Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Caratteristiche temperamentali e stili di attaccamento nello sviluppo della competenza sociale: uno studio osservativo

Studio condotto su due classi di una scuola elementare per verificare l'influenza del temperamento e dello stile di attaccamento sulla posizione sociale occupata dei soggetti all'interno del gruppo dei pari e i criteri di selezione delle relazioni amicali.

Mostra/Nascondi contenuto.
5 INTRODUZIONE Il presente lavoro è dedicato allo studio di un aspetto fondamentale della crescita di ogni essere umano: lo sviluppo della competenza sociale. Ma cosa si intende con questo termine? Intuitivamente si può pensare che acquisire competenza sociale significhi divenire capaci di rapportarsi agli altri. Ma la competenza sociale va anche al di là di questa definizione. Secondo Damon (1985) lo sviluppo sociale assolve al tempo stesso due funzioni: 1) quella di socializzazione, che può essere considerata il versante integrativo del processo, poiché assicura all’individuo la possibilità di partecipare efficacemente alla vita sociale; 2) quella di individuazione, che costituisce il versante della differenziazione e garantisce la formazione dell’identità personale dell’individuo, ciò che lo distingue dagli altri e gli dà il senso di essere attore principale del proprio destino. Damon osserva come entrambe queste funzioni siano essenziali per un buon adattamento ed equilibrio personale. Se si accetta una visione come quella proposta da questo autore, non si può non considerare gli effetti che lo sviluppo sociale, ed in particolare lo sviluppo del legame amicale, hanno sullo sviluppo dell’individuo lungo l’arco della vita. Ovviamente, il solo fatto di avere degli amici non garantisce in assoluto un buon adattamento sociale. Tuttavia, nonostante le cautele che una tematica così complessa impone, il legame tra pari può assolvere nel corso della vita una serie di funzioni fondamentali, non sostituibili con quelle derivanti da altri tipi di rapporti. Questa visione è molto lontana da un approccio che ha dominato per lungo tempo, quello comportamentista. Tale approccio alla socializzazione è stato criticato per diversi motivi. In particolare, sotto l’influsso del comportamentismo, l’importanza del ruolo dei coetanei nel processo di socializzazione è stata per lungo tempo sottovalutata, poiché tale processo era considerato il risultato di meccanismi di modellamento da parte degli adulti. Da tutte queste considerazioni è nato il mio personale interesse verso la tematica del legame amicale e, in particolare, la curiosità nei confronti di quelle variabili che potevano influenzarne il processo di selezione e lo sviluppo.

Tesi di Laurea

Facoltà: Psicologia

Autore: Alessandra Bin Contatta »

Composta da 153 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 10533 click dal 13/06/2005.

 

Consultata integralmente 28 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.