Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le concentrazioni tra imprese nel diritto comunitario della concorrenza

Il diritto comunitario della concorrenza ha subìto in questi ultimi anni un importante processo di modernizzazione, sia con riferimento all’applicazione degli articoli 81 e 82 del Trattato CE, sia in materia di aiuti di Stato, nonché sul piano del controllo delle concentrazioni. L’esperienza maturata nei tredici anni di applicazione del primo Regolamento sul controllo delle concentrazioni tra imprese ha dimostrato che, nonostante i buoni risultati ottenuti, il sistema doveva essere migliorato.
L’obiettivo del presente lavoro è quello di analizzare l’evoluzione della disciplina comunitaria relativa al controllo delle concentrazioni tra imprese partendo dall’individuazione dei motivi dell’assenza originaria di un’espressa regolamentazione della materia e dalle prime decisioni giurisprudenziali che hanno condotto, dopo trent’anni di vuoto normativo, all’adozione del regolamento 4064/89, fino a pervenire al nuovo regolamento n.139/2004.
Partendo dalla considerazione delle nuove esigenze dettate dall’integrazione del mercato interno, dall’intensificarsi delle operazioni concentrative e dall’allargamento dell’Unione Europea, saranno analizzati gli aspetti innovativi (procedurali e sostanziali) della riforma.
La tesi è il frutto di un'accurata e scrupolosa attività di ricerca svolta in massima parte presso la biblioteca dell'AGCM. Nella tesi sono riportati, inoltre, i più importanti casi giurisprudenziali e le principali posizioni assunte dalla dottrina sui vari aspetti della riforma (nelle oltre 400 note inserite a piè pagina si fa riferimento a più di cento autori).

Mostra/Nascondi contenuto.
6 Introduzione Il diritto comunitario della concorrenza ha subìto in questi ultimi anni un importante processo di modernizzazione 1 , sia con riferimento all’applicazione degli articoli 81 e 82 del Trattato CE 2 , sia in materia di aiuti di Stato 3 , nonché sul piano del controllo delle concentrazioni. 4 Il diritto comunitario antitrust ha assunto in passato e assume ancora oggi un’importanza fondamentale per la realizzazione degli obiettivi del Trattato CE. In principio, la tutela della libertà di concorrenza era considerata uno strumento essenziale per la realizzazione del 1 Si veda in proposito M.Monti, Le riforme della politica della concorrenza nel 2002-2003, discorso tenuto al Comitato Economico e Finanziario del Parlamento Europeo in data 8 luglio 2003. 2 Si veda in proposito il Libro Bianco sulla modernizzazione delle norme per l’applicazione degli articoli 81 e 82, nonché il nuovo Regolamento (CE ) n. 1/2003 del Consiglio, del 16 dicembre 2002, concernente l’applicazione delle regole della concorrenza di cui agli articoli 81 e 82 del Trattato, in GUCE L 1 del 4 gennaio 2003. 3 Nel Consiglio Europeo di Stoccolma del marzo 2001 e nel successivo Consiglio europeo di Barcellona, gli Stati membri hanno preso l’impegno di ridurre il livello di aiuti, espressi in percentuali del PIL, orientando le risorse verso altri obiettivi di interesse comunitario quali il rafforzamento della coesione economica e sociale, l’occupazione, la tutela dell’ambiente, la promozione della ricerca e sviluppo. Il Regolamento (CE) 659/1999 in materia di aiuti di Stato è stato in parte modificato dal nuovo Regolamento (CE) 784/2004 che contiene disposizioni che da un lato garantiscono maggiore trasparenza e certezza giuridica alla procedura in materia di aiuti di stato, dall’altro semplificano l’esame degli aiuti eliminando inutili oneri procedurali. 4 Il 20 maggio 2004 è entrato in vigore il nuovo Regolamento (CE) n. 139/04 del Consiglio relativo al controllo delle operazioni di concentrazione tra imprese che modifica il precedente Regolamento (CEE) n. 4064/89. Contenuto in GUCE n. L 024 del 29/01/1004 pagg. 0001-0022.

Tesi di Laurea

Facoltà: Giurisprudenza

Autore: Massimiliano Canelli Contatta »

Composta da 224 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 7261 click dal 03/06/2005.

 

Consultata integralmente 32 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.