Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L'interesse a ricorrere nel giudizio di legittimità costituzionale in via principale

Il mio lavoro intende approfondire l'istituto dell'interesse a ricorrere all'interno del giudizio di legittimità costituzionale in via d'azione soprattutto a seguito della riforma del Titolo V, operata con legge cost. n. 3 del 2001. Tale argomento è di stretta attualità in quanto la Corte costituzionale ha confermato il proprio orientamento restrittivo per quanto concerne l'interesse al ricorso di Regioni e Comuni suscitando vivaci dibattiti e polemiche. La mia tesi analizza in chiave critica i contributi della dottrina e della giurisprudenza fornendo diverse soluzioni che possono costituire un'autentica spinta culturale all'interno del campo preso in esame. I pochi anni trascorsi dall'entrata in vigore della legge cost. n. 3/2001, in particolare se si considera che la legge di attuazione è la recentissima legge n. 131/2003, testimoniano l'assoluta novità dell'argomento trattato.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Il presente lavoro intende approfondire la tematica dell’interesse a ricorrere all’interno del giudizio di legittimità costituzionale in via principale alla luce soprattutto della riforma del Titolo V della Costituzione operata dalla legge cost. n. 3 del 2001. E’ dunque necessario soffermare preliminarmente l’attenzione su alcune considerazioni di carattere generale concernenti la nozione di interesse. Ogni processo ha lineamenti propri e caratterizzanti, essendo l’attività giurisdizionale svolta da organi diversi ed avendo ad oggetto materie diverse. Tuttavia, esistono principi processuali comuni, i quali consentono di poter stabilire un tratto di unione tra i differenti processi. In particolare, il principio contenuto nell’articolo 100 del codice di procedura civile – secondo il quale “Per proporre una domanda o per contraddire alla stessa è necessario avervi interesse” - è stato considerato, in una sentenza del Consiglio di Stato 1 , fondamentale in materia di legittimazione processuale: come è noto, infatti, la selezione dei soggetti legittimati all’impugnativa opera sul 1 Consiglio di Stato, Sez. V, 9 giugno 1970, n. 523, in Cons. St., 1970, I, 577.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Annamaria Cannella Contatta »

Composta da 194 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2824 click dal 11/04/2005.

 

Consultata integralmente 9 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.