Skip to content

Natura giuridica della ritrattazione e suo ambito di operatività

Informazioni tesi

  Autore: Emmanuele Santoro
  Tipo: Tesi di Specializzazione/Perfezionamento
Specializzazione in Professioni legali
Anno: 2005
Docente/Relatore: Giuseppe Amarelli
Istituito da: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 69

Dai più antichi ordinamenti a quelli più moderni ed evoluti, l'istituto della ritrattazione ha costituito un punto fermo per consentire quell'avvicinamento alla Verità in ordine ai fatti di cui si discute in un processo (civile o penale, poco importa), che costituisce una delle più ambite, sebbene difficilmente realizzabili, mete dell'uomo, da sempre guidato dall'aspirazione alla scoperta della realtà che si cela dietro l'apparenza, talvolta oscura, degli umani accadimenti.
La presente tesi si pone l'obiettivo di analizzare l'ambito di operatività e la natura giuridica della ritrattazione nel nostro ordinamento giuridico, con i connessi risvolti di ordine pratico, soprattutto per quanto concerne la permanenza o meno della punibilità dell'eventuale istigatore concorrente, ex artt.110 ss. c.p., nel reato commesso materialmente da altri, a seguito della ritrattazione di quest'ultimo, partendo dall'analisi del genus dei "delitti contro l'amministrazione della giustizia", proseguendo nella disamina e sistematica delle eterogenee circostanze etichettate dal nostro legislatore con il nomen, assai sbrigativo, di "cause di non punibilità", fino a terminare con l'affrontare la questione che costituisce il cuore del presente scritto.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE La ritrattazione è un istituto di antichissime origini e che trova cittadinanza pressoché in tutti gli ordinamenti giuridici, dal più elementare a quello più evoluto, legato come è alla primaria esigenza di avvicinarsi il più possibile alla verità in ordine ad un fatto, oppure per dare un’ultima possibilità, a chi viene ritenuto colpevole/peccatore, di pentirsi e, dunque, di rimettersi su quella che viene ritenuta la giusta strada: sotto quest’ultimo profilo, basti pensare alla “sacra” inquisizione della Romana Chiesa, la quale con metodi violenti e inumani costringeva, sotto la minaccia della pena di morte, all’abiura (che altro non era se non una forma di ritrattazione) i c.d. eretici. Nel presente lavoro viene, innanzitutto, analizzato il titolo del codice penale dedicata ai “delitti contro l’amministrazione della giustizia”, al fine di individuare gli elementi comuni ai reati facenti parte di tale categoria, individuandone il bene giuridico protetto, la struttura, il regime giuridico, e le più recenti innovazioni legislative. In proseguo si passa a trattare del concetto di “punibilità” accolto dal nostro legislatore penale, soffermandoci sulla problematica concernente la sistemazione dogmatica e i tratti differenziali concernenti tutte quelle circostanze che sono genericamente indicate dal codice penale come “cause di non punibilità”, o di “esclusione della punibilità”. Infine viene affrontato il tema centrale di questo lavoro, ossia le caratteristiche, la natura giuridica (con particolare riferimento alle ripercussioni che la stessa riverbera sulla permanenza della punibilità dell’istigatore), e l’ambito di operatività della particolare causa i esenzione dalla pena detta “ritrattazione”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

bene giuridico
clemenza
delitti contro l'amministrazione della giustizia
diritto penale premiale
esimenti
punibilità
reati di pericolo
ritrattazione
scusanti
tutela di una funzione

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi