Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Crescere e creare valore nel settore del lusso: il caso Rossi Moda

La tesi rappresenta uno studio sui processi di crescita e sulla Supply Chain di un'impresa operante nel settore dei beni di lusso.
Dopo aver dato uno sguardo introduttivo al settore luxury ed al mercato della calzatura di lusso, esponendo alcuni casi aziendali significativi, che hanno visto l'applicazione di differenti strategie di successo (Tod's, Ferragamo, Armani...), il lavoro analizza il caso Rossi Moda - LVMH con l'intenzione di rispondere ai seguenti interrogativi:
1. Come cresce un'azienda operante nel settore del lusso?
2. Come si articola e come viene gestita la Supply Chain che ha come impresa focale un'azienda che produce luxury goods?

Mostra/Nascondi contenuto.
INTRODUZIONE “In questa nostra epoca non vi è altro di necessario che il superfluo” Oscar Wilde Il mercato dei beni di lusso ha registrato nell’ultimo ventennio una serie di cambiamenti radicali. In primo luogo è mutato il paradigma sociale ed economico all’interno del quale si inseriscono i comportamenti d’acquisto e d’uso dei beni di lusso: a partire dalla fine degli anni Settanta infatti la componente ostentativa ed emulativa che guidava la domanda di questa tipologia di prodotti ha ceduto il passo ad un nuovo significato di lusso, che da specialistico si è trasformato in generalistico (“tutto per tutti”), da locale a globale (“tutto dappertutto”) e da elitario è divenuto democratico 1 , grazie alla convinzione diffusasi tra gli operatori del settore che non solo i più facoltosi possono apprezzare un prodotto di qualità superiore. Il lusso odierno è dunque sempre più “finalizzato ad accrescere il proprio piacere e benessere personale e non, come voleva una consolidata prassi, a comunicare agli altri la ricchezza o lo status sociale”(Fabris, 1998). Il mercato dei luxury goods è dominato da alcuni grandi global players come Cartier, Gucci, Prada e Ferragamo e da numerose imprese che appartengono al più specialistico “sistema moda” , ma la leadership indiscussa è detenuta dal gruppo LVMH che con marchi eccellenti come Louis Vuitton, Kenzo, Christian Dior e Moët&Chandon, presenta un fatturato che supera la metà del valore complessivo del mercato. I luxury brands più prestigiosi ricercano nelle innovazioni strategiche vantaggi competitivi difficilmente imitabili adottando soprattutto strategie di diversificazione, attraverso le quali il lusso è diventato un ambito competitivo che attraversa trasversalmente molti settori merceologici, dalla gioielleria all’abbigliamento e dall’orologeria ai cosmetici. I grandi colossi del lusso sfruttano dunque da una parte una risorsa chiave quale la brand equity al fine di crescere e sviluppare il loro patrimonio economico e d’immagine e dall’altra tentano l’entrata in nuovi segmenti di mercato attraverso l’acquisizione di griffe di prestigio. Accanto ad attività legate alla brand extension e all’acquisto di imprese che possono vantare una notorietà di marchio riconosciuta al livello mondiale, i gruppi multibusiness e multibrand hanno percorso la via del controllo più serrato della filiera produttiva impegnandosi nell’acquisizione di aziende e laboratori artigianali capaci di offrire produzioni di elevato livello qualitativo. 1 Dichiarazione di Sivio Ursini, direttore marketing di Bulgari (2000)

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Giulia Nicoletto Contatta »

Composta da 101 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10865 click dal 31/05/2005.

 

Consultata integralmente 33 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.