Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

La responsabilità sociale delle imprese nel settore agroalimentare; il caso della C. Fiorucci spa

tesi sulla responsabilità sociale delle imprese agroalimentari, analisi generica della disciplina sulla responsabilità sociale; cos'è, come nasce e si evolve, i vari oriantamenti gestionali della CSR. Segue la qualità; la qualità di sistema, l'evoluzione della qualità, le norme ISO e la Vision 2000, il total quality management TQM, l'accreditamento e l'importanza del marketing della qualità. Il modello della qualità inattesa di Noriaki Kano e l'analisi del caso Fiorucci. Breve cenno sul made in Italy.

Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Di responsabilità sociale d’impresa si parla ormai da tempo. Decine di convegni, ricerche e pubblicazioni hanno ragionato sul tema. Attraverso Internet è possibile accedere, in pochi secondi, a innumerevoli siti dedicati ai temi della Corporate Social Responsibility (CSR). Questo può indurre qualche osservatore a parlare di effetto moda. Che non si tratti di una tendenza passeggera è, però, evidente. Almeno non nel nostro paese. L’interesse verso la CSR si sta sempre più evolvendo verso la lucida consapevolezza da parte delle aziende che il loro impegno nel sociale non sia da concepirsi come “altra cosa” rispetto alla normale finalità di raggiungere più alti livelli di sviluppo, ma che, al contrario, una crescita economica durevole è proprio quella che tiene conto degli effetti sociali ed ambientali legati ai cambiamenti necessari a perseguirla. Occorrerebbe rimuovere il pregiudizio culturale, tuttora consolidato, che vede da una parte il sociale e dall’altra tutto ciò che riguarda lo sviluppo economico. La prospettiva deve essere quella di riuscire a coniugare questi due orientamenti, solo apparentemente distanti. Solo la convinzione che ciò che è bene per la persona - e, quindi, per la società – è anche bene per l’impresa, può mettere in moto un “circuito virtuoso” capace di far crescere l’insieme del contesto in cui si opera. Solo in quest’ottica la responsabilità sociale può diventare un investimento per l’impresa; uno strumento competitivo attraverso il quale coniugare crescita economica con il miglioramento della qualità di vita della comunità in cui essa “vive” e opera. Si tratta di un obiettivo certamente ambizioso, con una posta in gioco molto alta: la consapevolezza che l’adozione di comportamenti socialmente responsabili contribuisce a creare valore per tutte le componenti del mondo imprenditoriale e a migliorare la capacità dell’ azienda di far fronte alle nuove sfide che vengono dai

Tesi di Laurea

Facoltà: Economia

Autore: Amalia Iozzi Contatta »

Composta da 204 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 5533 click dal 21/07/2005.

 

Consultata integralmente 6 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.