Skip to content

Breve storia del cammino verso le pari opportunità

Informazioni tesi

  Autore: Valentina Ugolinelli
  Tipo: Tesi di Laurea
  Anno: 2004-05
  Università: Università degli Studi di Macerata
  Facoltà: Lettere e Filosofia
  Corso: Lettere moderne
  Relatore: Michele Millozzi
  Lingua: Italiano
  Num. pagine: 104

Il novecento ha segnato, in Italia ed in Europa, l’ingresso a pieno titolo delle donne come cittadine nella storia ufficiale. Anche la storiografia più reticente ad intrecciare gli eventi con i movimenti che li hanno rideterminati o ne sono stati influenzati, riconosce che il cambiamento più profondo e duraturo del secolo ha riguardato la condizione femminile.
La prima guerra mondiale ha comportato, in termini più qualitativi che quantitativi, una grande immissione delle donne nell’apparato produttivo: l’importanza del fenomeno, per le donne, è proprio nell’acquisizione di ruoli e mansioni nuove.
Ma dopo il tempo della visibilità femminile, divenuto forte nel periodo di assenza degli uomini, viene ricomposta la struttura della società basta sulla distinzione di un “maschile” politico e di un “femminile” sociale.
Per quanto riguarda i diritti delle donne, l’Italia abolì l’autorizzazione maritale, il limite a cui la donna era legata nella gestione patrimoniale e nelle attività commerciali, nel 1919 e contestualmente aveva consentito, seppure limitatamente ad alcuni ambiti, l’ingresso delle donne nei pubblici uffici. Questo sicuramente favorì lo screditamento delle pregiudiziali che gravitavano attorno alla questione del voto alle donne.
Ed è proprio sui dibattiti sul voto, che questo lavoro si sofferma ed in particolar modo su quelli tenuti nel periodo di transizione fra lo stato liberale ed il regime fascista.
Nel suddetto periodo si fece più intenso il dibattito parlamentare, timidamente iniziato negli anni immediatamente precedenti il conflitto, sulla “capacità giuridica delle donne”, ed in particolare sul loro diritto al voto.
Numerosi sono i resoconti del dibattito parlamentare di quel periodo ed il loro studio ha consentito la stesura di alcuni capitoli della prima parte di questo lavoro.
In quella fase il tema del suffragio era tra quelli che maggiormente potevano prestarsi a strumentalizzazioni e demagogie, tra i più adatti a creare ambiguità in un momento in cui Mussolini voleva mostrarsi garante della tradizione liberale.
Ma l’avvento del regime e la conseguente impossibilità di qualsiasi tipo di dibattito durante il periodo fascista, ci fa arrivare alla Costituzione che ha segnato il primo e fondamentale momento di partecipazione delle donne alla vita politica.
La Costituzione, introducendo l’obbligo dello stato ad eliminare le disuguaglianze di natura sociale ed economica, ha sì, sancito un profondo concetto di eguaglianza ma che rischiava di rimanere puramente formale se non fossero intervenute misure effettive ad limare le disuguaglianze economiche e sociali.
La seconda parte di questo lavoro ha voluto, in maniera riassuntiva, fare riferimento a questo tipo di conquiste, specificatamente a quelle nel mondo del lavoro, consapevole del fatto che il tema del lavoro per le donne è risultato sempre inestricabilmente legato a quello del riconoscimento della donna a livello sociale e istituzionale.
Questo processo, che trova giustificazione e spinta propulsiva nei dettami della Costituzione, ha attraversato gli anni della seconda metà del Novecento, le grandi battaglie degli anni Settanta, le “battaglia delle idee” degli anni Ottanta, battaglia, questa, che ha trovato il suo punto fermo nell’approvazione della legge 1° aprile 1991, n° 125, sulle azioni positive per la realizzazione della parità uomo donna in tema di lavoro.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista
Mostra/Nascondi contenuto.
1 INTRODUZIONE Il Novecento ha segnato, in Italia ed in Europa, l’ingresso a pieno titolo delle donne come cittadine nella storia ufficiale. Anche la storiografia più reticente ad intrecciare gli eventi con i movimenti che li hanno rideterminati o ne sono stati influenzati, ha ammesso che il cambiamento più profondo e duraturo del secolo ha riguardato la condizione femminile. La prima guerra mondiale ha comportato, in termini più qualitativi che quantitativi, una grande immissione delle donne nell’apparato produttivo: l’importanza del fenomeno, per le donne, è proprio nell’acquisizione di ruoli e mansioni nuove. Ma dopo il tempo della visibilità femminile, divenuto forte nel periodo di assenza degli uomini, viene ricomposta la struttura della società basata sulla distinzione di un “maschile” politico e di un “femminile” sociale. Per quanto riguarda i diritti delle donne, l’Italia abolì l’autorizzazione maritale, il limite a cui la donna era legata nella gestione patrimoniale e nelle attività commerciali, nel 1919 e contestualmente aveva consentito, seppure limitatamente ad alcuni ambiti, l’ingresso delle donne nei pubblici uffici. Questo sicuramente favorì lo screditamento delle pregiudiziali che gravitavano attorno alla questione del voto alle donne.

