Skip to content

La gestione d'impresa volta al rispetto delle problematiche ambientali: Il pastificio Antonio Amato

Informazioni tesi

  Autore: Angelina Poto
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli studi di Napoli "Parthenope"
  Facoltà: economia
  Corso: Economia Aziendale
  Relatore: Giuseppe Vito
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 268

E’ indiscutibile che è giunto il momento di coniugare razionalmente ecologia e sviluppo produttivo. Negli anni ’90 i trend economici hanno mostrato buona salute, mentre quelli ambientali sono stati disastrosi: il sistema economico rilevatosi funzionale in tempi in cui i regimi produttivi erano ancora compatibili con le potenzialità degli ecosistemi non è più proponibile oggi. Se i trend non subiranno un’inversione, dobbiamo prepararci a guardare al deterioramento dell’ambiente come al principale fattore del futuro declino economico. Da questo gap nasce l’esigenza di uno sviluppo sostenibile, in grado di soddisfare i bisogni delle generazioni presenti senza compromettere quelli delle generazioni future.
Le variazioni apportate alla natura dalle attività umane devono mantenersi entro limiti tali da non danneggiare irrimediabilmente il contesto biofisico globale e da permettere alla vita umana di continuare a svilupparsi. Ciò significa fare in modo che il tasso di inquinamento e di sfruttamento delle risorse ambientali rimanga nei limiti della capacità di assorbimento dell’ambiente ricettore e delle possibilità di rigenerazione delle risorse, secondo quanto consentito dai cicli della natura.
Viene spontaneo chiedersi come sia possibile sfruttare l’ambiente ed, al tempo stesso, preservarlo, data la continua crescita nel tempo della produzione di beni e di servizi, per cui risulta difficile non solo diminuire, ma addirittura mantenere costante il flusso di sfruttamento delle risorse ambientali.
La risposta è principalmente nel progresso tecnologico che può consentire di ridurre i coefficienti di sfruttamento dell’ambiente per unità di prodotto o di servizio ed in una migliore efficacia ed efficienza della gestione delle problematiche ambientali.
Lo strumento in grado di rapportarsi con l’ambiente nello spirito del miglioramento continuo è proprio l’adozione di un sistema di gestione ambientale; in tal modo l’ambiente può essere vissuto come un fattore attraverso il quale recuperare competitività e migliorare l’immagine aziendale.
Negli ultimi venti anni, le politiche ambientali hanno assunto un rilievo particolare nei Paesi industrializzati, e soprattutto in Europa, al punto da divenire un fondamentale fattore di integrazione delle politiche economiche e sociali. Per parte sua, l'opinione pubblica sembra con sempre maggior evidenza attendere dalle imprese chiari segnali di responsabilizzazione sociale, basati sulla capacità di fornire evidenza dei sistemi di controllo adottati e possibilmente sulla pubblicazione dei risultati ottenuti.
L'impresa è sempre più vista, in sostanza, come “cittadina” della comunità in cui è inserita, con precisi diritti (servizi, infrastrutture, creazione di ricchezza) e doveri (contribuzione fiscale, sviluppo e sicurezza del lavoro, rispetto dell'ambiente). Essa ha quindi la crescente esigenza di migliorare la fiducia ed il consenso intorno alla propria attività, e qualsiasi programma di sviluppo industriale e territoriale, per essere credibile ed attrarre agevolazioni pubbliche ed investimenti privati, deve ormai coniugarsi anzitutto con rigorosi obiettivi di sostenibilità ambientale.

E' per queste ragioni che i Sistemi di Gestione Ambientale (SGA) sono ormai diventati una pratica diffusa, e che le Certificazioni ISO 14001 e la Registrazione EMAS dei SGA rappresentano ormai obiettivi strategici per un numero crescente di imprese ed enti.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
IV INTRODUZIONE E’ indiscutibile che è giunto il momento di coniugare razionalmente ecologia e sviluppo produttivo. Negli anni ’90 i trend economici hanno mostrato buona salute, mentre quelli ambientali sono stati disastrosi: il sistema economico rilevatosi funzionale in tempi in cui i regimi produttivi erano ancora compatibili con le potenzialità degli ecosistemi non è più proponibile oggi. Se i trend non subiranno un’inversione, dobbiamo prepararci a guardare al deterioramento dell’ambiente come al principale fattore del futuro declino economico. Da questo gap nasce l’esigenza di uno sviluppo sostenibile, in grado di soddisfare i bisogni delle generazioni presenti senza compromettere quelli delle generazioni future. Le variazioni apportate alla natura dalle attività umane devono mantenersi entro limiti tali da non danneggiare irrimediabilmente il contesto biofisico globale e da permettere alla vita umana di continuare a svilupparsi. Ciò significa fare in modo che il tasso di inquinamento e di sfruttamento delle risorse ambientali rimanga nei limiti della capacità di assorbimento dell’ambiente ricettore e delle possibilità di rigenerazione delle risorse, secondo quanto consentito dai cicli della natura. Viene spontaneo chiedersi come sia possibile sfruttare l’ambiente ed, al tempo stesso, preservarlo, data la continua crescita nel tempo della produzione di beni e di servizi, per cui risulta difficile non solo diminuire, ma addirittura mantenere costante il flusso di sfruttamento delle risorse ambientali.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave


Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi