Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il contratto di subfornitura

Per il privatista, la subfornitura è soprattutto un nuovo contratto. La legge 18 giugno 1998, n. 192, pubblicata sulla G.U. del 22 giugno 1998, n. 143, denominata "Disciplina della subfornitura nelle attività produttive", crea un nuovo contratto tipico. Di esso la nuova legge da la definizione, stabilisce i requisiti di forma, detta regole circa le modalità di formazione del contratto, regola l'adempimento dell'obbligazione pecuniaria, fissa regole particolari attinenti ai diritti di proprietà industriale e alla difesa in giudizio, prevedendo un procedimento obbligatorio di conciliazione da svolgersi presso le Camere di Commercio, concede al subfornitore una disciplina fiscale agevolata in relazione agli adempimenti IVA. La legge mira a proteggere il subfornitore nei suoi rapporti con la grande impresa. Nei lavori preparatori è costante il riferimento alla piccola e media impresa, anche se tale riferimento è caduto nella redazione del testo di legge, che ha una portata generale, diretto a proteggere gli interessi del subfornitore, indipendentemente dal fatto che questi appartenga, dal punto di vista economico, alla piccola o media impresa. Nella realtà economica odierna i modelli di organizzazione imprenditoriale sono sempre più improntati a criteri di decentramento e delocalizzazione dell'attività produttiva rispetto ad un unico centro di produzione. Per rispondere alle sfide di un mercato in cui la competitività è proporzionale al grado di specializzazione e alla capacità di adeguarsi velocemente alla domanda, le grandi imprese tendono a concentrare i loro sforzi verso l’attività di progettazione, ricerca e marketing, affidando le singole fasi in cui il processo produttivo risulti scomponibile, a piccole e medie imprese specializzate nella realizzazione in proprio di siffatte lavorazioni. In tale contesto di carattere economico si inserisce il rapporto di subfornitura, che si instaura tra grandi imprese committenti e imprese di dimensioni minori, che effettuano per loro conto una fase del processo produttivo delle prime o che forniscono a queste prodotti semilavorati o componenti che saranno incorporati in un bene più complesso.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 CAPITOLO I LA SUBFORNITURA IN GENERALE. 1. Premessa. Per il privatista, la subfornitura è soprattutto un nuovo contratto. La legge 18 giugno 1998, n. 192, pubblicata sulla G.U. del 22 giugno 1998, n. 143, denominata "Disciplina della subfornitura nelle attività produttive", crea un nuovo contratto tipico 1. Di esso la nuova legge dà la definizione, stabilisce i requisiti di forma, detta regole circa le modalità di formazione del contratto, regola l'adempimento dell'obbligazione pecuniaria, fissa regole particolari attinenti ai diritti di proprietà industriale e alla difesa in giudizio, prevedendo un procedimento obbligatorio di conciliazione da svolgersi presso le Camere di Commercio, concede al subfornitore una disciplina fiscale agevolata in relazione agli adempimenti IVA. La legge mira a proteggere il subfornitore nei suoi rapporti con la grande impresa. Nei lavori preparatori è costante il riferimento alla piccola e media impresa, anche se tale riferimento è caduto nella redazione del testo di legge, che ha una portata generale, diretto a proteggere gli interessi del subfornitore, 1 Cfr. FRANCESCHELLI V., Subfornitura: un nuovo contratto commerciale, in Subfornitura , a cura di VINCENZO FRANCESCHELLI, Milano, 1999, pag. 2.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Manuela Bettelli Contatta »

Composta da 347 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 6502 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 24 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.