Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Indipendenza della magistratura e giudice naturale

La tesi è strutturata in 3 capitoli includendo nel primola magistratura come organo e la sua costituzion, nel secondo è trattato l'evoluzione storica del principio del giudice naturale precostituito per legge con particolare riferimento all'ordinamento italiano ed infine il terzo tratta il giudice naturale nel diritto strumentale con particolare riferimento alla procedura penale. la bibliografia è tratta da pizzorusso,taormina,romboli,saredo,orlando,martinez,quadri,feroci, biscaretti di ruffia, conti crosa,lucifredi esposito,mancini. in tutto sono 95 pagine.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO I L’INDIPENDENZA DELLA MAGISTRATURA 1.1 I principi costituzionali L’art. 104. I comma, della Costituzione recita: “La magistratura costituisce un ordine autonomo e indipendente da ogni altro potere”. Un ordine caratterizzato da un gruppo di professionisti che nel contesto rappresenta un potere dello stato;autonomo che si governa da sé, derivando la sua ragion d’essere da un’esigenza,in una comunità ampia,della separazione dei poteri e consistente soltanto nella potestà sul proprio personale ,cioè l’autonomia che si accorda ad un ordine professionale quanto basta per garantirsi da qualsiasi ingerenza. Autonomia che è uno dei principali cardini che si manifesta sotto diversi aspetti: -autonomia rispetto all’organizzazione,poiché la costituzione prevede un organo di autogoverno,il Consiglio Superiore della

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Pasquale Di Carluccio Contatta »

Composta da 103 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 4300 click dal 05/09/2005.

 

Consultata integralmente 10 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.