Skip to content

La pericolosità sociale - Qualità indizianti e prognosi criminale connessa all'applicazione delle misure di prevenzione

Informazioni tesi

  Autore: Pasquale Striano
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Bologna
  Facoltà: Scienze Politiche
  Relatore: Ugo Terracciano
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 124

Al di là delle antiche dispute, che appaiono infine superate, sull’autonomia delle scienze criminologiche, non è ragionevolmente negabile l’esigenza che ogni seria politica criminale si fondi sull’informazione scientifica e sulle risultanze degli studi che hanno ad oggetto il fenomeno dell’uomo che entra in conflitto con la società.
Se la fondamentale nozione dell’imputabilità è sufficiente nel nostro sistema di diritto positivo ad individuare i delinquenti punibili, essa non esaurisce la funzione del diritto criminale, che è anche, se non soprattutto quella di difendere la società da imputabili e non imputabili e di prevenire ed impedire fatti costituenti reato.
E’ così che è andata ad affiorare nelle più avanzate legislazioni la figura della pericolosità sociale che si sostanzia nella prognosi di probabili futuri reati e costituisce l’elemento fondamentale per l’applicazione delle misure di sicurezza nonché delle misure di prevenzione - oggetto della presente indagine - di cui tratterò diffusamente nella seconda parte. Sorge, dunque, la necessità di studiare la pericolosità sociale e di conseguenza la capacità a delinquere (che viene in esame per proporzionare la pena alla commissione di un reato) in rapporto alla personalità del delinquente e di cogliere gli elementi differenziali della stessa.
Ne scaturisce pertanto che la tranquillità sociale, non deve e non può essere affidata esclusivamente alla risposta di tipo repressivo – penalistico, ma deve trovare svolgimento anche attraverso lo spostamento in avanti del fronte, con l’apprestamento di una mirata attività di prevenzione, che abbia la capacità di incidere sul singolo e di garantire, al contempo, la eliminazione della cause criminogene presenti all’interno della società: su quest’ultimo aspetto, il compito dello Stato si traduce negli interventi intesi a rimuovere le cause sociali che favoriscono la commissione dei reati.
La garanzia di un ordine generalizzato e di condizioni di vita accettabili costituiscono, quindi, una legittima pretesa da parte del cittadino, pur titolare, in questo contesto, di analoghi diritti in tema di libertà personale.
La politica della prevenzione si pone, quindi, come dimensione essenziale del continuo processo di modernizzazione dello Stato e come una rassicurazione formale offerta ai cittadini: si tratta di una politica in cui pragmatismo, consenso politico, collaborazione interistituzionale, collegamento col territorio, equilibrio fra centro e periferia, trasparenza istituzionale, valutazione dei dispositivi, mobilitazione della ricerca al servizio dell’azione diventano le categorie che strutturano il quadro generale degli interventi.
In effetti, lo Stato, qualunque sia la sua forma e sotto qualsiasi tipo di regime, non può accontentarsi della giustizia punitiva, ma deve necessariamente preoccuparsi di evitare, innanzitutto, e al meglio possibile, che i reati vengano commessi.
Si tratta di un’esigenza insita nella natura stessa della società, ribadita dalla dottrina, che ha individuato nella prevenzione del crimine una componente ontologicamente necessaria di ogni società organizzata. La sola repressione non ha mai risolto il problema dell’insicurezza, che si può ridurre solo con iniziative di prevenzione, basate sulla responsabilizzazione e il coinvolgimento di tutti, ed attività repressive motivate e specifiche.
La ricerca di utili ed efficaci procedimenti di prevenzione è stata oggetto di interesse recente anche da parte della criminologia, che ha elaborato, in proposito, diversi modelli applicativi. In particolare, nell’ambito della prevenzione sociale, anche in Italia hanno ricevuto forte impulso i programmi alternativi al sistema penale; hanno concorso a tale spinta la riscoperta della centralità della vittima, la crisi del paradigma risocializzativo e dell’efficacia preventiva del sistema penale nel suo complesso, lo scossone recato dalle teorie abolizioniste, l’affermarsi del modello di giustizia riparativa e, secondo alcuni, l’asserita incapacità del sistema giudiziario a soddisfare, in taluni casi, le legittime aspettative di tutela del singolo e della collettività.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Al di là delle antiche dispute, che appaiono infine superate, sull’autonomia delle scienze criminologiche, non è ragionevolmente negabile l’esigenza che ogni seria politica criminale si fondi sull’informazione scientifica e sulle risultanze degli studi che hanno ad oggetto il fenomeno dell’uomo che entra in conflitto con la società. Se la fondamentale nozione dell’imputabilità è sufficiente nel nostro sistema di diritto positivo ad individuare i delinquenti punibili, essa non esaurisce la funzione del diritto criminale, che è anche, se non soprattutto quella di difendere la società da imputabili e non imputabili e di prevenire ed impedire fatti costituenti reato. E’ così che è andata ad affiorare nelle più avanzate legislazioni la figura della pericolosità sociale che si sostanzia nella prognosi di probabili futuri reati e costituisce l’elemento fondamentale per l’applicazione delle misure di sicurezza nonché delle misure di prevenzione - oggetto della presente indagine - di cui tratterò diffusamente nella seconda parte. Sorge, dunque, la necessità di studiare la pericolosità sociale e di conseguenza la capacità a delinquere (che viene in esame per proporzionare la pena alla commissione di un reato) in rapporto alla personalità del delinquente e di cogliere gli elementi differenziali della stessa. Ne scaturisce pertanto che la tranquillità sociale, non deve e non può essere affidata esclusivamente alla risposta di tipo repressivo – penalistico, ma deve trovare svolgimento anche attraverso lo spostamento in avanti del fronte, con l’apprestamento di una mirata attività di prevenzione, che abbia la capacità di incidere sul singolo e di garantire, al contempo, la

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

attività di prevenzione
camorra
controllo sociale
criminalità organizzata
crimine
criminologia
mafia
misure di prevenzione
pericolosità sociale
polizia

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi