Skip to content

Il fenomeno dell'Over-education in Italia

Informazioni tesi

  Autore: Ivan Ferraro
  Tipo: Laurea liv.I
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi della Calabria
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia aziendale
  Relatore: Maria De Paola
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 27

L’istruzione rappresenta un elemento chiave per l’accrescimento della produttività del lavoro e per la crescita economica. Seconda la teoria del capitale umano gli individui tendono ad acquisire livelli elevati di istruzione poiché si tratta di un investimento redditizio e la relazione positiva tra istruzione e reddito è conseguenza dell’aumento di produttività determinato dall’incremento delle conoscenze ed abilità dell’individuo; infatti in mercati perfetti il salario è determinato dalla produttività dei fattori produttivi.
Analizzando i diversi dati (OECD) riguardanti gli investimenti in capitale umano, risulta che l’Italia si classifica spesso nelle ultimissime posizioni rispetto alla media degli altri paesi, tranne nel caso in cui si consideri la spesa pubblica per l’istruzione. Quindi da questa analisi emerge la certezza che il nostro paese sia caratterizzato non solo da un basso stock di capitale umano, ma anche da carenti investimenti in istruzione universitaria che ci indicano non solo debolezze dal lato dell’offerta, ma anche sul versante opposto, ovvero quello della domanda.
In Italia, nonostante ci siano già sia carenze di offerta che di domanda, il sistema dell’istruzione presenta anche alcune debolezze nel raccordarsi al mondo del lavoro, infatti, se da un lato è vero che chi si laurea è avvantaggiato dal rischio della disoccupazione rispetto ad un non laureato, questa non porta in alcuni casi ai risultati sperati, risultando un titolo di studio sovradimensionato rispetto al lavoro svolto (over-education). Questo fenomeno di over-education varia rispetto:
• alle diverse facoltà, infatti, nei corsi di laurea più specialistici (medicina, ingegneria, farmacia, etc.) esso ha un indice molto basso;
• al lasso temporale, infatti, con il passare del tempo esso muta in molteplici modi, sempre in considerazione alle diverse facoltà, diminuendo sempre di più nelle facoltà come medicina, giurisprudenza, etc. e aumentando soprattutto nella facoltà di sociologia.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
2 INTRODUZIONE L’istruzione è comunemente considerata utile ai fini della ricerca di un impiego remunerativo e del raggiungimento di un buon livello culturale. La teoria del capitale umano ha fornito la giustificazione scientifica di questo diffuso convincimento: l’istruzione, la formazione professionale, la cura della salute, la migrazione e l’acquisizione d’informazioni sul mercato del lavoro accrescono le conoscenze, le capacità e, quindi, la produttività dei lavoratori; indirettamente, ciò determina un aumento dei guadagni ottenibili. Per questo si parla di forme d’investimento in capitale umano a proposito delle attività elencate: le maggiori retribuzioni costituiscono il rendimento di tale investimento. Partendo dall’analisi della teoria del capitale umano, spiegheremo i motivi che spingono gli individui a domandare istruzione, prendendo inoltre in considerazione le questioni concernenti l’individuazione dei soggetti che scelgono di richiedere ulteriore istruzione e le determinanti della scelta del livello ottimale. Dopo aver analizzato la teoria del capitale umano, questa tesi si concentra sull’istruzione, scelta come forma principale d’investimento che gli individui effettuano per accrescere la propria produttività e i propri guadagni futuri. Infine, termineremo questo percorso soffermandoci sul tema principale di questa tesi, vale a dire l’over-education, fenomeno assai diffuso in Italia, riguardante la relazione tra tipo di lavoro svolto e livello d’istruzione acquisito. Per capire al meglio questo fenomeno, abbiamo effettuato una duplice ricerca utilizzando dapprima dati provenienti da un indagine ALMALAUREA, e successivamente dati provenienti da un indagine ISTAT. I diversi dati utilizzati da ALMALAUREA, per spiegare il fenomeno dell’over-education, provengono da un campione di laureati delle Università di Bari, Bologna, Cassino, Catania, Catanzaro, Chieti, Ferrara, Firenze, Genova, Messina, Modena e Reggio Emilia, Molise, Padova, Parma, Roma - LUMSA, Sassari, Siena, Torino, Torino Politecnico, Trento, Trieste, Udine, Venezia - IUAV, contenenti informazioni inerenti il titolo di laurea e le stime riguardanti la relazione tra tipo di lavoro svolto e livello di istruzione acquisito. Dall’analisi di questi dati risulta che il fenomeno è rilevante soprattutto per alcuni tipi di facoltà (medicina, ingegneria, chimica, etc.) e tende a ridursi con il passare del tempo anche se comunque resta rilevante anche a cinque anni dalla laurea.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

disoccupazione giovanile
domanda di lavoratori istruiti
investimenti in capitale umano
istruzione in italia
over-education
sovra-istruzione
teoria del capitale umano

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi