Skip to content

Creazione, arte e tecnologia in Andrè Malraux. Il museo immaginario nell'epoca di Internet.

Informazioni tesi

  Autore: Mauro Sala
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 1998-99
  Università: Università degli Studi di Milano
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere
  Relatore: Elio Franzini
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 234

La Tesi intende riflettere sull'attualità del pensiero estetico di Andrè Malraux e più dettagliatamente sulla tenuta del concetto di Museo Immaginario nell'epoca contemporanea. Divisa in due parti, è prima di tutto una ricognizione sul percorso di pensiero di Malraux della cui estetica vuole ricostruire la genesi attraverso i concetti chiave di artista, di antirealismo e di immaginario; in secondo luogo è una critica all'idea stessa di Museo Immaginario condotta con l'ausilio della mediologia di Règis Debray e di autori che ricorrono come fonti per lo stesso Malraux, come Walter Benjamin e Andrè Bazin. Il concetto di Museo Immaginario (cioè di quel Museo che ciascuno porta dietro le palpebre) nasce in Malraux dall'intuizione, mediata dalla lettura di Benjamin, che la riproduzione fotografica decontestualizza l'opera d'arte e così facendo la restituisce pienamente a se stessa (perché la allontana da tutto ciò che non le è pienamente attinente). Quello che si è voluto fare è proprio analizzare quest'intuizione alla luce delle tecnologie digitali che elevano in massimo grado la possibilità di astrarre dalla concretezza dell'oggetto artistico stesso.
La tesi è attualmente in traduzione presso l'associazione Amitiès Internationales Andrè Malraux (www.andremalraux.com) che si occupa della diffusione dell'opera di e su Andrè Malraux.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
Creazione, arte e tecnologia in André Malraux -1- Introduzione A tutte le opere d’arte che sceglie, il Museo Immaginario porta, se non l’eternità che domandavano loro gli scultori di Sumer o di Babilonia, l’immortalità che domandavano loro Fidia e Michelangelo, almeno un’enigmatica liberazione dal tempo. E se fa nascere un Louvre invaso e non abbandonato, è perché il vero Museo è la presenza, nella vita, di ciò che dovrebbe appartenere alla morte 1 . Il pensiero di Malraux sull’arte nasce dall’enigmatica domanda che la moltitudine delle opere raccolte in un museo pone a chi vi entra; nasce cioè dalla volontà di dare una giustificazione alla comune presenza all’interno di un unico edificio di opere tra loro antitetiche per modalità di creazione, per funzione e qualità, ma riunite sotto un medesimo nome: quello di arte, appunto. L’enigma è quello che un crocifisso romanico, nato come oggetto di culto al di fuori di qualsiasi concetto di arte, pone nel momento in cui viene raccolto in un museo, dove cessa di essere venerato per venire ammirato in quanto sistema formale, contrapposto, in un perpetuo dialogo, a tutti gli altri sistemi formali che il museo riunisce. E’ ‘la presenza nella vita di ciò che dovrebbe appartenere alla morte’, il porsi dell’arte come un qualcosa in grado di trascendere i secoli. Proprio in una definizione di arte come Assoluto trascendente rispetto alle singole opere d’arte nelle quali, di volta in volta, si 1 “A toutes les oeuvres d’art qu’il élit, le Musée Imaginaire apporte, sinon l’éternité que leur demandaient les sculpteurs de Sumer ou de Babylone, l’immortalité que leur demandaient Phidias et Michel-Ange, du moins une énigmatique délivrance du temps. Et s’il suscite un Louvre envahi et non déserté, c’est que le vrai Musée est la présence, dans la vie, de ce qui devrait appartenir à la mort” (A. Malraux, Le Musée Imaginaire, Gallimard, Paris 1965, p. 233).

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

andrè bazin
andrè malraux
antirealismo
estetica
internet
mediologia
museo immaginario
pablo picasso
règis debray
tecnologie digitali
walter benjamin

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi