Skip to content

La riforma crispina dell'ordinamento comunale e provinciale. Gli atti parlamentari

Informazioni tesi

  Autore: Antonio Candido
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Bari
  Facoltà: Giurisprudenza
  Corso: Giurisprudenza
  Relatore: Gianfranco Liberati
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 153

Nella mia tesi ho voluto analizzare l’attività legislativa del primo ministero Crispi (1887-1891) ed in particolare la riforma dei così detti enti locali, quali comuni e province, perché essa rappresenta una tappa fondamentale nella storia delle istituzioni amministrative italiane e del consolidamento del regime seguito all’unificazione dello Stato.
Le varie leggi crispine chiudono, infatti, il ventennale dibattito sulle forme, i modi ed i significati dell’unificazione amministrativa e costituiscono, almeno in alcuni casi, una ratifica definitiva delle scelte operate all’indomani dell’unità, con i tanti discussi e vituperati cinque allegati alla legge comunale e provinciale del 20 marzo 1865.
L’espansione territoriale del Regno, conseguente all’annessione della Lombardia, pose al centro del dibattito politico il tema della organizzazione politico-amministrativa dei livelli di articolazione locale.
L’anno 1865 registrò una riforma complessiva dell’amministrazione italiana che, investendo i settori delle opere pubbliche, della sicurezza pubblica, della sanità, del contenzioso amministrativo e del Consiglio di Stato, pose i cardini per la disciplina della finanza locale ed incise sull’ordinamento provinciale e comunale.
Con la legge del 20 marzo 1865, n. 2248, allegato A, vennero infatti, apportate alcune modifiche alla legge Rattazzi, in forza delle quali varie attribuzioni della giunta furono trasferite al sindaco che risultò essere la figura cardine dell’amministrazione municipale. La fitta rete di controlli di legittimità e di merito, che riconduceva l’amministrazione locale nelle mani del rappresentante periferico dell’amministrazione statale, venne controbilanciata dall’estensione del suffragio.
Successivamente alla crisi dello stato liberale si rinnovò, con la guida del Crispi, una tendenza all’accentramento dei poteri, che condusse ad operare una riforma dell’assetto amministrativo attuata con l’approvazione della legge 30 dicembre 1888, n. 5865. Nel discorso della Corona che inaugurava, il 16 novembre 1887, la seconda sessione della XVI Legislatura, era annunciata la riforma della Legge Comunale e Provinciale. In adempimento alla promessa fatta con la parola della Corona, nella tornata del 19 novembre, l’onorevole Crispi presentava alla Camera dei Deputati un disegno di legge in 77 articoli, con il titolo “Modificazioni ed aggiunte alla Legge comunale e provinciale 20 marzo 1865”.
Il progetto, dopo lunghe e sapienti discussioni nei due rami del Parlamento, divenne appunto la legge promulgata il 30 dicembre 1888, la quale, per mandato legislativo, fu dal Governo del Re coordinata con la legge 20 marzo 1865, allegato A e con altre leggi che quest’ultima avevano modificato: il tutto venne recepito ed ampliato con l’adozione del testo unico della legge comunale e provinciale.
Tale legge operò la parificazione dell’elettorato amministrativo a quello politico e concesse: ai comuni, capoluoghi di provincia e di circondario, ovvero a quelli con più di 10.000 abitanti, di scegliersi il proprio sindaco; alle deputazioni provinciali di nominare – al loro interno – un presidente. Rafforzò, inoltre, il meccanismo dei controlli, con l’introduzione della Giunta provinciale amministrativa e con un potenziamento del ruolo svolto dai prefetti, il cui potere era conferma del principio di centralità del potere esecutivo e delle sue articolazioni periferiche.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
6 I) PREMESSA Nella mia tesi ho voluto analizzare l’attività legislativa del primo ministero Crispi (1887-1891), ed in particolare la riforma dei così detti enti locali quali comuni e province, perché essa rappresenta una tappa fondamentale nella storia delle istituzioni amministrative italiane e del consolidamento del regime seguito all’unificazione delle Stato. Le varie leggi crispine chiudono infatti il ventennale dibattito sulle forme, i modi ed i significati dell’unificazione amministrativa e costituiscono, almeno in alcuni casi, una ratifica definitiva delle scelte operate all’indomani dell’unità con i tanti discussi e vituperati cinque allegati alla legge comunale e provinciale del 20 marzo 1865. La “codificazione” crispina fornisce inoltre la struttura amministrativa non più seriamente messa in discussione, entro la quale si svolgeranno sino al fascismo ed anche oltre, i rapporti sociali e politici del paese. Osservato in tale prospettiva, il complesso di tali riforme, si trova quindi al centro della secolare vicenda degli

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

crispi
discussione parlamentare
ordinamento comunale e provinciale
riforma crispina

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi