Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Sintesi stereoselettive di C-Glicosil β-Amminoacidi

Sono definite reazioni multicomponente (MCR, “multicomponent reactions”) le reazioni in cui il prodotto finale deriva dall’interazione di almeno tre molecole che, presenti nella stessa miscela di reazione, reagiscono per formare un prodotto derivante da tutti i substrati iniziali.Figura 2
Le reazioni multicomponente costituiscono un valido strumento in quest’ottica in quanto permettono un’elevata diversificazione strutturale, intesa come varietà di sostituenti su una struttura molecolare definita, dei prodotti in tempi ristretti e con bassi costi mediante una semplice variazione dei reagenti di partenza. La gran versatilità e la capacità di generare molecole strutturalmente diversificate ha infatti reso le reazioni multicomponente uno strumento esplorativo ideale, di particolare importanza nell’ambito della chimica moderna e nel processo di scoperta di nuovi farmaci.Durante l’anno di tesi, sono state studiate, nelle loro versioni più moderne ed attuali, due importanti reazioni multicomponente:•reazione di Mannich;•reazione di Reformatsky;. La reazione di Mannich è stata studiata nella sua versione asimmetricavalutando l’induzione derivante da uno dei substrati di partenza (l’aldeide, l’ammina, il derivato carbonilico) o dal sistema catalitico.
Nel caso da noi studiato, la reazione di Mannich è stata eseguita utilizzando i derivati funzionalizzati con residui glicosidici differenti (serie manno e gluco), la p-metossi benzil ammina ed il silil chetene acetale come nucleofilo. I prodotti di condensazione, ottenuti in maniera completamente stereoselettiva, sono poi stati convertiti nei corrispondenti derivati attraverso la rimozione del gruppo p-metossi benzile e l’introduzione del gruppo tert-butossicarbonile (Boc) in modo da garantire una protezione ortogonale dei prodotti finali.Anche la reazione di Reformatsky è stata studiata nella sua versione asimmetrica,e traendo spunto dal recentissimo lavoro di Adrian e collaboratori, che riporta la sintesi di derivati β-amminocarbonilici mediante la reazione di Reformatsky a tre componenti, si è pensato di utilizzare lo stesso approccio per proporre una via alternativa alla sintesi di C-glicosil β-amminoacidi di tipo. Così, la reazione dei formil C-glicosidi con la p-metossi benzil ammina procede attraverso la formazione della corrispondente immina intermedia, la quale viene poi intrappolata nello stesso ambiente di reazione dallo zinco estere enolato generato in situ dall’estere bromo acetato,il dimetil zinco e il catalizzatore a base di Ni(II). I prodotti di condensazione vengono poi elaborati nei corrispondenti derivati attraverso la rimozione del gruppo p-metossi benzile e l’introduzione del gruppo tert-butossicarbonile (Boc) in modo da garantire una protezione ortogonale dei prodotti finali.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 CAPITOLO 1 Principali aspetti delle reazioni multicomponente 1.1. Definizione e meccanismo di azione delle reazioni multicomponente Sono definite reazioni multicomponente (MCR, “multicomponent reactions”) le reazioni in cui il prodotto finale deriva dall’interazione di almeno tre molecole che, presenti nella stessa miscela di reazione, reagiscono per formare un prodotto derivante da tutti i substrati iniziali (figura 1). 1,2 A B C A CB++ 3-CR Figura 1 In molti casi però il meccanismo di formazione del prodotto non è completamente concertato, ma due componenti reagiscono per generare un intermedio in situ che successivamente reagisce con un terzo componente e così via. Le reazioni multicomponente possono così essere considerate come la combinazione di varie reazioni a due componenti. Un vantaggio legato all’utilizzo di questa classe di reazioni, consiste nel riuscire a sintetizzare il prodotto desiderato con rese più alte e con maggiori purezze rispetto ad altre procedure sintetiche che usano sequenze di reazioni a due componenti per arrivare allo stesso composto finale. Alcune reazioni sono considerate multicomponente nonostante l’aggiunta dei reagenti sia sequenziale e non contemporanea, a patto che non vengano isolati i prodotti intermedi delle singole reazioni (reazioni “stepwise”).

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali

Autore: Paolo Turolla Contatta »

Composta da 72 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2382 click dal 20/05/2005.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.