Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

L’evoluzione giurisprudenziale in tema di diritti fondamentali nell’ordinamento statunitense: un modello per la carta dell'UE.

Questo scritto si propone l’obiettivo di voler dimostrare come l’evoluzione giurisprudenziale dei diritti fondamentali nel più specifico scenario dell’ordinamento statunitense abbia influenzato la Carta dell’Unione Europea.
A tal fine, si è tracciata una mappa lungo tutto il percorso storico del diritto e più specificatamente partendo dal diritto romano (inteso come fonte d’ispirazione e modello del diritto moderno).
Si è poi inquadrato il problema in una visione più filosofica, richiamando quei concetti che sono propri del diritto naturale (diritto degli Dei) contrapposti al diritto positivo (diritto degli uomini).
È in questo panorama, storico e filosofico, che ci si è trovati a rintracciare le linee principali che conducono a quella che è la genesi dei diritti fondamentali.
Si è così potuto affrontare con più consapevolezza ciò che è la storia e l’evoluzione giuridica del Nuovo e del Vecchio continente, riscontrando un’obbligata matrice comune che trae origine da esperienze che hanno segnato tutti i popoli delle terre conosciute.

Mostra/Nascondi contenuto.
L’evoluzione giurisprudenziale in tema di diritti fondamentali nell’ordinamento statunitense: un modello per la Carta dell’UE. 2 INTRODUZIONE “Penso che tra popoli che geograficamente sono raggruppati, come i popoli d’Europa, dovrebbe esserci una sorta di legame federale; questi popoli dovrebbero avere in ogni momento la possibilità di entrare in contatto, di discutere i loro interessi, di prendere risoluzioni comuni e di stabilire tra loro un legame di solidarietà, che li renda in grado, se necessario, di far fronte a qualunque grave emergenza che possa intervenire.[…] Sono altresì sicuro che dal punto di vista politico, dal punto di vista sociale, il legame federale, senza intaccare la sovranità di nessuna delle nazioni che potrebbero far parte di una tale associazione, potrebbe essere benefico.” -Aristide Briand- 1 Questo scritto si propone l’obiettivo di voler dimostrare come l’evoluzione giurisprudenziale dei diritti fondamentali nel più specifico scenario dell’ordinamento 1 “Discours et écrits de politique etrangère. La paix, l’Union européenne, la Societè des Nations”, a cura di Achille Elisha, Plon, Parigi 1965, pag. 220. A. Briand, uomo politico francese, nasce a Nantes nel 1862. Laureatosi in giurisprudenza, abbraccia ancor giovanissimo le idee del movimento socialista, diventando segretario del Partito Socialista Francese nel 1901. Collabora attivamente alla politica di pacificazione internazionale nell'ambito dei poteri della Società delle Nazioni, contribuendo in modo determinante all'organizzazione della sicurezza collettiva. Fautore del disarmo generale e personaggio amato in tutto il mondo per il suo impegno a favore della pace. Briand è Ministro degli Esteri più a lungo di qualsiasi altro diplomatico e presidente del Consiglio un numero di volte maggiore di qualsiasi altro uomo politico; complessivamente ha incarichi di governo per sedici anni e cinque mesi. Muore a Parigi il 27 marzo 1932.

Tesi di Laurea

Facoltà: Scienze della Comunicazione e dello Spettacolo

Autore: Sarah Zapparoli Contatta »

Composta da 124 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 1471 click dal 08/06/2005.

 

Consultata integralmente 2 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.