Skip to content

Il testamento biologico nel diritto italiano e comparato

Informazioni tesi

  Autore: Rosa Squillaro
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Salerno
  Facoltà: Scienze Politiche
  Corso: Scienze Politiche
  Relatore: Angelo Saturno
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 221

Il testamento biologico è una dichiarazione fatta da una persona, nel pieno possesso delle proprie facoltà mentali (eventualmente davanti a testimoni e/o un notaio), in cui si specificano le condizioni entro cui essa dovrà essere trattata, nel caso in cui si trovasse impossibilitata a decidere in merito alla propria salute, per il sopraggiungere di uno stato di incapacità dovuto a malattia, infermità, vecchiaia o altro.
Un tale documento dà voce alle preoccupazioni che si manifestano nei paesi interessati da una forte evoluzione della medicina e della tecnologia. Le scoperte in campo medico scientifico degli ultimi decenni, infatti, hanno reso possibile un miglioramento della qualità della vita e un incremento della durata stessa della vita. Di fronte alle nuove possibilità di intervento sulla vita (procreazione assistita, trapianto di organi, clonazione, tecniche di alimentazione artificiale ecc.) si avverte la necessità di stabilire delle regole di condotta, anche di tipo giuridico e non solo morali, etiche, religiose.
Partendo da questi presupposti, nel primo capitolo si traccerà una breve storia della bioetica. Si procederà ad un’analisi dei paesi, europei e nordamericani, che hanno dato validità giuridica al testamento biologico (e la categoria delle direttive anticipate, che lo comprende). Si analizzeranno tanto le leggi in vigore, quanto alcune pronunce giurisprudenziali rilevanti .
L’analisi si estenderà anche a quei paesi che stentano ad accogliere tale istituto (sia per motivi giuridici che socio-culturali), e a quelli che hanno dimostrato negli ultimi anni un concreto interesse verso questi temi (parr. 1.2. e 1.3.).
Nel paragrafo 1.4. si analizzerà il “consenso informato” quale condizione necessaria per la liceità dell’intervento medico, affinché la “relazionalità asimmetrica” tra medico e paziente si trasformi in una “alleanza terapeutica”. Si definiranno poi i requisiti del consenso informato e le sue distorsioni, come l’eccessiva burocratizzazione dell’atto medico.
Nel paragrafo 1.5. si metterà in luce la differenza che esiste tra il diritto al rifiuto delle cure e l’eutanasia. I due concetti, infatti, spesso generano confusione.
Trattandosi di una tesi in Diritto Privato Comparato, si metteranno a confronto ordinamenti giuridici diversi, sia di common law che di civil law. In particolare nel secondo capitolo si analizzerà la situazione negli Stati Uniti. Qui prima che altrove, sono sorti quesiti di bioetica relativi alla fine della vita, e a questi quesiti sono state date risposte giuridiche. Si esamineranno i leading case, cioè i casi fondamentali della giurisprudenza americana e lo sviluppo della legislazione.
Il terzo capitolo è dedicato alla situazione in Italia. Qui il dibattito sulla bioetica e sulle direttive anticipate è iniziato negli anni ’80. Vedremo la divisione esistente a livello politico, giurisprudenziale e dottrinario, tra chi vede nel riconoscimento giuridico delle direttive anticipate una riaffermazione di principi fondamentali quali l’autodeterminazione, la dignità, l’informazione, e chi, al contrario, pone ostacoli di ogni genere all’accoglimento di simili documenti.
Saranno analizzati alcuni casi famosi in tema di rifiuto delle cure, che hanno avuto esiti diversi fra loro (par. 3.4.).
Seguirà un commento ad alcune delle numerose proposte di legge che, a partire dal 1984, hanno cercato di legalizzare testamento biologico e direttive anticipate (par. 3.5.).
Il quarto e ultimo capitolo è dedicato alle interviste. Ho preparato le domande cercando di considerare sia le parti più strettamente tecniche, riguardo al testamento biologico, che le questioni etico-filosofiche ad esso inerenti. Ho intervistato, telefonicamente o tramite e-mail, personaggi che si sono occupati dell’argomento. Si tratta di esponenti del mondo politico, accademico, religioso, medico, ecc. Lo scopo è quello di offrire una panoramica il più pluralista possibile.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
7 Introduzione Il testamento biologico è una dichiarazione fatta da una persona, nel pieno possesso delle proprie facoltà mentali (eventualmente davanti a testimoni e/o un notaio), in cui si specificano le condizioni entro cui essa dovrà essere trattata, nel caso in cui si trovasse impossibilitata a decidere in merito alla propria salute, per il sopraggiungere di uno stato di incapacità dovuto a malattia, infermità, vecchiaia o altro. Un tale documento dà voce alle preoccupazioni che si manifestano nei paesi interessati da una forte evoluzione della medicina e della tecnologia. Le scoperte in campo medico scientifico degli ultimi decenni, infatti, hanno reso possibile un miglioramento della qualità della vita e un incremento della durata stessa della vita. Di fronte alle nuove possibilità di intervento sulla vita (procreazione assistita, trapianto di organi, clonazione, tecniche di alimentazione artificiale ecc.) si avverte la necessità di stabilire delle regole di condotta, anche di tipo giuridico e non solo morali, etiche, religiose. Partendo da questi presupposti, nel primo capitolo si traccerà una breve storia della bioetica, una scienza giovane (è nata infatti negli anni ’60) che si propone di studiare i problemi inerenti la tutela della vita, applicando principi di etica. Dagli Stati Uniti, dove ha origine, si diffonde

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

autodeterminazione
bioetica
consenso informato
direttive anticipate
eutanasia
living will
morte
qualità della vita
rifiuto delle cure
testamenti biologici
testamento biologico
testamento morte

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi