Skip to content

Le strategie competitive delle banche nel wealth management

Informazioni tesi

  Autore: Giuliano Di Tommaso
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Libera Univ. Internaz. di Studi Soc. G.Carli-(LUISS) di Roma
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Mario Comana
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 266

L’obiettivo di questa trattazione è valutare le conseguenze dell’applicazione delle strategie competitive, della dottrina economico aziendalistica, alle banche nel particolare settore del wealth management. Si è cercato di sviluppare l’esposizione iniziando da un breve esame di come nella dottrina si sia evoluto il concetto di strategia richiamando i principi base della teoria della concorrenza. Nell’analisi svolta si è posta l’enfasi sui differenti approcci, allo scopo di costruire un valido strumento d’interpretazione della nozione di strategia, che per quanto generico e dai confini piuttosto sfumati, fornisca un valido ausilio nella comprensione delle scelte strategiche nell’ambito del wealth management. Acquisita l’idea di strategia, l’attenzione è stata rivolta ai presupposti per l’elaborazione e la pianificazione, nonché alle funzioni assolte da questa, al fine d’apprendere i molteplici scopi cui codesta adempie all’interno dell’azienda ed in particolar modo della banca. Lo studio delle dinamiche della competizione è stato percorso maggiormente a livello compilativo, tralasciando l’elaborazione matematico grafica e la teoria dei giochi nell’analisi della concorrenza, all’uopo di non rendere poco scorrevole la trattazione rispetto all’importanza che tali strumenti avrebbero svolto all’interno della stessa. Quello che si è voluto evidenziare è stata l’idea di Shumpeter sulla concorrenza non prezzo, la quale, maggiormente nei settori d’erogazione di servizi, esprime una soddisfacente rappresentazione della competizione. Nel secondo capitolo si è descritto ed analizzato il processo di pianificazione, del quale si è avuta la possibilità di costatare sia la natura iterativa sia l’attinenza operativa dei vari strumenti (controlli) esercitati, attraverso la ricerca di materiale e richiesta d’informazioni presso la sede di Roma della Ticino Vita e MPV del gruppo MPS. Si è inserito nel discernimento, per chiarezza esplicativa, la formulazione delle strategie, dove queste sono sviluppate in piano attraverso l’idea di Mintzberg, che ben si adatta anche al nostro campo d’analisi. Quest’elaborazione, ha permesso di mostrare la rilevanza del management, che al fine di costituire una risorsa strategica per l’impresa, deve essere ben aderente e connesso al tessuto organizzativo della banca, in modo da comprendere ed indirizzare i cambiamenti dell’organizzazione stessa. Il terzo capitolo è stato incentrato sul contesto competitivo del wealth management, tramite l’individuazione del mercato di riferimento e la segmentazione di questo, la struttura del settore e della concorrenza, al fine di delineare con maggiore approssimazione l’ambito oggetto di studio di questa tesi. L’analisi svolta ha un ruolo di particolare rilevanza poiché, comprendendo il mercato target delle banche che si occupano di gestioni patrimoniali, si possono concepire i diversi modi, le differenti strategie con cui gli intermediari cercano di raggiungere la propria clientela. Le evidenze empiriche riportate in questo capitolo hanno evidenziato l’importanza strategica soprattutto del front office, fonte primaria attraverso la quale la banca s’interfaccia con il cliente e tramite il quale quest’ultimo formula le proprie aspettative sul servizio/prodotto richiesto . Le problematiche legate al wealth management in termini di strategie e di contesto competitivo sono discusse ampiamente nel quarto capitolo. In particolare, attraverso l’utilizzo di strumenti, come per esempio le matrici, sono determinate le tipologie di business, che a loro volta individuano le possibili strategie applicabili. Si arriva quindi ad auspicare e guidare, le imprese lungo percorsi di sviluppo ottimali. Le matrici, largamente utilizzate in campo aziendalistico, soprattutto nelle imprese multi business, per la loro semplicità di costruzione ed immediatezza di visualizzazione dell’intero portafoglio d’affari, si dimostrano altresì fortemente adatte allo studio del wealth management, per la descrizione delle diverse situazioni concorrenziali. Le gestioni patrimoniali, infatti, fanno spesso parte del portafoglio più ampio di un gruppo bancario e, in ogni caso, il wealth management è di per sé un paniere di business. Infine nel quinto capitolo, si sono descritti gli effetti delle differenti strategie sulle strutture organizzative. Le conseguenze delle strategie applicate sulla struttura organizzativa possono essere individuate sia a livello macro sia micro, si è esaminata la necessità da parte della banca di strutturare la distribuzione in funzione alle esigenze della clientela optando per il canale ovvero i canali più idonei a seconda dei bisogni e dei servizi offerti. In questo senso l’analisi svolta è sfociata nell’individuazione di un personaggio chiave del wealth management: il private banker.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 Introduzione L’obiettivo di questa trattazione è valutare le conseguenze dell’applicazione delle strategie competitive, della dottrina economico aziendalistica, alle banche nel particolare settore del wealth management. Si è cercato di sviluppare l’esposizione iniziando da un breve esame di come nella dottrina si sia evoluto il concetto di strategia richiamando i principi base della teoria della concorrenza. Nell’analisi svolta si è posta l’enfasi sui differenti approcci, allo scopo di costruire un valido strumento d’interpretazione della nozione di strategia, che per quanto generico e dai confini piuttosto sfumati, fornisca un valido ausilio nella comprensione delle scelte strategiche nell’ambito del wealth management. Acquisita l’idea di strategia, l’attenzione è stata rivolta ai presupposti per l’elaborazione e la pianificazione, nonché alle funzioni assolte da questa, al fine d’apprendere i molteplici scopi cui codesta adempie all’interno dell’azienda ed in particolar modo della banca. Lo studio delle dinamiche della competizione è stato percorso maggiormente a livello compilativo, tralasciando l’elaborazione matematico grafica e la teoria dei giochi nell’analisi della concorrenza, all’uopo di non rendere poco scorrevole la trattazione rispetto all’importanza che tali strumenti avrebbero svolto all’interno della stessa. Quello che si è voluto evidenziare è stata l’idea di Shumpeter sulla concorrenza non prezzo, la quale, maggiormente nei settori d’erogazione di servizi, com’è quello del wealth management, dove non è possibile per il cliente valutare la consistenza di ciò che si va acquistando, esprime una soddisfacente rappresentazione della competizione. Nel secondo capitolo si è descritto ed analizzato il processo di pianificazione, del quale si è avuta la possibilità di costatare sia la natura iterativa sia l’attinenza operativa dei vari strumenti (controlli) esercitati, attraverso la ricerca di materiale e richiesta d’informazioni presso la sede di Roma della Ticino Vita e MPV del gruppo MPS, all’interno delle quali mensilmente il management è impegnato nella nuova stesura dell’organigramma dell’impresa, al fine di valutare i risultati ottenuti e l’esperienza maturata, ma anche, allo scopo di comprendere come gli indirizzi strategici siano recepiti dalle varie unità organizzative per apportare, nel

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi