Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Arti visive per non vedenti

Traduzione di opere d'arte visive (pittura e scultura) per non vedenti.
Analisi di alcune esperienze in atto.

Mostra/Nascondi contenuto.
7 Parte I – Introduzione “Posate una monetina nel mezzo di uno dei vostri tavolini nello Spazio, e chinatevi a guardarla dall’alto. Essa vi apparirà come un Cerchio. Ma ora, ritraendovi verso il bordo del tavolo, abbassate gradatamente l’occhio…, e vedrete che la monetina diverrà sempre più ovale; finché da ultimo, quando avete l’occhio precisamente all’altezza del piano del tavolino, la moneta avrà cessato di apparire ovale, e sarà divenuta, per quanto potrete vederla, una Linea Retta. Lo stesso accadrebbe se faceste il medesimo esperimento con un Triangolo, un Rettangolo, o una qualsiasi altra figura ritagliata nel cartone. Se la guardaste con l’occhio al livello del piano del tavolino, vedreste che essa cesserebbe di apparirvi come una Figura e che diverrebbe identica per l’aspetto a una Linea Retta.” [Abbott, 1884] Questa sezione è da intendersi come una breve, introduttiva, panoramica delle principali teorie rilevanti per la mia ricerca. La sezione si divide in tre capitoli. Il primo è una brevissima panoramica dei nostri sensi, in particolare della visione, del tatto e del senso aptico. Non è ovviamente possibile trattare ogni tema in modo esaustivo, ma ritengo sia comunque utile darne un brevissimo assaggio. Il secondo capitolo ha lo scopo di dare un’idea di massima di che cosa significhi non vedere, una situazione abbastanza comune, che ognuno può immaginare, ma che, nella realtà, è molto più variegata e complessa, esistono molti tipi diversi di disabilità visiva, ognuno con le proprie caratteristiche, i propri limiti e possibilità. In questo capitolo sono anche alla ricerca della risposta alla fatidica domanda: vale la pena tradurre un’opera d’arte visiva per non vedenti? Credo che la risposta sia positiva. Infine, l’ultima parte presenta le principali teorie della traduzione a una prospettiva semiotica, cerca, in altre parole, di delineare il background teorico su cui vorrei basare le mie successive considerazioni.

Tesi di Laurea

Facoltà: Lettere e Filosofia

Autore: Laura Freina Contatta »

Composta da 172 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6047 click dal 30/05/2005.

 

Consultata integralmente 8 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.