Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La sospensione condizionale della pena

La pronuncia di sentenza di condanna a pena sospesa rappresenta nel nostro Paese uno degli esiti processuali più frequenti, arrivando a comprendere quasi la metà delle cause, tanto da diventare la regola piuttosto che l’eccezione e tanto da minare l’integrazione del sistema . Nonostante ciò i costi sociali ed economici della minaccia penale hanno richiesto strumenti di calmierazione soprattutto in relazione a pene avvertite come non “giuste” e in relazione a settori criminologici meno gravi di altri. Il problema è che un’eccessiva incidenza statistica della sospensione condizionale della pena può minacciare preventivamente la pena stessa, infatti spesso la si quantifica in funzione della possibilità di sospenderla. Di diversa opinione sembra essere Pulitanò: “le ragioni che possono opporsi alla esecuzione di una pena giusta acquistano consistenza laddove siano consistenti i costi della pena, e consistenti i vantaggi dell’evitarli, evitando l’esecuzione” , riportando quindi la sospensione in termini di eccezione alla regola. Certo è che un sistema ove ad un iniziale giudizio di necessità di punire se ne sovrapponga uno successivo d’inutilità dell’esecuzione della pena sembra essere sintomo di una crisi del sistema punitivo ; ma sappiamo che viene conservata una vitalità potenziale all’esito di verifiche ex post sulla fondatezza della scelta di sospendere il processo.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 1) LA SOSPENSIONE CONDIZIONALE DELLA PENA: INTRODUZIONE La pronuncia di sentenza di condanna a pena sospesa rappresenta nel nostro Paese uno degli esiti processuali più frequenti, arrivando a comprendere quasi la metà delle cause, tanto da diventare la regola piuttosto che l’eccezione e tanto da minare l’integrazione del sistema 1 . Nonostante ciò i costi sociali ed economici della minaccia penale 2 hanno richiesto strumenti di calmierazione soprattutto in relazione a pene avvertite come non “giuste” e in relazione a settori criminologici meno gravi di altri. Il problema è che un’eccessiva incidenza statistica della sospensione condizionale della pena può minacciare preventivamente la pena stessa, infatti spesso la si quantifica in funzione della possibilità di sospenderla. Di diversa opinione sembra essere Pulitanò: “le ragioni che possono opporsi alla esecuzione di una pena giusta acquistano consistenza laddove siano consistenti i costi della pena, e consistenti i vantaggi dell’evitarli, evitando l’esecuzione” 3 , riportando quindi la sospensione in termini di eccezione alla regola. Certo è che un sistema 1 PADOVANI,La disintegrazione attuale del sistema sanzionatorio e le prospettive di riforma:il problema della comminatoria edittale, in Riv.it.dir.proc.pen., 1992, 419 2 BRICOLA, Conseguenze economiche e sociali del delitto:nuovi appelli alla ricerca e alla pianificazione,in Scritti di diritto penale, II, Milano, 1997, 1001 3 PULITANO’, Sospensione condizionale della pena:problemi e prospettive, Atti del XXIII Convegno DE Nicola, Casarano-Gallipoli, 2000, in dattiloscritto

Laurea liv.I

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Daniele Lurani Contatta »

Composta da 95 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5907 click dal 22/04/2005.

 

Consultata integralmente 14 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.