CONSULTA INTEGRALMENTE QUESTA TESI

La consultazione è esclusivamente in formato digitale .PDF

Acquista

FAQ

Per consultare la tesi è necessario essere registrati e acquistare la consultazione integrale del file, al costo di 29,89€.
Il pagamento può essere effettuato tramite carta di credito/carta prepagata, PayPal, bonifico bancario, bollettino postale.
Confermato il pagamento si potrà consultare i file esclusivamente in formato .PDF accedendo alla propria Home Personale. Si potrà quindi procedere a salvare o stampare il file.
Maggiori informazioni
Ingiustamente snobbata durante le ricerche bibliografiche, una tesi di laurea si rivela decisamente utile:
  • perché affronta un singolo argomento in modo sintetico e specifico come altri testi non fanno;
  • perché è un lavoro originale che si basa su una ricerca bibliografica accurata;
  • perché, a differenza di altri materiali che puoi reperire online, una tesi di laurea è stata verificata da un docente universitario e dalla commissione in sede d'esame. La nostra redazione inoltre controlla prima della pubblicazione la completezza dei materiali e, dal 2009, anche l'originalità della tesi attraverso il software antiplagio Compilatio.net.
  • L'utilizzo della consultazione integrale della tesi da parte dell'Utente che ne acquista il diritto è da considerarsi esclusivamente privato.
  • Nel caso in cui l'Utente volesse pubblicare o citare una tesi presente nel database del sito www.tesionline.it deve ottenere autorizzazione scritta dall'Autore della tesi stessa, il quale è unico detentore dei diritti.
  • L'Utente è l'unico ed esclusivo responsabile del materiale di cui acquista il diritto alla consultazione. Si impegna a non divulgare a mezzo stampa, editoria in genere, televisione, radio, Internet e/o qualsiasi altro mezzo divulgativo esistente o che venisse inventato, il contenuto della tesi che consulta o stralci della medesima. Verrà perseguito legalmente nel caso di riproduzione totale e/o parziale su qualsiasi mezzo e/o su qualsiasi supporto, nel caso di divulgazione nonché nel caso di ricavo economico derivante dallo sfruttamento del diritto acquisito.
  • L'Utente è a conoscenza che l'importo da lui pagato per la consultazione integrale della tesi prescelta è ripartito, a partire dalla seconda consultazione assoluta nell'anno in corso, al 50% tra l'Autore/i della tesi e Tesionline Srl, la società titolare del sito www.tesionline.it.
L'obiettivo di Tesionline è quello di rendere accessibile a una platea il più possibile vasta il patrimonio di cultura e conoscenza contenuto nelle tesi.
Per raggiungerlo, è fondamentale superare la barriera rappresentata dalla lingua. Ecco perché cerchiamo persone disponibili ad effettuare la traduzione delle tesi pubblicate nel nostro sito.
Scopri come funziona

DUBBI? Contattaci

Contatta la redazione a
[email protected]

Ci trovi su Skype (redazione_tesi)
dalle 9:00 alle 13:00

Oppure vieni a trovarci su

Parole chiave

pari opportunità
storia di donne
suffragio femminile
voto alle donne

Non hai trovato quello che cercavi?


Abbiamo più di 45.000 Tesi di Laurea: cerca nel nostro database

Oppure consulta la sezione dedicata ad appunti universitari selezionati e pubblicati dalla nostra redazione

Ottimizza la tua ricerca:

  • individua con precisione le parole chiave specifiche della tua ricerca
  • elimina i termini non significativi (aggettivi, articoli, avverbi...)
  • se non hai risultati amplia la ricerca con termini via via più generici (ad esempio da "anziano oncologico" a "paziente oncologico")
  • utilizza la ricerca avanzata
  • utilizza gli operatori booleani (and, or, "")

Idee per la tesi?

Scopri le migliori tesi scelte da noi sugli argomenti recenti


Come si scrive una tesi di laurea?


A quale cattedra chiedere la tesi? Quale sarà il docente più disponibile? Quale l'argomento più interessante per me? ...e quale quello più interessante per il mondo del lavoro?

Scarica gratuitamente la nostra guida "Come si scrive una tesi di laurea" e iscriviti alla newsletter per ricevere consigli e materiale utile.


La tesi l'ho già scritta,
ora cosa ne faccio?


La tua tesi ti ha aiutato ad ottenere quel sudato titolo di studio, ma può darti molto di più: ti differenzia dai tuoi colleghi universitari, mostra i tuoi interessi ed è un lavoro di ricerca unico, che può essere utile anche ad altri.

Il nostro consiglio è di non sprecare tutto questo lavoro:

È ora di pubblicare la tesi