Skip to content

Tecniche per la misurazione del Rischio negli istituti Finanziari: il caso della BNL

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Belsito
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Finanza
  Relatore: Gennaro Olivieri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 131

Ultimamente lo scenario finanziario è oggetto di una grande e complessa trasformazione dovuta ai cambiamenti a livello competitivo, strutturale e all’aumento della concorrenza su scala internazionale della intermediazione finanziaria.
Le leggi che in passato disciplinavano l’attività creditizia e bancaria, come la “Legge Bancaria” del 1936, o il Dec. legislativo 385 del 1993 sono state con gli anni abrogate, completate e rinnovate. Agli istituti bancari è richiesto, di creare valore economico e di dare una remunerazione agli azionisti che hanno apportato capitale. Anche se un valore primario e la funzione sociale della banca è il mantenimento e la salvaguardia del pubblico risparmio, diventa sempre più importante essere un’impresa efficiente e redditizia.
L’aumento della competitività ha indotto le banche ad entrare in nuovi mercati e ha determinato un ampliamento ed una diversificazione dell’operatività, accrescendo la gamma dei prodotti e dei servizi offerti.
Le banche si allontanano sempre di più dalla semplice attività di intermediazione remunerata attraverso i flussi di interesse, basandosi maggiormente su attività di erogazioni di servizi remunerata attraverso le commissioni.
L’insieme di queste evoluzioni ha incrementato il livello di rischio che le banche devono affrontare nello svolgimento della loro attività ed allo stesso tempo è aumentato anche il capitale necessario alla protezione dai rischi. Le potenziali perdite possono essere causate non solo dai rischi classici dell’attività di intermediazione creditizia, rischi di credito e rischi di mercato, ma anche dalla categoria dei rischi operativi. Dato questo aumento di rischiosità la gestione dei rischi bancari diventa un importante fattore competitivo e driver gestionale, diviene quindi necessario gestire i diversi tipi di rischio e gli effetti che possono avere sulla gestione complessiva delle banche.
L’esatta misurazione di questi rischi può essere fatta attraverso l’utilizzo di tecniche di risk managment che utilizzano il VaR come strumento di quantificazione del rischio e per la corretta divisione del capitale nelle varie unità di business. L’obiettivo finale di tali sistemi di risk managment è di fornire una misura dell’esposizione al rischio connesso alle diverse attività svolte da una banca e di determinare il rischio sostenuto in ogni attività.
Anche a livello di regolamentazione di Vigilanza è cresciuta l’attenzione verso la gestione dei rischi, e la modifica, nel 2003, dell’accordo di Basilea del 1988 lo conferma. Le azioni per la modifica dell’Accordo di Basilea iniziate nel 1999 hanno portato veri e propri cambiamenti nella regolamentazione di Vigilanza e nell’atteggiamento delle Autorità di Vigilanza. Prima della riforma le Autorità preposte al controllo si limitavano a presentare delle regole e dei requisiti patrimoniali rigorosi da far rispettare. Dalla riforma dell’Accordo di Basilea il loro operato è molto più collaborativo e flessibile nei confronti dell’attività bancaria e questo si nota anche dalle diverse possibilità concesse agli istituti bancari riguardo all’utilizzo dei metodi di misurazione dei rischi. I modelli di misurazione forniti dalle Istituzioni di Vigilanza porteranno grandi benefici riguardo alla quantificazione dei rischi e alla riduzione dei presidi patrimoniali.
La revisione più recente dell’Accordo di Basilea dell’aprile 2003 evidenzia tutta una serie di novità nel trattamento del rischio di credito e del rischio operativo con particolare attenzione all’utilizzo dei modelli di calcolo di tali rischi.
Oltre che dalle rettifiche dei modelli e dei sistemi di misurazione del rischio, la gestione del rischio di credito è stata accompagnata anche dalla nascita e dalla diffusione di un insieme di nuovi strumenti e tecniche gestionali che consentono di trasferire il rischio di credito implicito in ogni operazione d’impiego a soggetti diversi rispetto alla banca: securization, loan sales e strumenti derivati per la gestione del rischio di credito.
Il presente lavoro si sofferma nel 1° capitolo sul concetto di rischio, dandone una definizione generale e successivamente fornendo una classificazione delle diverse tipologie di rischio che caratterizzano l’attività di intermediazione.
Nel 2° capitolo presenterò le principali novità proposte dal Comitato di Basilea nel Documento Consultivo del 2003, sulla valutazione e la gestione del rischio di credito e del rischio operativo. Tratterò le modifiche dell’Accordo di Basilea del 1988, che hanno portato ad un vero e proprio cambiamento nella regolamentazione di Vigilanza e nell’approccio delle Autorità preposte al Controllo.
Il 3° capitolo, invece, sarà basato sulla presentazione di un caso pratico: il caso della BNL, che ha sviluppato, proprio basandosi sulle riforme di Basilea 2, un Sistema di Rating Interno sul quale si basa per la classificazione dei clienti, per la valutazione di ogni rapporto creditizio e per la gestione dell’intero portafoglio crediti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE Ultimamente lo scenario finanziario, in particolare il sistema creditizio e l’attività bancaria, è oggetto di una grande e complessa trasformazione dovuta ai cambiamenti a livello competitivo, strutturale e all’aumento della concorrenza su scala internazionale della intermediazione finanziaria. Le leggi che in passato disciplinavano l’attività creditizia e bancaria, come la “Legge Bancaria” del 1936, o il Dec. legislativo 385 del 1993, identificato come Testo Unico delle leggi in materia bancaria, sono state con gli anni abrogate, completate e rinnovate. Agli istituti bancari è richiesto, come ad ogni altra impresa, di creare valore economico e di dare una remunerazione agli azionisti che hanno apportato capitale. Anche se un valore primario e la funzione sociale della banca è il mantenimento e la salvaguardia del pubblico risparmio, diventa sempre più importante essere un’impresa efficiente e redditizia. Questi cambiamenti hanno avuto una influenza notevole sulle strategie aziendali portando a revisionare il modus operandi dell’intero sistema creditizio e quindi dei singoli intermediari. L’aumento della competitività ha indotto le banche ad entrare in nuovi mercati e ha determinato un ampliamento ed una diversificazione dell’operatività, accrescendo la gamma dei prodotti e dei servizi offerti. Le banche si allontanano sempre di più dalla semplice attività di intermediazione remunerata attraverso i flussi di interesse, basandosi maggiormente su attività di erogazioni di servizi remunerata attraverso le commissioni. L’insieme di queste evoluzioni ha incrementato il livello di rischio che le banche devono affrontare nello svolgimento della loro attività ed allo stesso tempo è aumentato anche il capitale necessario alla protezione dai 4

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

basilea
bnl
credito
finanziario
mercato
metodi misurazione rischio
rischio
risk
tecniche misurazione rischio
var

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi