Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il processo di comunicazione pubblicitaria: attori, mercato, strategie. Il caso Consorzio Mozzarella di bufala campana DOP.

La comunicazione è un fenomeno complesso e multidimensionale che coinvolge differenti discipline (sociologia, semiotica, diritto, antropologia, economia). In questa sede si approfondisce la comunicazione d'impresa intesa come attività di marketing. Ci si muove, quindi all'interno delle discipline aziendali: in tale ottica si studiano le strategie di comunicazione, le componenti del communication-mix (pubbliche relazioni, pubblicità, promozione vendite, vendita mediante personale) e le logiche che ne guidano l'utilizzo. Lo studio concentra successivamente l'attenzione sullo strumento più utilizzato della comunicazione aziendale: la pubblicità; definisce il mercato pubblicitario e approfondisce, in seguito, il processo e le strategie di comunicazione pubblicitaria. In tale prospettiva si studiano le logiche che regolano il rapporto impresa-agenzia-concessionaria, si analizzano i criteri utilizzati per la scelta dei mezzi e dei veicoli e si individua il target group. Successivamente si analizza il problema della valutazione dell'efficacia della campagna promozionale e si espongono i metodi più utilizzati per la definizione del budget promozionale. Il lavoro è concluso da una applicazione aziendale in cui si illustrano le varie fasi di cui si compone la campagna pubblicitaria organizzata per conto del Consorzio tutela della Mozzarella di bufala campana DOP.

Mostra/Nascondi contenuto.
1.1 Definizione di comunicazione La comunicazione può essere definita sia come trasmissione o trasferimento di informazioni da un soggetto ad un altro per mezzo di veicoli di varia natura (Teoria matematica dell’informazione) sia come condivisione, tra due o più soggetti, di un medesimo significato (Paradigma relazionale) 1 . Nel primo caso la comunicazione è intesa come semplice trasmissione di informazioni, nel secondo come conversazione e interazione tra emittente e ricevente. La comunicazione, quindi, consiste in una duplice attività: informare e persuadere. Occorre subito precisare come l’informazione non sia obiettiva, neutrale, ma unilaterale e soggettiva poiché cerca di influenzare i comportamenti dei riceventi, piegandoli ai fini di chi comunica. In tale lavoro si concentra l’attenzione su un ramo particolare della comunicazione; la comunicazione d’impresa intesa come “complesso di azioni poste in essere dall’impresa per indurre, preservare, modificare i modelli di comportamento degli operatori (consumatori, intermediari, finanziatori) allo scopo di ritrarre un vantaggio competitivo” 2 . 1 Si veda Gallino G. (a cura di) -“ Dizionario di sociologia “- Tea 1993, Eco U. –“La struttura assente “Bompiani 1983 e Grandi R.-“I mass media tra testo e contesto” – Lupetti 1994. 2 Sciarelli S. –“Il sistema d’impresa”- pag. 264, Cedam, 1991.

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Cassio Izzo Contatta »

Composta da 218 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 8142 click dal 20/03/2004.

 

Consultata integralmente 29 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.