Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Applicazione dei controlli non distruttivi, correnti indotte e ultrasuoni, su componenti aeronautici

La tesi è stata eseguita contemporaneamente ad uno Stage di 500 ore alla S.p.A. Alitalia, presso il reparto dei controlli non distruttivi nell'area manutenzione dell'aeroporto di Fiumicino, presso la D.O.T.. Il lavoro presenta una panoramica generale sui controlli non distruttivi, prendendo poi in considerazione particolari tipi di ispezioni, che vengono utilizzate nella ''vita quotidiana di Alitalia'', su vari componenti degli aeromobili civili, con i metodi ultrasonori e dell'eddy current (anche su componenti in materiale composito). E' quindi un lavoro sia teorico che sperimentale corredato da una vasta gamma di foto fatte in hangar e in laboratorio e figure.

Mostra/Nascondi contenuto.
1CAPITOLO 1 INTRODUZIONE SUI CONTROLLI NON DISTRUTTIVI 1.1 Sviluppo dei controlli non distruttivi nella storia e prove non distruttive sono il complesso di esami condotti impiegando metodi che non alterano il materiale e non richiedono la distruzione o l’asportazione di anche minimi campioni della struttura in esame. Da qui, la definizione di “non distruttive”. I risultati delle indagini condotte applicando questi metodi, sono alla base della valutazione della qualità di un prodotto, dell’esame dell’integrità strutturale di un componente, per la diagnosi e la ricerca delle cause di malfunzionamento di macchinari od imp ant . Lo sviluppo delle tecniche C.N.D. è dovuto essenzialmente ad un fattore economico (sicurezza e garanzia di qualità sono “sinonimi” di economia). I C.N.D. si sono imposti a tal punto nell’industria che, attualmente i progettisti, nel disegnare i particolari di un prodotto, si basano sul sistema di controllo non distruttivo che, durante l’esercizio, dovrà essere attuato. È chiaro che, potendo verificare nel tempo la “salute” di un impianto, sia esso nucleare, aeronautico, industriale, ecc., le strutture possono essere calcolate con fattori di sicurezza più realistici ed economicamente più vantaggiosi. I C.N.D. permettono, infatti, di scoprire eventuali difetti nelle strutture durante le normali operazioni di manutenzione ed evitare i fermi macchina improvvisi “per avaria”. In aeronautica le strutture subiscono sollecitazioni molto gravose e la ncessità che queste siano anche leggere, fa sì che la struttura stessa non sia progettata per resistere L

Diploma di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Marco Lapi Contatta »

Composta da 288 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6591 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 12 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.