Skip to content

Il Senato federale: decentramento e rapporti Nord- Sud

Informazioni tesi

  Autore: Sarah Emmi
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2003-04
  Università: Università degli Studi di Catania
  Facoltà: Economia
  Corso: Economia e Commercio
  Relatore: Isidoro Mazza
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 164

Introduzione


Lo Stato nazionale, che è la forma di aggregazione giuridica che le Comunità si sono date in Europa negli ultimi due secoli, pare proprio che abbia fatto il suo tempo, tanto che si parla oramai di vera e propria crisi degli Stati nazionali minacciati dalla globalizzazione.
Questo fenomeno si manifesta anche attraverso l’omologazione delle diversità culturali, etniche, religiose e sociali che costituiscono il fondamento della democrazia moderna. Accanto alla globalizzazione, si fa sempre più largo quella che appare come una tendenza in atto in molte parti del mondo: decentrare il potere politico.
Ma cosa significa federalismo? Il termine federalismo deriva dal latino foedus che significa patto, alleanza, accordo, unione. Da qui, si capisce come il federalismo abbia come fine quello di far convivere in una realtà statale coesa ed unita, le diverse entità territoriali caratterizzate da una profonda diversità tra loro. In altre parole, si desidera far convivere insieme le diversità nel patto federale.
Il concetto di federalismo, però, non è chiaro ed univoco, tanto che non è in alcun modo possibile avere a disposizione una definizione teorica condivisa da tutti. In merito Alberini (1979) sosteneva: “Va osservato, al riguardo che allo Stato dei fatti si sa solo molto vagamente di che cosa si parla quando si parla di federalismo”.
Il termine federalismo invoca sia un principio politico, la cosiddetta ideologia federalista, sia un particolare tipo di istituzioni statali, gli Stati federali. Nel primo caso, quello del pensiero federalista, ci si riferisce direttamente a quella corrente di pensiero politico moderno secondo cui la soluzione per ottenere una società migliore sia quella di organizzarla secondo il principio federale. Nel secondo, invece, ci si rifà agli studi costituzionali sulle istituzioni che reggono il cosiddetto Stato federale.
Negli ultimi anni il federalismo ha riscontrato grande successo politico, a cui è corrisposta una grande ripresa degli studi sui modelli federali di governo.
Nel vecchio continente il processo di costruzione di un’Europa politica, dotata di una Costituzione e di strutture di governo sopranazionali si è accompagnato a fenomeni di amplissima regionalizzazione che hanno coinvolto tutti gli Stati europei. Alla Germania e all’Austria, tradizionalmente federali, si sono affiancati Spagna e Belgio, che hanno conosciuto profondi fenomeni di federalizzazione, e anche l’Italia.
Gli Stati Uniti stanno rivalutando lo studio delle costituzioni dei singoli Stati membri, scoprendo e rivelando al mondo le grandi differenze che sussistono nelle forme di governo dei diversi Stati. Il modello federale resta una importante ipotesi anche per governare piccoli Paesi fortemente disomogenei (Bosnia Erzegovina).
Le principali caratteristiche dei comuni modelli federali possono essere sintetizzate nel seguente modo:
 Due (o più) ordini di governo che agiscono direttamente sui cittadini;
 Una distribuzione di rango costituzionale dell’autorità legislativa e amministrativa ed un’allocazione delle risorse finanziarie fra gli ordini di governo, tale da assicurare a ciascuno di essi una qualche area di genuina autonomia;
 Possibilità di rappresentanza dei punti di vista regionali all’interno delle istituzioni politiche federali, di solito attraverso una particolare forma di seconda camera legislativa federale.
E’ in questo quadro complesso che vanno collocati i processi di riforma che si stanno sviluppando in Italia dalla seconda metà degli anni 90, intrecciandosi con i processi di riforma delle istituzioni di governo.
Scopo di questo lavoro è esaminare le modifiche in senso federalista della Costituzione italiana. Particolare attenzione e studio è posto sull’aspetto finanziario e sulla costituzione e il ruolo del nuovo Senato federale e se esso comporterà una reale convergenza di interessi tra il Nord e il Sud d’Italia.



CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
II Introduzione Lo Stato nazionale, che è la forma di aggregazione giuridica che le Comunità si sono date in Europa negli ultimi due secoli, pare proprio che abbia fatto il suo tempo, tanto che si parla oramai di vera e propria crisi degli Stati nazionali minacciati dalla globalizzazione. Questo fenomeno si manifesta anche attraverso l’omologazione delle diversità culturali, etniche, religiose e sociali che costituiscono il fondamento della democrazia moderna. Accanto alla globalizzazione, si fa sempre più largo quella che appare come una tendenza in atto in molte parti del mondo: decentrare il potere politico. Ma cosa significa federalismo? Il termine federalismo deriva dal latino foedus che significa patto, alleanza, accordo, unione. Da qui, si capisce come il federalismo abbia come fine quello di far convivere in una realtà statale coesa ed unita, le diverse entità territoriali caratterizzate da una profonda diversità tra loro. In altre parole, si desidera far convivere insieme le diversità nel patto federale. Il concetto di federalismo, però, non è chiaro ed univoco, tanto che non è in alcun modo possibile avere a disposizione una definizione teorica condivisa da tutti. In merito Alberini (1979) sosteneva: “Va osservato, al riguardo che allo Stato dei fatti si sa solo molto vagamente di che cosa si parla quando si parla di federalismo”.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

costituzione italiana
federalismo fiscale
mezzogiorno
rapporti economici tra nord sud
riforma della seconda parte della costituzione
senato federale

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi