Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il crack Parmalat: una truffa agevolata dal conflitto di interessi degli organi di controllo

La tesi cerca di fare chiarezza su certi aspetti della vicenda Parmalat dopo aver trattato della storia che ha portato il gruppo nello stato di insolvenza.
Dopo un confronto tra la rappresentazione patrimoniale fittizia, effettuata dagli amministratrori, e la rappresentazione reale effettuata dal commissario straordinario, Enrico Bondi, ho cercaro di ricostruire alcune delle tecniche finanziarie utilizzate per distrarre risorse all'azienda.
Comunque la gestione fraudolenta del gruppo è stata permemessa dall'atteggiamento del tutto inesistente degli organi di controllo, in perticolare ho sottolineato la situazione di conflitto di interessi in cui si trovavano le società di revisione responsabili del controllo contabile del gruppo.
Il conflitto di interessi è la principale minaccia per l'indipendenza, quindi l'obiettività di un sindaco o un revisore. L'indipendenza è un requisito fondamentale per la professione economico giuridico contabile.
Purtroppo proprio alla luce del crack Parmalat, dove l'attività di controllo societario si è dimostrata del tutto inefficente, nella parte finale del lavoro ho effettuato alcune proposte per migliorare l'attività di revisione contabile al fine di evitare futuri crack finanziari.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il crack Parmalat, dato il suo grande impatto nell’economia, è stato considerato come “l’11 settembre” dei mercati finanziari italiani. In un primo momento è stato considerato solo come il risultato dell’opera di managers senza scrupoli, che hanno agito nel proprio interesse senza preoccuparsi delle conseguenze che sarebbero poi ricadute su dipendenti ed investitori , ma si è poi rivelato ben più complesso di un semplice raggiro ai danni degli investitori. Quello che appare sorprendente è come gli attori della frode abbiano potuto mantenere la convergenza dei propri interessi per oltre un decennio, causando e gestendo il gravissimo stato economico e finanziario del gruppo. Nel corso di questo lavoro andremo ad esaminare gli accadimenti che hanno visto come protagonista Parmalat, con particolare attenzione ai seguenti aspetti: -le scelte strategiche che hanno creato un indebitamento insopportabile; -la situazione economica e patrimoniale apparente e reale del gruppo; -il ruolo tenuto dal consiglio di amministrazione; -le tecniche per realizzare la truffa; -la struttura dei controlli, con particolare attenzione alle società di revisione; -le proposte per migliorare l’attività di revisione.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Stefano Lotto Contatta »

Composta da 181 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 14430 click dal 15/04/2005.

 

Consultata integralmente 38 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.