Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Biomonitoraggio di metalli in traccia nei corsi d'acqua tramite moss-bags

Esemplari della Briofita acquatica Rhynchostegium riparioides (Hedw.) C. Jens. sono stati trapiantati all’interno di moss-bags in alcuni corsi d’acqua delle Province di Vicenza e Belluno. Sono stati scelti gli scarichi di due depuratori, una roggia ed otto fiumi e torrenti di montagna, allo scopo di saggiare la capacità di accumulo di metalli in traccia in diverse condizioni chimico-fisiche. Gli esperimenti prevedevano l’impianto di una serie di moss-bags per ogni stazione, prelevati ad intervalli di tempo prestabiliti. Un esperimento preliminare (6 stazioni) si è svolto presso uno dei depuratori con l’intento di calibrare materiali e metodi, durante il quale i prelievi sono stati inizialmente molto ravvicinati (minuti-ore-giorni). Durante gli esperimenti definitivi (22 stazioni) i moss-bags sono stati raccolti a distanza di 2-3 settimane. La concentrazione di As, Cd, Cr, Cu, Hg, Mn, Ni, Pb e Zn nelle porzioni apicali dei talli (2 cm) è stata determinata mediante spettrofotometria ad assorbimento atomico e normalizzata per la massa secca del muschio. La concentrazione in funzione del periodo d’esposizione di ogni moss-bag è stata rapportata ad un valore di background (misurato in Briofite cospecifiche autoctone o trapiantate in acque di controllo di fiumi limitrofi) per calcolare il fattore di contaminazione (CF). I trapianti hanno accumulato metalli proporzionalmente alla concentrazione in acqua, seguendo pattern di contaminazione evidenziati dall’analisi multivariata. È stato possibile discriminare acque non o poco contaminate (basso CF) da acque che subivano contaminazione cronica od intermittente (alto CF), distinguibili per la diversa forma delle curve di accumulo. I principali fattori di disturbo sono stati la presenza di particolato organico ed altro materiale limitante l’assorbimento, la variabilità di concentrazione nel bianco, la variabilità della portata fluviale e la competizione fra i metalli. Probabilmente a causa di quest’ultima il cadmio non è stato accumulato. Il confronto fra il grado di contaminazione da metalli e l’IBE della medesima zona non ha fatto riscontrare alcuna relazione fra i due indici: acque definite non o poco inquinate dall’IBE presentano valori di bioaccumulo per certi metalli sensibilmente devianti dal background. La tecnica dei moss-bags si è dimostrata molto versatile ed affidabile e può essere applicata con successo nei luoghi e nei tempi desiderati. Essa costituisce un indispensabile complemento alle tradizionali tecniche di monitoraggio, in quanto la contaminazione da metalli è un parametro non contemplato dagli altri indici di “qualità dell’acqua”.

Mostra/Nascondi contenuto.
Biomonitoraggio di metalli in traccia nei corsi d’acqua tramite moss-bags. 1 RIASSUNTO Esemplari della Briofita acquatica Rhynchostegium riparioides (Hedw.) C. Jens. sono stati trapiantati all’interno di moss-bags in alcuni corsi d’acqua delle Province di Vicenza e Belluno. Sono stati scelti gli scarichi di due depuratori, una roggia ed otto fiumi e torrenti di montagna, allo scopo di saggiare la capacità di accumulo di metalli in traccia in diverse condizioni chimico-fisiche. Gli esperimenti prevedevano l’impianto di una serie di moss-bags per ogni stazione, prelevati ad intervalli di tempo prestabiliti. Un esperimento preliminare (6 stazioni) si è svolto presso uno dei depuratori con l’intento di calibrare materiali e metodi, durante il quale i prelievi sono stati inizialmente molto ravvicinati (minuti-ore-giorni). Durante gli esperimenti definitivi (22 stazioni) i moss-bags sono stati raccolti a distanza di 2-3 settimane. La concentrazione di As, Cd, Cr, Cu, Hg, Mn, Ni, Pb e Zn nelle porzioni apicali dei talli (2 cm) è stata determinata mediante spettrofotometria ad assorbimento atomico e normalizzata per la massa secca del muschio. La concentrazione in funzione del periodo d’esposizione di ogni moss-bag è stata rapportata ad un valore di background (misurato in Briofite cospecifiche autoctone o trapiantate in acque di controllo di fiumi limitrofi) per calcolare il fattore di contaminazione (CF). I trapianti hanno accumulato metalli proporzionalmente alla concentrazione in acqua, seguendo pattern di contaminazione evidenziati dall’analisi multivariata. È stato possibile discriminare acque non o poco contaminate (basso CF) da acque che subivano contaminazione cronica od intermittente (alto CF), distinguibili per la diversa forma delle curve di accumulo. I principali fattori di disturbo sono stati la presenza di particolato organico ed altro materiale limitante l’assorbimento, la variabilità di concentrazione nel bianco, la variabilità della portata fluviale e la competizione fra i metalli. Probabilmente a causa di quest’ultima il cadmio non è stato accumulato. Il confronto fra il grado di contaminazione da metalli e l’IBE della medesima zona non ha fatto riscontrare alcuna relazione fra i due indici: acque definite non o poco inquinate dall’IBE presentano valori di bioaccumulo per certi metalli sensibilmente devianti dal background. La tecnica dei moss-bags si è dimostrata molto versatile ed affidabile e può essere applicata con successo nei luoghi e nei tempi desiderati. Essa costituisce un indispensabile complemento alle tradizionali tecniche di monitoraggio, in quanto la contaminazione da metalli è un parametro non contemplato dagli altri indici di “qualità dell’acqua”.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Mattia Cesa Contatta »

Composta da 64 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2642 click dal 27/04/2005.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.