Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Il Business To Consumer nel settore alimentare

Lo scopo del presente lavoro è quello di illustrare, nel modo più completo ed esaustivo possibile, un particolare aspetto di quel vasto fenomeno economico che ha caratterizzato la fine del XX secolo e che sta ancora realizzandosi, sotto i nostri occhi, a ritmi di crescita esponenziali: il commercio elettronico.
E’ chiaro che non si può parlare di commercio elettronico senza fare riferimento alle nuove tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione, Internet in primis, e alle potenzialità di sviluppo che esse offrono a tutti i soggetti economici.
Il potenziale di innovazione della Rete, nei confronti delle persone e delle imprese, prima ancora che nel commercio elettronico, risiede nella possibilità di trasformare in modo significativo l’organizzazione della società e dell’attività economica.
L’adozione delle tecnologie informatiche non coinvolge soltanto le imprese, ma anche gli Enti Pubblici, qualora le PA decidano di offrire determinati sevizi al cittadino proprio attraverso la Rete, e i consumatori stessi.
Dal punto di vista dell’impresa, gli strumenti informatici modificano funzioni aziendali già esistenti o ne introducono delle nuove, cambiando i modelli di organizzazione e di comunicazione e obbligando ad un ripensamento di tutte le fasi della catena del valore.
Le trasformazioni più rilevanti si verificano quando il Web viene utilizzato come vero e proprio canale di vendita ai consumatori dei prodotti e servizi delle aziende (Commercio Elettronico Business-To-Consumer), o come strumento per lo scambio di merci nell’ambito delle forniture tra le aziende (Commercio Elettronico Business-To-Business).
Oggetto del presente lavoro è proprio il fenomeno Business To Consumer, dunque il nuovo rapporto impresa/mercato, analizzato essenzialmente dal punto di vista dell’impresa.
In tal senso, nel Capitolo I cercheremo di illustrare il rapporto tra impresa e nuove tecnologie, attraverso una breve ricostruzione della loro evoluzione e della loro applicazione in ambito aziendale.
L’analisi del primo capitolo sarà principalmente rivolta allo studio delle possibilità offerte dall’utilizzo di tali tecnologie e all’impatto che esse hanno su tutti gli aspetti dell’attività dell’impresa stessa.
Dopo aver tracciato le caratteristiche principali del commercio elettronico, attraverso diverse definizioni che si ritrovano sia nell’ordinamento giuridico sia nei testi di numerosi autori, e aver descritto la realtà italiana in relazione al fenomeno, il capitolo si conclude con un accenno alle implicazioni che l’adozione delle ICT in ambito aziendale determina, a prescindere dall’attuazione di progetti di commercio elettronico.
Tale processo di “ristrutturazione” coinvolge infatti le fasi di approvvigionamento, le fasi di distribuzione dei prodotti, le modalità di lavoro all’interno dell’azienda.
Nel Capitolo II l’obiettivo è individuare i possibili nuovi orientamenti di Marketing nell’era cosiddetta “digitale”.
La presenza in Rete delle imprese configura un nuovo rapporto impresa/consumatore che costringe le imprese stesse a ripensare le modalità di avvicinamento al mercato ed a riorganizzare le funzioni aziendali cui è affidato il marketing. A questo si aggiunge il fatto che il consumatore non riveste più un ruolo di recettore passivo delle offerte del mercato, ma diviene egli stesso soggetto attivo e centrale nel processo di creazione del valore.
Si realizza, dunque, quel nuovo approccio al marketing, il Marketing Relazionale, che, nonostante sia nato prima della diffusione di Internet, solo grazie alle ICT può effettivamente realizzarsi.
Nel Capitolo III vengono affrontate più da vicino quelle problematiche che l’azienda on-line deve affrontare e che toccano aspetti strategici, tecnologici, distributivi. In particolare, la riconfigurazione della catena del valore comporta l’attuazione di nuove strategie distributive per il commercio elettronico. Da questo punto di vista sono stati identificati cinque diversi modelli di logistica distributiva per le attività orientate al Business To Consumer.
Certamente un’analisi del genere non può trascurare uno dei problemi cruciali che per certi versi ha frenato lo sviluppo del commercio elettronico fino a poco tempo fa, ovvero la sicurezza delle transazioni on-line. Forse è proprio questo l’aspetto più fragile di questo tipo di commercio, ciò malgrado ormai sembra superato quell’atteggiamento di diffidenza da parte dei consumatori, grazie al perfezionamento dei sistemi di sicurezza che garantiscono l’integrità dei dati trasmessi durante la transazione elettronica, soprattutto nella fase del pagamento.
L’ultima parte del Capitolo III è dedicata agli altri soggetti economici coinvolti da tali trasformazioni: i consumatori. Cosa cambia nel loro comportamento d’acquisto? Cosa significa per un consumatore non dover più recarsi in un negozio “fisico”, ma acquistare i beni che desidera in Rete? Sono queste le domande cui si è tentato di rispondere.

Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Lo scopo del presente lavoro è quello di illustrare, nel modo più completo ed esaustivo possibile, un particolare aspetto di quel vasto fenomeno economico che ha caratterizzato la fine del XX secolo e che sta ancora realizzandosi, sotto i nostri occhi, a ritmi di crescita esponenziali: il commercio elettronico. E’ chiaro che non si può parlare di commercio elettronico senza fare riferimento alle nuove tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione, Internet in primis, e alle potenzialità di sviluppo che esse offrono a tutti i soggetti economici. Il potenziale di innovazione della Rete, nei confronti delle persone e delle imprese, prima ancora che nel commercio elettronico, risiede nella possibilità di trasformare in modo significativo l’organizzazione della società e dell’attività economica.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze Politiche

Autore: Alessandra Napolitano Contatta »

Composta da 161 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 2676 click dal 03/06/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.