Questo sito utilizza cookie di terze parti per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più clicca QUI 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. OK

Le strategie competitive nel settore della Ristorazione veloce: due realtà a confronto Burger King e McDonald’s

le strategie vincenti che hanno portato McDonald’s al successo mondiale. Il lavoro effettua un confronto con le strategie del competitor Burger King

Mostra/Nascondi contenuto.
Capitolo 1 Analisi del settore Ho.Re.Ca. 9 1.1 DEFINIZIONE DEL SETTORE L’acronimo Ho.Re.Ca., scritto in varie maniere, maiuscolo o minuscolo, con o senza punti di separazione, non è utilizzato dagli istituti statistici e quindi non sono univocamente definiti il significato da attribuire ad esso, i confini e le diverse sezioni del settore. Dall’esame dei principali motori di ricerca in internet risulta che la sigla Ho.Re.Ca., di recente introduzione, è ancora poco utilizzata, con l’eccezione dell’Olanda e del Belgio. Anche il significato dell’acronimo non è unanimemente condiviso, essendo interpretato, secondo i diversi utilizzatori, come Hotel, Ristoranti e Caffè-bar o Hotel, Ristoranti e Catering. A seconda del campo di interesse dell’istituto di ricerca o delle associazioni di categoria emergono due interpretazioni del gruppo Ho., l’una tradizionale come fornitore di alloggio e l’altra, da parte di soggetti interessati solo alla filiera del Food & Drink, come fornitore di servizi di ristorazione all’interno degli alberghi (ristoranti interni e servizio in camera). Il catering secondo i più rientra nei servizi di ristorazione e viene quindi incluso nel Re.; chi al contrario interpreta Ca. come catering include i bar sotto la voce ristoranti. Le due diverse interpretazioni emergono chiaramente dalla ricerca bibliografica. L’acronimo Ho.Re.Ca. è legato principalmente al settore dei consumi alimentari extradomestici ed è utilizzato talvolta dai produttori di beni alimentari e bevande per suddividere il fatturato in due categorie, quella del canale horeca e quella della distribuzione organizzata e commercio all’ingrosso (retailers), contrapponendo quindi lo sbocco per i consumi alimentari extradomestici a quello dell’uso domestico. A titolo di esempio l’amministratore delegato Carlo Riva di Carlsberg Italia indica per la propria impresa due canali di vendita il Retail e l’Horeca1. Al.Ba.Ris.2, il portale italiano B2B del mondo horeca, che si definisce “punto d’incontro per la vendita di prodotti specifici per gli alberghi, la ristorazione e tutto il mondo della mescita che rappresenta i consumi extradomestici”, riferisce il termine Horeca (e l’equivalente italiano Albaris) unicamente ai servizi di ristorazione, compresi ovviamente i ristoranti all’interno degli esercizi alberghieri. Il mensile Largo Consumo3 , rivista italiana sulla filiera dei mercati food e non-food, dei beni semidurevoli e dei sistemi e servizi collegati, attribuisce all’acronimo il significato di 1 E.Scarci “Vinto l’europeo delle vendite” in Il Sole 24 Ore del 5/07/2004 pag 11 2 www.albaris.it ; www.horeca.it Al.Ba.Ris. è l’equivalente italiano di Ho.Re.Ca. 3 R.Cioffari, La difficoltà della ristorazione “firmata” in Largo Consumo 6/2003 pag. 73 R.Nucci, Horeca sotto inchiesta in Largo Consumo 4/2004 pag. 83

Tesi di Laurea

Facoltà: Ingegneria

Autore: Paolo Manara Contatta »

Composta da 307 pagine.

 

Questa tesi ha raggiunto 12605 click dal 20/06/2005.

 

Consultata integralmente 75 volte.

Disponibile in PDF, la consultazione è esclusivamente in formato digitale.