Skip to content

Metodologie per la progettazione di software orientato agli agenti

Informazioni tesi

  Autore: Marco Vita
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Camerino
  Facoltà: Scienze e Tecnologie
  Corso: Informatica
  Relatore: Flavio Corradini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 258

L'ingegneria del software [6] è una disciplina assai giovane in confronto ad altre quali l'ingegneria civile, ambientale, telecomunicazioni; solo verso la fine degli anni '60 (1969) si capì che descrivere in modo rigoroso poggiandosi su basi teoriche era condizione necessaria (ma non sufficiente!) per poter sviluppare sistemi software soddisfacenti le richieste sempre più pressanti dell'ambiente universitario e di ricerca prima, industriale-commerciale poi.
Volendo ricostruire cronologicamente l'evoluzione della produzione di software, possiamo identificare tre diversi approcci che si sono succeduti nel corso degli anni:
· arte;
· artigianato;
· industria.
Nei primi anni '70 solo poche persone, specialisti nel settore scientifico-tecnologico, come matematici e fisici, sentono il bisogno di progettare algoritmi assai complessi capaci di elaborare un grosso quantitativo di dati sfruttando i calcolatori presenti in quel periodo. In questa fase il progettista di software è tipicamente una persona in grado di esprimersi in modo rigoroso e formalizzato, come richiesto dagli elaboratori. L’applicazione sviluppata non ha necessità di sopravvivere a lungo, in quanto una volta che sono stati raggiunti i risultati voluti può essere tranquillamente cestinata. L'arte di concepire software è ancora alla fase embrionale; tipicamente il progettista coincide con l'utente del software stesso.
Successivamente si passa ad una fase nella quale gli utenti finali del prodotto sono tipicamente persone con solide basi tecnologiche distinti dalla figura del progettista. Già da ora, seppur ancora non perfettamente definito, il concetto di ingegneria del software (software engineering, SE) diviene centrale per poter analizzare, progettare ed implementare sistemi software molto complessi: nascono così le società che producono software per il mercato, le cosiddette software house. Rispetto alla situazione iniziale, nella quale prevalevano aspetti di lavoro individuale e creativo (il software come arte), si passa a una situazione di lavoro di piccoli gruppi specializzati (il software come artigianato), spesso di alto livello di professionalità.
Da parte di chi sviluppa del codice per il mercato, inizia una riflessione su come sia possibile fornire del software di alta qualità e, soprattutto, con un approccio che permetta di affrontare temi cruciali come l'organizzazione del processo di lavoro interno all'azienda, il controllo dei costi gestione delle risorse umane e tecnologiche. Nasce progressivamente l'esigenza che la produzione di software venga vista come un'industria, nell'accezione comune che ne diamo: sostanzialmente il lavoro deve essere pianificato e coordinato.
In una visione industriale diviene obbligatorio definire i concetti, e la terminologia usata: secondo quanto riportato dal Software Engineering Institute (SEI, http://www.sei.cmu.edu/) l'ingegneria è
l'applicazione sistematica di conoscenza scientifica per la creazione e costruzione di soluzioni efficaci (anche rispetto ai costi) dei problemi pratici al servizio del genere umano,
mentre l'ingegneria del software è
una forma di ingegneria che applica i principi dell'informatica e della matematica per il raggiungimento di una soluzione efficace (anche rispetto ai costi) a problemi software.
Una definizione di software è
l'insieme di codice, programmi, eventuale documentazione associata, test e dati relativi all'operatività di un sistema di elaborazione.
Alla definizione di software contribuiscono anche fattori di tipo tecnico e organizzativo-gestionale. Ciò che distingue l'ingegneria del software da altre discipline è la complessità di capire, progettare, costruire un frammento di software. In definitiva, l'ingegneria del software si occupa dello studio dei processi relativi alla concezione, costruzione, deployment, evoluzione e utilizzo di prodotti software.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
10 Parte 1 Ingegneria del Software 1 Introduzione L'ingegneria del software [6] è una disciplina assai giovane in confronto ad altre quali l'ingegneria civile, ambientale, telecomunicazioni; solo verso la fine degli anni '60 (1969) si capì che descrivere in modo rigoroso poggiandosi su basi teoriche era condizione necessaria (ma non sufficiente!) per poter sviluppare sistemi software soddisfacenti le richieste sempre più pressanti dell'ambiente universitario e di ricerca prima, industriale-commerciale poi. Volendo ricostruire cronologicamente l'evoluzione della produzione di software, possiamo identificare tre diversi approcci che si sono succeduti nel corso degli anni: • arte; • artigianato; • industria.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi