Skip to content

Implementazione del terzo livello del Relationship Service in ambiente CORBA

Informazioni tesi

  Autore: Daniele Di Martino
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Napoli - Federico II
  Facoltà: Ingegneria
  Corso: Ingegneria Informatica
  Relatore: Giuseppe De Pietro
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 92

Le reti di calcolatori hanno iniziato a diffondersi nel mondo informatico a partire dagli anni settanta, come alternativa distribuita all’elaborazione centralizzata, diffondendosi rapidamente grazie al loro basso costo e alle loro potenzialità.
Quasi contemporaneamente andavano sempre più affermandosi tecniche di progettazione e linguaggi di programmazione orientati agli oggetti, quali Smaltalk e C++, per i vantaggi offerti nello sviluppo di applicazioni complesse su scala medio-grande.
Negli anni si è assistito ad un processo che da una parte ha portato ad un aumento delle performance delle reti e all’affermarsi di standard de facto in queste tecnologie, dall’altra al crescente interesse del mercato per le applicazioni distribuite; ma la loro programmazione richiedeva competenze avanzate, basandosi su modelli e tecniche ad un basso livello di astrazione e linguaggi procedurali non orientati agli oggetti.
In questo contesto si inserisce la diffusione, nell’ultimo decennio, delle cosiddette tecnologie middleware in grado di fornire le astrazioni necessarie per sviluppare le applicazioni svincolandosi dalle eterogeneità introdotte dalla rete e consentendo di concentrarsi esclusivamente sui dettagli della business logic dell’applicazione stessa.
Uno dei modelli di middleware più largamente diffusi e riconosciuti è il modello ad oggetti distribuiti, denominato DOM (Distributed Object Middleware), di cui CORBA (Common Object Request Broker Architecture) è uno degli esempi di maggior successo. CORBA deve la sua nascita e la sua affermazione al consorzio OMG (Object Management Group), un’organizzazione no profit nata nel 1989 per iniziative di otto aziende, tra cui Hewlett-Packard, Canon, Sun Microsystem e Unisys, le cui finalità sono la promozione e la standardizzazione di tecnologie e metodologie relative a sistemi software distribuiti orientati agli oggetti, in modo da ridurne la complessità di sviluppo, e supportare l’interoperabilità tra ambienti eterogenei.
Nel modello a oggetti distribuiti, che nasce dall’integrazione del paradigma dell’orientamento agli oggetti e del paradigma cliente-servente, il concetto di oggetto assume un’accezione diversa da quella classica: un oggetto è un’entità incapsulata che esibisce ai clienti le proprietà e i servizi definiti in una interfaccia mediante il linguaggio IDL (Interface Definition Language), standardizzato ad hoc dalla OMG.
L’utilizzo dell’Object Orientation è frequente anche nelle fasi di analisi e progettazione del software: il dominio del problema viene modellato mediante l’astrazione di entità (oggetti) in relazione tra di loro. Ora, se il linguaggio IDL è utile nella definizione delle interfacce degli oggetti, manca, invece, di strumenti sintattici per la descrizione delle relazioni tra gli oggetti. A questo problema si può far fronte utilizzando il servizio delle relazioni (Relationship Service) che fa parte dello standard dei CORBA services.
Il presente lavoro di tesi espone dettagliatamente la struttura, le modalità d’impiego del Relationship Service nonché i vantaggi derivanti dall’utilizzo del Servizio in luogo di soluzioni (spesso solo in parte) alternative. Viene, inoltre, fornita una implementazione del Servizio conforme alle specifiche OMG per una specifica piattaforma open-source quale TAO (The ACE ORB).
Nel primo capitolo verranno analizzate con maggior dettaglio le esigenze che hanno portato allo sviluppo dei sistemi middleware e le caratteristiche generali di tali tecnologie. Verranno, inoltre, presentati i principali modelli alla base delle piattaforme middleware, da Remote Procedure Call a Distributed Object Middleware, soffermandosi in particolare sullo standard CORBA.
Nel secondo capitolo verranno presentate le caratteristiche generali del servizio oggetto di questo lavoro di tesi (Relationship Service), spiegando come il suo utilizzo risulti in taluni casi necessario.
Nel successivo capitolo sarà fornita una descrizione dettagliata dello Specific Level e sarà riportata anche una descrizione di una sua implementazione per TAO. Nel capitolo quattro verrà affrontato lo studio di un caso finalizzato alla comprensione dei meccanismi chiave del Relationship Service.
Infine verrà presentata una overview sulla piattaforma middleware TAO, insieme alla procedura di installazione della stessa con l’ambiente Microsoft® Visual C++ 6.0.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
5 Introduzione Le reti di calcolatori hanno iniziato a diffondersi nel mondo informatico a partire dagli anni settanta, come alternativa distribuita all’elaborazione centralizzata, diffondendosi rapidamente grazie al loro basso costo e alle loro potenzialità. Quasi contemporaneamente andavano sempre più affermandosi tecniche di progettazione e linguaggi di programmazione orientati agli oggetti, quali Smaltalk e C++, per i vantaggi offerti nello sviluppo di applicazioni complesse su scala medio-grande. Negli anni si è assistito ad un processo che da una parte ha portato ad un aumento delle performance delle reti e all’affermarsi di standard de facto in queste tecnologie, dall’altra al crescente interesse del mercato per le applicazioni distribuite; ma la loro programmazione richiedeva competenze avanzate, basandosi su modelli e tecniche ad un basso livello di astrazione e linguaggi procedurali non orientati agli oggetti. In questo contesto si inserisce la diffusione, nell’ultimo decennio, delle cosiddette tecnologie middleware in grado di fornire le astrazioni necessarie per sviluppare le applicazioni svincolandosi dalle eterogeneità introdotte dalla rete e consentendo di concentrarsi esclusivamente sui dettagli della business logic dell’applicazione stessa. Uno dei modelli di middleware più largamente diffusi e riconosciuti è il modello ad oggetti distribuiti, denominato DOM (Distributed Object Middleware), di cui CORBA (Common Object Request Broker Architecture) è uno degli esempi di maggior successo. CORBA deve la sua nascita e la sua affermazione al consorzio OMG (Object Management

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

applicazioni distribuite
corba
eterogeneità
middleware
oggetti distribuiti
omg
related object
relationship service
relazioni
ruoli

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi