Skip to content

I mille volti del privato sullo schermo: tendenze ed apparenze nella programmazione televisiva

Informazioni tesi

  Autore: Luciana Ridolfi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2000-01
  Università: Università degli Studi di Urbino
  Facoltà: Sociologia
  Corso: Sociologia
  Relatore: Giovanni Boccia Artieri
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 123

Il “mostrare”, il “far vedere”… rappresentano indubbiamente la connotazione più immediata della televisione, l’essenza stessa del suo “essere”, la sua ragione di fondo…
Nel porsi come medium tra i due spazi dell’esperienza (l’esterno del mondo e l’interno domestico), esso diventa così lo specchio di ogni visibile possibile e, insieme, il referente privilegiato per la costruzione di rinnovati percorsi semiotico-simbolici.
Tale valenza performativa trova la sua “ratifica” immediata in ogni istante in cui - cliccando sul telecomando - noi accettiamo di sottoscrivere in toto i termini del “contratto”, disponendoci così a condividerne tutte le possibili “clausole” di visibilità.
Nell’auto-proclamarsi come “il mezzo veridittivo del reale” per eccellenza (“Here is television: your window to the world”…) (1), esso viene perciò ad arrogarsi il diritto di dare “comunque” un senso a tutto ciò che mostra, reclamando - in pari tempo - sempre nuova attenzione e fiducia da parte dello spettatore.
Legittimato dal consenso comune e gratificato da calorose “risposte d’ascolto” via via più stimolanti, il mezzo televisivo ha - come si suol dire - “cavalcato l’onda”, spingendosi proditoriamente sempre più oltre,… per approdare infine su territori di visibilità così insoliti e audaci da meritarsi le non infondate accuse di mettere in scena, ormai, solo “compiaciuti esibizionismi” quando non addirittura… “spietati cinismi”.
Il conto torna… E’ solo un caso, infatti, che il verbo “mostrare” abbia un etimo in comune con la parola latina monster/monstrum?… E, del resto, il “mostro” non è, prima di tutto, un qualcosa che “non si può guardare” ma che tutti vorrebbero avidamente vedere, spiare, analizzare?…

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
3 Introduzione Vedere la Gorgone, è guardarla negli occhi e, nell’incrocio degli sguardi, cessare d’essere se stesso, d’essere vivente, per divenire, come lei, potenza di morte. L’autre de l’homme: la face de Gorgò, J.P. Vernant, 1981 Una qualunque serata televisiva, il consueto zapping tra i canali… Clic. Eteree top models incedono sicure su una passerella parigina. La telecamera zomma sul dettaglio di perfette rifiniture e…anatomie mozzafiato… Un soldato israeliano è gettato “in pasto” ai nemici reclamanti… La scena, orribile, viene riproposta - almeno cinque volte - da immagini rallentate… La “fredda” show-girl confessa in diretta le sue ansie e le sue mille paure: colto in primissimo piano, il suo volto ci rimanda i tratti di una fragilità insospettata… Gli immancabili giovani, “rinchiusi” nella Casa, continuano a mimare improbabili quotidianità domestiche: l’occhio attento di trenta monitor ne spia ogni movenza, ogni discorso, ogni intimità… Il “mostrare”, il “far vedere”… rappresentano indubbiamente la connotazione più immediata della televisione, l’essenza stessa del suo “essere”, la sua ragione di fondo… Nel porsi come medium tra i due spazi dell’esperienza (l’esterno del mondo e l’interno domestico), esso diventa così lo specchio di ogni visibile possibile e, insieme, il referente privilegiato per la costruzione di rinnovati percorsi semiotico-simbolici. Tale valenza performativa trova la sua “ratifica” immediata in ogni istante in cui - cliccando sul telecomando - noi accettiamo di sottoscrivere in toto i termini del “contratto”, disponendoci così a condividerne tutte le possibili “clausole” di visibilità. Nell’auto-proclamarsi come “il mezzo veridittivo del reale” per eccellenza (“Here is television: your window to the world”…) (1), esso viene perciò ad arrogarsi il diritto di dare “comunque” un senso a tutto ciò che mostra, reclamando - in pari tempo - sempre nuova attenzione e fiducia da parte dello spettatore. Legittimato dal consenso comune e gratificato da calorose “risposte d’ascolto” via via più stimolanti, il mezzo televisivo ha - come si suol dire - “cavalcato l’onda”, spingendosi proditoriamente sempre più oltre,… per approdare infine su territori di visibilità così insoliti e audaci da meritarsi le non infondate accuse di mettere in scena, ormai, solo “compiaciuti esibizionismi” quando non addirittura… “spietati cinismi”. Il conto torna… E’ solo un caso, infatti, che il verbo “mostrare” abbia un etimo in comune con la parola latina monster/monstrum?… E, del resto, il “mostro” non è, prima di tutto, un qualcosa che “non si può guardare” ma che tutti vorrebbero avidamente vedere, spiare, analizzare?…

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

privato
tendenze televisive
tv

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi