Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Analisi e confronto dei software di simulazione di Reti di Petri

Le Reti di Petri sono un formalismo grafico attraverso il quale è possibile modellare un qualsiasi processo, sia esso industriale che di altra natura. Grazie alla semplicità d'uso tale teoria si pone bene nell'essere tradotta come metodo di simulazione dei processi che essa rappresenta. In questa tesi si è dunque affrontato il problema dell'analisi e del confronto dei software di simulazione di reti di Petri tracciando così in conclusione un elenco di prerequisiti che dovrebbe avere un ipotetico software per divenire così uno standard in questo campo.

Mostra/Nascondi contenuto.
Christian Carafa A.A. 2003/2004 5 Introduzione I sistemi ad eventi discreti rappresentano un settore dell'Automatica che non ha fino ad oggi ricevuto in Italia forte attenzione. Questo fatto ha determinato una situazione per certi versi anomala che vede la quasi totale mancanza nel panorama italiano di corsi di base dedicati, almeno in parte, a questa disciplina. Dal punto di vista dell'attività di ricerca la situazione è relativamente migliore ed esiste un piccolo gruppo di ricercatori interessati a queste tematiche. Tuttavia il numero degli "automatici discreti" in Italia è in percentuale non superiore al 5-10% del numero degli "automatici continui", mentre nel panorama internazionale questo rapporto è più vicino al 20%. I sistemi ad eventi discreti sono un settore di ricerca relativamente giovane e da ciò consegue che non è ancora stata completata una sintesi omogenea dei diversi approcci apparsi nella letteratura. Vi sono dunque molti e diversi modelli che lottano per imporsi in questo campo (fra cui possiamo citare automi, catene di Markov, code, reti di Petri, algebra max-plus) e molte e diverse metodologie di simulazione, analisi e controllo sviluppate per tali modelli. Le reti di Petri (RP) sono un modello di sistemi ad eventi discreti che trae origine dal lavoro di Carl Adam Petri, un ricercatore tedesco. Nel 1962 Petri discusse la sua tesi di dottorato dal titolo Kommunication mit Automaten in cui presentava un modello per processi di comunicazione che poi avrebbe preso il suo nome. L’opera di Petri fu notata da A. W. Holf, che più tardi fu alla guida della Information System Theory Project of Applied Data Research Inc. negli Stati Uniti. Dal 1970 al 1975, il Communication Structure Group del MIT è stato il più attivo nel condurre ricerche relative alle reti di Petri. Nel luglio del 1975 ci fu una conferenza sulle reti di Petri al MIT, ma nulla venne pubblicato. Successivamente, in molti si attivarono per organizzare convegni e pubblicare relazioni delle conferenze sulle reti di Petri. Nell’ottobre del 1979, circa 135 ricercatori, per la maggior parte provenienti da paesi europei, si riunirono ad

Laurea liv.I

Facoltà: Ingegneria

Autore: Christian Carafa Contatta »

Composta da 131 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2781 click dal 03/05/2005.

 

Consultata integralmente una volta.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.