Skip to content

La Battaglia di Adua ed i riflessi internazionali

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Moroni
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2001-02
  Università: Università degli Studi di Siena
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Giovanni Buccianti
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 70

Adua è una cittadina della regione etiopica del Tigré, situata a 1.907 metri di altitudine sul livello del mare, in una conca verdeggiante, divenuta nel secolo appena trascorso un centro commerciale e artigianale di cuoio, tessuti e metalli, ma, per noi italiani, il suo nome ha costituito in primo luogo e per molti anni, in conseguenza del tragico e sfortunato scontro sostenuto dalle nostre truppe sulle altur ad est della città contro l'esercito imperiale di Menelik II il 1° marzo 1896, il simbolo di un'onta da cancellare e di un complesso da superare, che hanno pesantemente condizionato la nostra politica interna ed internazionale per circa un cinquantennio, fino alla sconfitta delle truppe di Amedeo Duca d'Aosta nel 1941 ad opera delle forze dell'impero britannico comandate dal generale Wavell, che segnò la fine, a circa 60 anni dalla costituzione della colonia di Assab, della presenza politica e militare italiana in Africa Orientale. Viceversa, per gli africani Adua ha rappresentato l'inizio della riscossa, il primo successo di un esercito "barbaro" e primitivo sulle truppe di un paese "civile" e moderno, la speranza di potersi un giorno emancipare dalla pesante tutela dei paesi colonizzatori, l'alba di un lungo cammino che sarebbe sfociato, dopo il secondo conflitto mondiale e non senza ulteriori lutti e sofferenze, nella costituzione di stati africani liberi e sovrani, seppur alle pres con enormi problemi; ancora oggi in Etiopia la ricorrenza della battaglia di Adua è festa nazionale. Con questo lavoro, ho cercato di analizzare, basandomi sulle pubblicazioni di importanti storici italiani e stranieri e, per quanto concerne la battaglia e la ritirata, anche sulle memorie di un sopravvissuto, il capitano Woctt, le origini e le motivazioni anche "nobili" dell'espansionismo coloniale italiano, il nostro insediamento nel Mar Rosso, la nostra avventata e superficiale penetrazione all'interno di un territorio popolato da fiere tribù guerriere e montanare che da molti secoli si combattevano fra loro ma non conoscevano dominio straniero, e come la sconfitta militare, percepita in italia come una vera e propria vergogna nazionale, abbia profondamente inciso sulla memoria storica del paese e condizionato le sue elite dirigenti e culturali e come, allo stesso tempo, abbia modificato il modo di guardare al continente nero da parte degli osservatori europei.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
I INTRODUZIONE Adua è una cittadina della regione etiopica del Tigrè, situata a 1.907 metri di altitudine sul livello del mare, in una conca verdeggiante, divenuta nel secolo appena trascorso un centro commerciale e artigianale di cuio, tessuti e metalli, ma, per noi italiani, il suo nome ha costituito in primo luogo e per molti anni, in conseguenza del tragico e sfortunato scontro sostenuto dalle nostre truppe sulle alture ad est della città contro l’esercito imperiale di Menelik II il 1 marzo 1896, il simbolo di un’onta da cancellare e di un complesso da superare, che hanno pesantemente condizionato la nostra politica interna ed internazionale per circa un cinquantennio, fino alla sconfitta delle truppe di Amedeo Duca d’Aosta nel 1941 ad opera delle forze dell’impero britannico comandate dal generale Wavell, che segnò la fine, a circa 60 anni dalla costituzione della colonia di Assab, della presenza politica e militare italiana in Africa Orientale. Viceversa, per gli africani Adua ha rappresentato l’inizio della riscossa, il primo successo di un esercito <barbaro> e primitivo sulle truppe di un paese <civile> e moderno, la speranza di potersi un giorno emancipare dalla pesante tutela dei paesi colonizzatori, l’alba di un lungo cammino che sarebbe sfociato, dopo il secondo conflitto mondiale e non senza ulteriori lutti e sofferrenze, nella costituzione di stati africani liberi e sovrani, seppur alle prese con enormi problemi; ancora oggi in Etiopia la ricorrenza della battaglia di Adua è festa nazionale. Con questo lavoro, ho cercato di analizzare, basandomi sulle pubblicazioni di importanti storici italiani e stranieri e, per quanto concerne la battaglia e la ritirata, anche sulle memorie di un sopravvissuto, il capitano Woctt, le origini e le motivazioni anche <nobili> dell’espansionismo coloniale italiano, il nostro insediamento nel Mar Rosso, la nostra avventata e superficiale penetrazione all’interno di un territorio popolato da fiere tribù guerriere e montanare che da secoli si combattevano fra loro ma non

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

abissinia
adua
arimondi
baratieri
colonialismo
crispi
eritrea
politica internazionale
toselli
trattato di uccialli

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi