con Murnau e Lang è nato il cinema dell’orrore, con Dreyer lo stile e la forma hanno assunto un ruolo di primo piano, con Hawks e Ford si è inaugurato il genere Western, con Welles la realtà è apparsa arricchita, deformata a servizio della psicologia umana, con Bunuel il cinema è diventato surreale, con Bergman ha creato una perfetta unione con il teatro, con Renoir ha fatto il primo passo verso l’improvvisazione, verso l’imprevedibilità della realtà, con De Sica e Rossellini è diventato realtà, con Godard e Truffaut le regole del cinema sono state capovolte ed usate per rivelare il quotidiano, con Hitchcock è nato il concetto di suspance e lo spettatore si è visto costretto a confrontarsi con le proprie fobie ed inquietudini, con Kurosawa la tradizione letteraria e teatrale giapponese si è trasformata in cinema, con Antonioni il cinema è diventato introspettivo, antispettacolare, con Fellini ha danzato nella finzione della favola, con Kubrick il cinema ha raggiunto la perfetta armonia tra stile e contenuto ed è diventato totale. Ognuno di questi artisti ha dato un contributo fondamentale, ha posto un mattone sul quale costruire il futuro del cinematografo, ha fatto sì che questa nuova arte si sviluppasse, fosse degna di nota, facesse riflettere e che venisse considerata alla pari delle altre.
In questo panorama s’inserisce a pieno diritto l’opera di Lars von Trier, che attraverso la macchina da presa riesce a comunicare l’inesattezza dell’azione, riesce a far divenire il mezzo tecnico la via più semplice per raccontare una porzione di realtà; che attraverso la sua sperimentazione ha innalzato il digitale a mezzo per fare arte, per creare, aprendo la strada a molti altri registi e rendendo accessibili degli strumenti che fino ad ora sono stati nelle mani di pochi eletti. I progetti come Avedore (città del cinema on-line), sono sintomo di un malcontento comune, di una necessità di cambiare le norme che fino ad oggi hanno regolato l’industria cinematografica: “Il cinema non è qualcosa che si possa tenere ancora per molto sotto chiave, né i segreti dell’industria, l’apprendimento dell’uso degli strumenti o delle specifiche regole di linguaggio come prerequisiti per accedere a questa forma privilegiata di comunicazione, perché quello stesso progresso che aveva dettato quelle regole fortunatamente -ed inevitabilmente- si è sgretolato. E’ in corso un’evidente democratizzazione (Lars von Trier).
Alla fine degli anni novanta i tempi stessi erano maturi per smascherare interamente la menzogna dell’inaccessibilità!” (Lars von Trier)
Von Trier ha intuito che un certo tipo di cinema stava morendo e attraverso i suoi film, i manifesti, i dogmi e le altre provocazioni, è riuscito a togliere quell’alto strato di polvere che era posato sugli occhi degli spettatori ormai impigriti da un cinema uguale a se stesso, stantio, che da troppo tempo imperava; si è messo in discussione verbalizzando i suoi pensieri, il suo modo di fare cinema, come un vero e proprio atto d’amore nei confronti di questa arte.
Lars von Trier avendo sempre provato una profonda esigenza di raccontare attraverso le immagini, prima ha appreso la tecnica cinematografica, poi l’ha sperimentata rimodellandola a suo piacimento ed infine ha dato vita alle proprie storie, attraverso le quali, ha saputo trovare dentro di sé e soprattutto ha saputo comunicare agli altri, i germi della realtà.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 NOTA BIOGRAFICA Lars Trier nasce a Copenaghen il 13 Aprile 1956. All’età di circa undici anni, si ritira da scuola e studia come privatista. Nel 1968 recita nella serie televisiva danese/svedese, L’estate misteriosa, dove si appassiona ai macchinari e alle tecniche di ripresa. Studia cinema all’università e nel 1976 si iscrive alla Fimgruppe 16, un’associazione di cineasti amatoriali, dove può avere diretto accesso alla tecnica. Crea i suoi primi due film, di un’ora l’uno: Orchidégartneren (Il giardiniere delle orchidee) e Menthe- bienheureuse (Menthe- la ragazza felice); quest’ultimo è girato completamente in francese sebbene Von Trier non ne capisse una parola. Tre anni dopo entra nel Danish Film Istitute, dove può usufruire di attrezzature professionali e dare libero sfogo alla sperimentazione. Qui gira alcune opere: Nocturne, Den sieste detalje (L’ultimo particolare) e Befrielsesbilleder (Immagini di una liberazione). Conosce alcuni dei suoi più importanti collaboratori, tra cui il montatore Tomas

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

carl t. dryer
cinema
cinema danese
dogma 95
lars von trier
manifesto dogma
teorie e tecniche del linguaggio cinematografico
the kingdom
trilogia cinematografica
zentropa

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi