Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La diplomazia francese e la questione tedesca dalla nascita della Repubblica Federale agli accordi di Bonn e di Parigi 1949-1952

La questione tedesca dopo la seconda guerra mondiale si intreccia con la nascita della comunità europea. I rapporti franco-tedeschi, dopo una iniziale diffidenza evolvono fino a trasformarsi nel motore dell'esperienza europea.
Osservata dall'ottica della diplomazia francese, mediante la consultazione di documenti inediti di archivio, la questione tedesca si impone come centrale nel panorama europeo del secondo dopoguerra.

Mostra/Nascondi contenuto.
2 I N T R O D U Z I O N E Questo lavoro, per sua natura incompleto in quanto basato su fonti di carattere primario tratte esclusivamente dagli archivi di Stato francesi e su fonti di carattere secondario prevalentemente in lingua francese e inglese, nasce da un profondo interesse per le relazioni franco-tedesche e per le dinamiche che hanno condotto i due paesi, per lungo tempo nemici e avversari nelle guerre che hanno sconvolto l’Europa nel nostro secolo, a costituire l’asse portante di un raggruppamento di Stati, primo embrione di Europa, che attraverso complesse evoluzioni e una serie di progressive trasformazioni e ampliamenti, rappresentano oggi l’Unione Europea. Sono l’integrazione europea e il processo che ruota attorno alla scelta francese di rendere la questione tedesca parte di una più ampia politica europea a rappresentare il motore di quest’opera, a guidare l’analisi delle relazioni franco-tedesche tra l’agosto del 1949 e il maggio del 1952. Tale periodo, che va dalla nascita della Repubblica Federale di Germania alla firma dei trattati di Bonn e Parigi, si può considerare di evoluzione positiva dell’idea europea, scandito dalla nascita dei Piani Schuman e Pleven e dalla presenza di proficui negoziati tra i sei paesi impegnati a promuovere l’ideale europeo, la Francia e la Germania in primo luogo accanto ai paesi del Benelux e all’Italia, e la Gran Bretagna e gli Stati Uniti, entrambi interessati all’evoluzione della questione tedesca e alla struttura che avrebbe assunto la nascente comunità europea.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Angelo Rosario Sciotto Contatta »

Composta da 332 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 959 click dal 26/04/2005.

 

Consultata integralmente 3 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.